Eduardo Bruno (politico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eduardo Bruno

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XIII
Gruppo
parlamentare
Partito della Rifondazione Comunista - Partito dei Comunisti Italiani
Coalizione Progressisti
Circoscrizione Toscana
Incarichi parlamentari
  • membro della Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni

Dati generali
Partito politico Partito Comunista Italiano (?-1991)
Partito della Rifondazione Comunista (1996-1998)
Partito dei Comunisti Italiani (1998-2009)
Partito Comunista (2009-)
Titolo di studio Laurea in architettura
Professione Insegnante

Eduardo Bruno (Rose, 10 settembre 1951) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Calabria, si trasferisce in Toscana in giovane età. Laureato in architettura.

È stato membro del PCI. Viene eletto alla Camera dei deputati nel 1996 nelle file di Rifondazione Comunista e viene designato come membro della Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni. Dopo la caduta del Governo Prodi, nell'ottobre 1998 segue Armando Cossutta e Oliviero Diliberto nella scissione che dà vita al Partito dei Comunisti Italiani. Tale partito, alle elezioni regionali del 2005, ne consente l'elezione nel Consiglio Regionale della Toscana, dove ricopre il ruolo di Presidente della Commissione Lavoro.

Nel 2009 aderisce al neonato movimento Comunisti - Sinistra Popolare[1], che assumerà in seguito il nome di Partito Comunista.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comunisti sì ma senza poltrone, su Repubblica.it, 29 novembre 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]