Dyacopterus brooksi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pipistrello della frutta Dayak di Brook
Immagine di Dyacopterus brooksi mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Chiroptera
Sottordine Megachiroptera
Famiglia Pteropodidae
Genere Dyacopterus
Specie D.brooksi
Nomenclatura binomiale
D.brooksi
Thomas, 1920

Il Pipistrello della frutta Dayak di Brook (Dyacopterus brooksi Thomas, 1920) è un pipistrello appartenente alla famiglia degli Pteropodidi, endemico dell'isola di Sumatra.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di medie dimensioni con lunghezza dell'avambraccio tra 81 e 83 mm, la lunghezza della testa e del corpo tra 116 e 120 mm, la lunghezza della coda tra 17 e 20 mm e un peso fino a 91 g.[3]
Le parti dorsali e i fianchi sono marroni, il petto e l'addome biancastri, mentre la testa non è eccessivamente più scura del resto del corpo come in D. spadiceus. Un'area estesa giallastra è presente sulle spalle. Le orecchie sono corte, strette e appuntite. I ciuffi di peli sui lati del collo sono poco sviluppati, leggermente più scuri della pelliccia circostante. I margini del labbro superiore sono ricoperti di verruche. Il cuscinetto presente all'estremità del labbro inferiore è diviso in due parti.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Una femmina catturata in ottobre stava allattando.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è endemica di Sumatra.

Vive nelle foreste primarie e secondarie di pianura.[1]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il declino della popolazione del 30% negli ultimi quindici anni a causa della deforestazione, classifica D.brooksi come specie vulnerabile (VU).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Maharadatunkamsi, D., Sinaga, U. & Kingston, T. 2008, Dyacopterus brooksi su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Dyacopterus brooksi in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Andersen, 1912

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi