Economisti classici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Economia classica)
Jump to navigation Jump to search

Gli economisti classici sono cronologicamente la terza scuola di pensiero economico, dopo il mercantilismo (e il cameralismo) e i fisiocratici, e sono considerati la prima scuola moderna, che fonda la scienza economica come la conosciamo oggi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Liberismo, Laissez-faire e Mano invisibile.

L'interesse principale degli economisti classici è spiegare il processo di sviluppo economico, della società o della nazione e non più del sovrano o dello Stato, in un contesto storico materiale di rivoluzione industriale e di affermazione del capitalismo. L'interrogativo centrale è come la società possa progredire quando ogni individuo, sia pure appartenente ad una classe sociale, è libero di farsi guidare dal proprio interesse individuale. Come tale, la scuola degli economisti classici fa parte del pensiero dell'Illuminismo.

In sintesi, i principali temi trattati dal pensiero classico riguardano:

  • Il valore di scambio fra le merci (che rimanda alla teoria del valore-lavoro, cioè alla quantità di lavoro necessaria per produrle)
  • La distinzione fra prezzo di mercato e prezzo naturale (ed interesse per quest'ultimo)
  • L'idea che la curva di offerta delle merci sia orizzontale (a parte qualche eccezione come ad esempio i beni agricoli in David Ricardo) e che quindi sia l'offerta a determinare il prezzo naturale di esse, mentre la domanda ne determina solo la quantità
  • L'analisi economica in termini di capitale, terra e lavoro / profitto, rendita e salari
  • La teoria malthusiana della popolazione per spiegare il livello dei salari.

Il 1776, anno di pubblicazione de La ricchezza delle nazioni di Adam Smith, è convenzionalmente considerato l'inizio della scuola classica, che offrirà contributi fino alla seconda metà del XIX secolo. Sempre convenzionalmente, la successiva scuola dell'economia neoclassica (o marginalismo) si data dal 1871-1874, anni di pubblicazione delle prime opere sistematiche di William Stanley Jevons, Carl Menger e Léon Walras. Ostile, e contemporanea, ad entrambe fu la scuola storica tedesca dell'economia.

Secondo la teoria Classica, il lavoro è dato da forze automatiche (teoria della mano invisibile). Infatti, secondo i classici, il mercato libero funziona automaticamente, si regola da solo senza l'intervento dello Stato. Quindi, la domanda e l'offerta si incontrano da soli. Tuttavia, lo Stato deve assicurare la difesa, la giustizia e deve occuparsi delle opere pubbliche.

Un altro grande esponente del Liberismo fu David Ricardo che studiò a lungo il settore primario. Ricardo si basava su un particolare schema. Immaginiamo una torta divisa in tre parti uguali. La prima parte sono i salari, che spettano ai lavoratori. Secondo Ricardo, i salari tendono a stabilizzarsi a livello di sussistenza. Se aumentano i salari, c'è più benessere e aumenta la popolazione, quindi aumenta anche la forza lavoro e diminuisce il prezzo. Se il prezzo diminuisce, anche i salari diminuiscono e con esso anche la popolazione e la forza lavoro, quindi aumentano i salari.

La seconda parte è la rendita, che spetta ai proprietari terrieri. Secondo Ricardo, la rendita è destinata sempre ad aumentare. Infine abbiamo il profitto, che spetta ai capitalisti. Questo, invece, tende sempre a diminuire. La somma dei salari, delle rendite e dei profitti daranno il prodotto totale. Questo schema porterà ad uno stato stazionario.

Una forte critica all'economia classica è venuta dall'economia keynesiana a partire dalle teorie elaborate da John Maynard Keynes.

Principali economisti classici[modifica | modifica wikitesto]

Tra i principali economisti classici vi sono:

Controllo di autoritàGND (DE4128353-3
Economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia