David Ricardo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Ricardo

David Ricardo (Londra, 19 aprile 1772Gatcombe Park, 11 settembre 1823) è stato un economista britannico, considerato uno dei massimi esponenti della scuola classica.

Quadro storico[modifica | modifica wikitesto]

Di famiglia ebraica sefardita che aveva risieduto per molti anni a Livorno, Ricardo visse nel periodo delle guerre napoleoniche, che videro il Regno Unito tenace avversario della Francia, alla conclusione delle quali segue la fase della Restaurazione. È un'epoca di profondi cambiamenti economici e sociali, contraddistinta dalla rivoluzione industriale nel Regno Unito e in generale dal processo di trasformazione delle economie europee in senso capitalistico. In questa fase storica viene quindi a prodursi un contrasto, con conseguenti conflitti sociali e politici, tra il ritorno all'assetto istituzionale e politico precedente alla Rivoluzione Francese, dominato dall'aristocrazia assolutista, e lo sviluppo di un sistema di produzione in cui il potere economico tende a concentrarsi nelle mani della borghesia, mentre una crescente massa di proletari offre manodopera a buon mercato funzionale alla trasformazione economica in atto.

Mentre la progressiva introduzione delle macchine nel processo produttivo causava la disoccupazione di una massa crescente di lavoratori, le Corn Laws imponevano l'applicazione di dazi sulle importazioni di cereali.

I prezzi interni di questi prodotti rimanevano quindi elevati come al tempo del blocco commerciale cui il Regno Unito era stato sottoposto durante le guerre contro la Francia di Napoleone. L'alto prezzo del grano e degli altri cereali andava a vantaggio delle rendite dei proprietari terrieri e riduceva, invece, i profitti sul capitale: i salari reali, già molto bassi, non potevano diminuire ulteriormente e gli alti prezzi degli alimenti implicavano la necessità di pagare salari monetari adeguati a quei prezzi. La borghesia capitalista spingeva perciò, sul piano istituzionale, per una riforma elettorale che ridimensionasse la rappresentanza dei proprietari terrieri in Parlamento e, sul piano economico, per l'abolizione delle barriere protezionistiche. Risultati questi che saranno però ottenuti solo, rispettivamente, nel 1832 e nel 1846.

Comincia a manifestarsi in questo periodo anche il conflitto tra capitale e lavoro, alimentato dalla miseria delle condizioni di vita degli operai stretti tra la morsa dei bassi salari e della disoccupazione. In Inghilterra le lotte operaie presero inizialmente la forma del luddismo, il movimento, forte e ben organizzato, che vedeva l'impiego dei macchinari come causa della disoccupazione e ne osteggiava quindi l'introduzione nelle fabbriche. Proprio la forza del movimento determinò una repressione durissima e sanguinosa da parte del governo inglese.

La teoria della distribuzione e del valore (teoria dei vantaggi comparati)[modifica | modifica wikitesto]

Ricardo diede due versioni della teoria del saggio del profitto: la prima nel “Saggio sui profitti” del 1815 (il titolo originale completo è “Essay on the influence of a Low Price of Corn on the Profits of Stock”) e la seconda nei “Principi di Economia Politica” (uscita in tre successive edizioni: 1817-19-21).

Il Saggio sui profitti[modifica | modifica wikitesto]

In questa opera Ricardo afferma il principio che il saggio del profitto nell'intera economia è determinato dal saggio del profitto che si stabilisce in agricoltura. La giustificazione logica di questo principio sta in due ipotesi:

  • che il capitale, in accordo con quanto Smith aveva affermato, consista soltanto dei mezzi di sussistenza anticipati annualmente ai lavoratori come salario;
  • che quei mezzi di sussistenza consistano interamente di grano.

L'agricoltura allora si trova in una posizione del tutto particolare, in quanto si ha in essa omogeneità tra prodotto e capitale. Il saggio del profitto i vi può essere determinato come rapporto tra quantità fisiche: come rapporto cioè tra il sovrappiù P – N, ed il capitale N relativi alla produzione agricola, entrambi misurati in grano, ossia:

i = (Pa – Na) / Na

da cui, considerando il valore dei fattori in lavoro comandato L, avremo:
i = (Pa / Na) - 1
i = (La*ya / La*wa) - 1
i = (ya / wa) - 1
con ya = prodotto per lavoratore in agricoltura.

Perciò il saggio del profitto può cambiare solo se varia il saggio del salario o il prodotto per lavoratore in agricoltura. Ne segue che il saggio del profitto agricolo sarà del tutto indipendente dai valori di scambio. Inoltre, poiché la concorrenza tra capitalisti tenderà a realizzare un saggio uniforme di profitto in tutta l'economia, sarà il valore dei prodotti diversi dal grano a modificarsi relativamente al grano (che costituisce il capitale in tutti i rami produttivi) così da fornire per la loro produzione il saggio del profitto realizzatosi in agricoltura.

Esempio: si supponga che un operaio produca in un anno 100 m di tela; che il salario annuo anticipato all'inizio del ciclo produttivo sia 100 kg di grano; il saggio del profitto in agricoltura sia del 20 %: 1 m di tela si dovrà scambiare con 1.2 kg di grano. Se, infatti, il prezzo della tela fosse ad esempio 1.3 kg di grano, il saggio del profitto nel produrre la tela sarebbe del 30 % ed i capitali impiegati nel produrre grano verrebbero trasferiti alla produzione di tela, finché la concorrenza abbia riportato ridotto il valore della tela a 1.2 kg di grano e viceversa, nel caso in cui la tela fosse inizialmente inferiore a 1.2 kg di grano.

Rimane ora da vedere che cosa determini il saggio del profitto nell'agricoltura e quindi in tutta l'economia. Ricardo fu spinto a riflettere sul problema dei profitti dalla questione, allora dibattuta in Inghilterra, circa l'opportunità di stabilire dei dazi sulla importazione del grano, allo scopo di contrastare il ribasso dei prezzi del grano verificatosi al termine delle guerre napoleoniche. Sia Malthus che Ricardo ritenevano che i dazi sul grano sarebbero stati utili o dannosi secondo che ne fosse seguito un aumento o una diminuzione del saggio del profitto. Seguendo Smith essi consideravano i profitti come la fonte principale di accumulazione di capitale e quindi di ricchezza della nazione. Malthus riteneva che i dazi sul grano, aumentando le rendite fondiarie, avrebbero creato “un più ampio mercato” per i prodotti e favorito alti prezzi e alti profitti in tutti i rami produttivi. Ricardo riteneva, invece, che il saggio del profitto non potesse aumentare (diminuire) che per l'una o per l'altra di queste due circostanze:

  • la diminuzione (aumento) della quantità di beni data al lavoratore come salario (Ricardo riteneva che l'azione di questo fattore potesse essere soltanto temporanea poiché vi sarebbe stata una tendenza del saggio del salario a gravitare verso il livello abituale di sussistenza dei lavoratori);
  • la produttività del lavoro in agricoltura.

Ora l'imposizione di dazi sul grano, contraendo l'importazione e costringendo quindi a coltivare terre meno fertili, avrebbe ridotto la produttività del lavoro agricolo e quindi il saggio del profitto. Per dimostrare questa sua teoria dei profitti Ricardo si serve anche di una teoria della rendita della terra, che era stata formulata da Malthus: come vedremo la funzione di questa teoria di Ricardo è di permettergli di isolare la rendita così da poter concentrare l'attenzione sulla divisione del prodotto tra salari e profitti. Il ragionamento con cui Ricardo giunge alla sua teoria dei profitti può essere meglio seguito con un esempio ripreso, con alcune modifiche, dal “Saggio sui profitti”.

A, B,C = tipi di terra in ordine di fertilità decrescente;

L = numero lavoratori;

Capitale = salari anticipati;

300 q di grano = prodotto lordo che, per ipotesi, si vuole ottenere da ogni tipo di terra;

10 q di grano = salario annuale di un lavoratore.

In un primo tempo, per produrre grano, è sufficiente coltivare la terra più fertile, del tipo A, su cui per ottenere 300 quintali di grano si devono impiegare 20 lavoratori. Poniamo che il salario di un lavoratore sia 10 q; il capitale, anticipazione dei salari sarà quindi 200 q. Resta un prodotto netto, cioè un sovrappiù, di 100 q di grano. Non ci sono rendite poiché, essendovi sovrabbondanza di terre, la concorrenza tra proprietari fondiari impedisce che si formi una rendita. Tutto il sovrappiù costituisce perciò profitti ed il saggio del profitto sarà:

100 / 200 = 50%

Quando però le terre A non siano più sufficienti, diviene necessario estendere la coltivazione alle terre di tipo B, meno fertili, dove 21 lavoratori sono necessari per ottenere lo stesso prodotto di 300 q di grano. Il saggio del profitto delle terre B (che essendo sovrabbondanti non danno rendita) sarà inferiore:

90 / 210 = 43%

Poiché 210 è il capitale necessario per ottenere 300 q di grano. A quello stesso saggio del profitto si giungerà anche sulle terre A, dove la concorrenza indurrà i capitalisti ad offrire una rendita, che arriverà ad essere pari alla differenza tra il prodotto netto ed il profitto ottenibile, per quel capitale, sulle terre meno fertili. Quando, in un terzo tempo, anche le terre del tipo C entreranno nella coltivazione, il saggio del profitto diminuirà ancora:

80 / 220 = 36%

E per le stesse ragioni dette sopra, si avrà una rendita anche per le terre di tipo B mentre la rendita della terra A aumenterà. Quindi il saggio del profitto diminuisce (e le rendite fondiarie aumentano) quando, per l'aumento della popolazione o per l'imposizione di dazi sul grano, la produttività del lavoro agricolo diminuisca con l'estensione della coltivazione alle terre meno fertili. È evidente, d'altro lato, che il saggio del profitto, in ciascuna delle tre situazioni considerate, sarebbe stato inferiore se il saggio del salario fosse stato superiore e viceversa.

È chiaro come il ragionamento con cui Ricardo giunge a queste conclusioni poggi sull'ipotesi indicata all'inizio, che i salari consistano soltanto di grano. Se si ammette, infatti, che il saggio del salario comprenda altre merci oltre al grano, la linea di argomentazione seguita nel “saggio sui profitti” non permette più di affermare che il saggio del profitto diminuirà al diminuire della produttività del lavoro agricolo e all'aumentare di una o più tra le quantità di beni che costituiscono il salario: bisognerà allora tenere conto degli effetti che queste circostanze possono avere sui valori relativi delle merci; in altre parole viene meno, con l'omogeneità tra prodotto e capitale agricoli, la possibilità di individuare nell'agricoltura un settore dove il saggio del profitto è indipendente dai valori relativi delle merci.

Esempio: Supponiamo che il salario annuale di sussistenza sia 5 q di grano e 50 m di stoffa. Supponiamo inoltre che, quando soltanto la terre A sono coltivate 1 q di grano si scambi con 10 m di stoffa. Il saggio annuale di salario valutato in grano sarà allora 10 q e il saggio del profitto sarà il 50%. Supponiamo ancora che, in conseguenza dell'imposizione di dazi sul grano, vengano poste in coltivazione anche le terre di tipo B. Se, per effetto di ciò, il prezzo del grano in termini di stoffa aumentasse da 10 m a 12.5 m, il saggio annuale del salario valutato in grano diminuirebbe da 10 q a 9 q. Il capitale necessario per ottenere 300 q di grano sulle terre B (dove non si paga la rendita) avrebbe allora un valore di 21 x 9 = 189 q di grano; i profitti sarebbero allora di 111 q e il saggio del profitto sarebbe aumentato a:

111 / 189 = 58%

E non diminuito al 43%. Non sarà perciò possibile dire nulla circa gli effetti sul saggio del profitto della coltivazione delle terre B finché non si sia in grado di determinare gli effetti di quella circostanza sul rapporto di scambio tra grano e stoffa.

Non può perciò stupire che Ricardo nel preparare una nuova edizione del “Saggio sui profitti” si sia trovato ad affrontare il problema del valore e ne sia nato un libro del tutto diverso: i “Principi di Economia politica”.

I Principi dell' Economia Politica e della Tassazione[modifica | modifica wikitesto]

Ritroviamo nei “Principi” le stesse conclusioni del “Saggio” circa le due circostanze da cui dipende il saggio del profitto (le quantità di merci che costituiscono il saggio del salario; e la produttività del lavoro nella produzione delle merci-salario) ma l'argomentazione è mutata. Essa è ora fondata su una teoria generale del valore: la teoria secondo cui il rapporto in cui le merci si scambiano è determinato dalla quantità di lavoro occorso a produrle. Ricardo può evitare di supporre che i salari consistano soltanto di grano. Inizieremo l'esposizione con la teoria del valore e vedremo poi come essa sia posta a base della teoria della distribuzione.

Esempio: supponiamo che per ottenere alla fine di un ciclo produttivo annuale una misura di grano, ad esempio 100 q, occorrano 5 lavoratori e che, per ottenere invece una misura di tela, ad esempio 100 m, basti un lavoratore. Supponiamo inoltre che il salario annuo di un lavoratore sia 10 sterline, e che per la produzione, sia del grano sia della tela, il solo capitale impiegato sia quello necessario per pagare i salari all'inizio del ciclo produttivo. Se il saggio del profitto è del 50% il valore di una misura di grano sarà:

(10 x 5) (1 + 0.5) = 75 sterline

e quello di una misura di tela:

(10 x 1) (1 + 0.5) = 15 sterline

Per ottenere una misura di grano saranno perciò necessarie 5 misure di tela. Rapporto che è pari a quello tra le quantità di lavoro necessarie per produrre le due merci.

Essendo determinato dalle quantità di lavoro incorporate, il valore del grano relativamente alla tela dipende da circostanze tecniche e non può quindi mutare al mutare del saggio di salario e/o profitto. Se, infatti, il saggio del salario fosse di 12 sterline e quello del profitto del 25%, il valore di una misura di grano sarebbe:

(12 x 5) (1 + 0.25) = 75 sterline

e quello della misura di tela:

(12 x 1) (1 + 0.25) = 15 sterline

Una misura di grano si scambierebbe ancora con 5 misure di tela.

Nel ragionamento precedente abbiamo supposto che la durata del ciclo produttivo (e quindi il periodo di anticipazione dei salari) fosse la stessa sia per il grano sia per la tela. Abbiamo supposto inoltre che le produzioni di grano e di tela non richiedessero attrezzi o macchinari. Le conclusioni sarebbero state diverse se si fosse supposto che la durata del ciclo produttivo fosse diversa o che ogni lavoratore utilizzasse attrezzi di valore diverso nei due processi.

Esempio: Si supponga che il ciclo produttivo della tela sia di due anni, anziché di un anno come quello del grano. Il valore della tela sarà, quando il saggio del salario sia di 10 sterline e quello del profitto il 50%:

10(1 + 0.5) 2 = 22.5

Una misura di grano si scambierà perciò con:

75 / 22.5 = 3.3 misure di tela e non 5,

come richiesto dalla regola del lavoro incorporato. Come è facile verificare, inoltre, il valore del grano varierà al variare del saggio del profitto: aumenterà al diminuire di quest'ultimo. Ricardo ammise questa possibilità come “eccezione” e continuò a basare la sua teoria della distribuzione su questo principio.

