Enrico Brusoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enrico Brusoni
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, Pista
Ritirato 1904
Carriera
Squadre di club
1902-1904Dei
Nazionale
1900-1901 Italia Italia
Palmarès
Olympic flag.svg Giochi olimpici
Oro Parigi 1900 C. a punti
 

Enrico Brusoni, secondo alcune fonti Ernesto Mario Brusoni (Arezzo, 10 dicembre 1878Bergamo, 26 novembre 1949), è stato un pistard e ciclista su strada italiano.

Professionista dal 1902 al 1904, nel 1900 vinse la medaglia d'oro nella gara a punti ai Giochi della II Olimpiade di Parigi.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Brusoni si mise in luce tra i dilettanti vincendo nel 1898 la Coppa del Re e il primo oro olimpico per l'Italia ai Giochi di Parigi del 1900 nella gara individuale a punti, titolo che gli fu riconosciuto solo un secolo dopo[1]. Il CONI considera la vittoria di Brusoni nel medagliere olimpico italiano, mentre il CIO non riconosce quella gara come prova ufficiale del programma della II Olimpiade[2]. L'anno successivo vinse il titolo italiano nella velocità, dopo aver concluso al secondo posto nel 1900[3].

Sempre in questi due anni partecipò a due edizioni dei mondiali su pista gareggiando nella velocità, senza tuttavia superare la semifinale in entrambi i casi[3].

Nel 1899 stabilì il record nazionale dell'ora dietro moto con 54,785 km[3].

Passò professionista nel 1902 e riuscì ad aggiudicarsi due edizioni della Gran Fondo La Seicento (sulle distanze di 540 km e 600 km, rispettivamente)[3].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Re
Gran Fondo La Seicento
Gran Fondo La Seicento

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Parigi 1900 - Velocità: 15º
Parigi 1900 - Corsa a punti: vincitore

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Parigi, un oro cent' anni dopo, in gazzetta.it, 8 luglio 2000. URL consultato il 13 febbraio 2011.
  2. ^ In generale le statistiche delle prime Olimpiadi non sono pienamente attendibili, perché non esistono archivi ufficiali dell'epoca, e i dati sono stati ricostruiti molti anni dopo ricercando tra varie fonti. Inoltre, nelle prime edizioni dei Giochi la maggior parte degli atleti partecipava a titolo individuale, fino a quando non vennero istituiti i vari comitati olimpici nazionali e di conseguenza le delegazioni olimpiche ufficiali dei rispettivi paesi (il CONI fu fondato nel 1914).
  3. ^ a b c d Storia di Enrico Brusoni, museociclismo.it. URL consultato il 13 febbraio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]