Prima di procedere alla teoria del saggio di profitto occorre considerare la rendita della terra. Essa trova però facile collocazione nella teoria della distribuzione dei “Principi” quando si rifletta che il rapporto di scambio tra il grano e le altre merci dovrà essere regolato dalla quantità di lavoro occorso per produrlo sulle terre meno fertili in coltivazione; in caso diverso, chi impieghi il suo capitale sulle terre meno fertili non potrebbe ottenere il saggio di profitto ottenibile negli altri rami produttivi. D'altro lato, se il valore del grano è determinato dalla quantità di lavoro necessaria per produrlo sulle terre meno fertili, il valore del prodotto delle terre più fertili renderà più di quanto necessario per remunerare ai saggi vigenti il lavoro e il capitale ivi impiegato: la concorrenza tra capitalisti farà sì che questa eccedenza vada ai proprietari fondiari come rendita.

Esempio: Consideriamo il valore relativo della tela e del grano, entrambi prodotti con ciclo produttivo annuale, quando siano in coltivazione due tipi di terre: B dove una misura di grano richiede il lavoro di 5 uomini per un anno e A dove lo stesso prodotto richiede 4 uomini. Una misura di tela richiede, invece, il lavoro di un uomo. Posto pari a 10 sterline il saggio annuale di salario e al 50% il saggio di profitto, 1 misura di grano dovrà valere 75 sterline e una di tela 15 sterline. Se il grano dovesse valere solo 60 sterline, e scambiarsi quindi con la tela secondo la quantità di lavoro che occorre per produrlo sulle terre A, il capitale impiegato sulle terre B renderebbe il 20% e non il 50% e le terre verrebbero abbandonate. Poiché si è invece supposto che le terre B siano coltivate, il prezzo del grano deve essere 75 sterline. Sulle terre A saranno sufficienti 60 sterline a pagare i salari dei 4 lavoratori nonché il profitto del 50% sul capitale di 40 sterline: 15 sterline andranno perciò al proprietario come rendita.

Ora nei “Principi” ritroviamo la teoria dei profitti del “Saggio”. La differenza nell'argomentazione sta solo nel fatto che mentre nell'opera precedente il prodotto P e il “consumo necessario” N erano misurati in termini di grano, nei “Principi” quelle quantità sono misurate in termini di lavoro incorporato. Questa differenza è importante. Essa permette a Ricardo di considerare la determinazione del profitto nell'economia come un tutto risolvendo, nei limiti che vedremo, il problema del valore e di abbandonare l'ipotesi che i salari consistano interamente di grano. Ricardo, inoltre, offre una prima soluzione al problema, visto in Smith, che si pone quando la nozione di sovrappiù venga usata per l'analisi del processo produttivo sociale: come esprimere il valore di aggregati dati di merci in termini che non presuppongono la conoscenza di come il prodotto sociale sia diviso tra salari, profitti e rendite. La quantità di lavoro necessaria per produrre le merci soddisfa quel requisito, essa dipende soltanto dalle condizioni tecniche della produzione.

Rimangono ora da considerare le questioni che Ricardo lasciò insolute. Esse sono essenzialmente le due che già abbiamo avuto modo di rilevare. La prima, relativa alla teoria quale essa è enunciata nei “Principi”, sta nel fatto che le merci si scambiano secondo il lavoro incorporato soltanto nell'ipotesi di eguaglianza, in tutti i rami produttivi, del periodo di anticipazione dei salari e del valore dei mezzi di produzione impiegati da ogni lavoratore. Quando le merci non si scambiano secondo il lavoro incorporato non è più possibile affermare che il saggio del profitto sia dato dal rapporto tra il lavoro incorporato nel sovrappiù S = P – N e quello incorporato nel “consumo necessario” N. Ricardo si rende conto di questa deficienza della sua teoria e, come un manoscritto venuto recentemente alla luce mostra, ancora negli ultimi giorni della sua vita egli stava tentando di risolverla.

L'altra deficienza della teoria dei profitti di Ricardo è la riduzione del capitale ai salari annui. Su questo punto esistono in Ricardo numerose contraddizioni. Da un lato egli, soprattutto quando si riferisce ai singoli produttori, riconosce l'esistenza di un capitale costituito da mezzi di produzione, accanto a quello costituito dai mezzi di sussistenza anticipati ai lavoratori per la durata del ciclo produttivo annuo, e ne tiene conto nel calcolare il saggio del profitto. Dall'altro quando enuncia i fattori che determinano il saggio del profitto nell'intera economia, non sembra avvedersi che i mezzi di produzione impiegati costituiscano una circostanza che può influire sul saggio del profitto in modo del tutto indipendente dal rapporto S / N.

La teoria del salario[modifica | modifica wikitesto]

Adam Smith
Thomas Malthus

La teoria del salario di Ricardo è per certi aspetti simile a quella di Adam Smith e per altri, invece, se ne discosta. Essa può essere rappresentata con riferimento a quattro punti essenziali:

  • come in Smith, c'è in Ricardo l'idea di un saggio del salario minimo, che per Ricardo corrisponde a ciò che è necessario per la sussistenza del lavoratore e della sua famiglia;
  • come in Smith, se il saggio del salario si mantiene al suo livello minimo la popolazione lavoratrice tende a rimanere stazionaria, tende invece ad aumentare se il salario sale al di sopra della sussistenza;
  • diversamente da Smith, non c'è in Ricardo un esplicito riferimento alla forza contrattuale dei lavoratori rispetto ai datori di salario quale circostanza che influisce sul livello dei salari;
  • diversamente da Smith, il livello naturale del salario è identificato con la sussistenza.

La teoria di Ricardo appare dunque più “meccanica” di quella di Smith, per il quale il salario naturale dipendeva, in ogni fase storica, dalla forza contrattuale delle parti: i lavoratori da un lato e i “masters” dall'altro. Pur ritenendo che i lavoratori fossero più spesso in una posizione di debolezza rispetto ai datori di retribuzione, e quindi nell'incapacità di ottenere un salario superiore alla sussistenza, Smith ammetteva che le condizioni economico-sociali potessero modificarsi, in particolare per effetto dell'accumulazione del capitale, in modo da far permanere anche a lungo il salario naturale a livelli superiori al minimo. La visione di Ricardo è meno articolata e, anche per l'influenza che su questi temi era al tempo esercitata da Malthus, egli è portato a far coincidere il salario naturale con la mera sussistenza. In analogia con la tendenza del prezzo di mercato di una merce verso il prezzo naturale, Ricardo considera il saggio del salario superiore alla sussistenza come un livello di “mercato” del salario, perciò soltanto temporaneo, destinato a ritornare verso il valore naturale per effetto dell'aumento dell'“offerta” di lavoro relativamente alla “domanda”.

A questo riguardo è utile precisare che in Ricardo, come in Smith, la domanda di lavoro è intesa come il numero di lavoratori produttivi impiegati nell'economia, mentre l'offerta di lavoro rappresenta la popolazione in grado di lavorare: il rapporto tra domanda e offerta di lavoro esprime perciò la quota della popolazione lavoratrice impiegata nel processo produttivo. Ricardo ritiene che se il rapporto aumenta, fino al limite ad avvicinarsi all'unità, il salario di mercato potrà aumentare al di sopra del salario naturale ma l'aumento di popolazione, indotto da salari maggiori della sussistenza, tenderà a riportare il salario verso il suo livello naturale, corrispondente alla sussistenza.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Works, 1852 (Da BEIC, biblioteca digitale.)
  • (EN) David Ricardo, The works of David Ricardo, London, Murray, John, 1852. URL consultato il 13 luglio 2015.
  • 1976 - F. Vianello, Introduzione a D. Ricardo, Sui principi dell'economia politica e delle tassazione, Milano, Isedi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN34462180 · LCCN: (ENn78095325 · ISNI: (EN0000 0001 2127 2513 · GND: (DE118600214 · BNF: (FRcb11921814d (data) · NLA: (EN35450308 · BAV: ADV11084354 · CERL: cnp01318302