Doug Watkins

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Doug Watkins
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Jazz
Periodo di attività 1953-1962
Strumento Contrabbasso
Etichetta Transition Records, Prestige Records
Gruppi James Moody, Barry Harris, Art Blakey, The Jazz Messengers, Coleman Hawkins, Kenny Dorham, Hank Mobley, Horace Silver, Gene Ammons
Album pubblicati 2
Studio 2

Douglas Watkins (Detroit, Michigan, 2 marzo 1934Holbrook, Arizona, 5 febbraio 1962[1][2]) è stato un contrabbassista di musica jazz statunitense.

La carriera di Doug Watkins, pur se breve, a causa della sua prematura scomparsa, dovuta ad un incidente stradale[2], fu intensissima, grazie alla sua grande abilità al contrabbasso che lo portò ad essere tra i sidemen più richiesti in sala di registrazione, prendendo parte a centinaia d'incisioni in albums per altri jazzisti di primo piano, come: Stan Getz, Charlie Parker, Coleman Hawkins, Donald Byrd, Art Farmer, Horace Silver, Art Blakey, Kenny Dorham, Bill Hardman, Charles Mingus, Paul Quinichette, Phil Woods, Benny Golson, Curtis Fuller, Gene Ammons, Kenny Burrell, Lee Morgan, Dizzy Reece, Louis Smith, Jackie McLean, Sonny Rollins, Wilbur Harden, Pepper Adams e molti altri.La sua carriera, dopo iniziali performance a livello locale nella natia Detroit, ebbe una decisiva svolta nel 1953, quando assieme al sassofonista James Moody intraprese un tour, l'anno successivo entrò a far parte del trio del pianista Barry Harris, per poi entrare, come membro originale degli appena costituiti Jazz Messengers di Art Blakey, che lascerà appena due anni dopo, per lavorare come sideman in studio di registrazione (essenzialmente, ma non solo, per l'etichetta Prestige Records).Contrabbassista dal tocco rilassato e dotato di notevole senso melodico, Doug fu un eccellente accompagnatore musicale (rari i suoi assoli), al suo attivo solamente due albums a suo nome.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

come Leader

Come sideman[modifica | modifica wikitesto]

con Horace Silver
con Will Bradley, Jr.
con J.R. Monterose
con Hank Mobley
con Jackie McLean
con Jackie McLean & John Jenkins
con The Jazz Messengers
con Art Blakey
con Rita Reyes, Art Blakey and The Jazz Messengers
con Donald Byrd
con Donald Byrd e John Jenkins
con Phil Woods
con Sonny Rollins
con Gene Ammons
con Art Farmer e Donald Byrd
con Lee Morgan
con Kenny Burrell
con Kenny Burrell e Jimmy Raney
con Herbie Mann e Bobby Jaspar
con Tommy Flanagan
con John Coltrane
  • 1957 - Dakar (Prestige Records)
con John Coltrane e Frank Wess
con Paul Quinichette
con Curtis Fuller
con Pepper Adams
con Pepper Adams e Jimmy Knepper
con Sonny Red
con Idrees Sulieman
  • 1957 - Roots (Prestige Records)
con Toots Thielemans
con Wilbur Harden
con Tina Brooks
con Don Elliott
con Stan Getz
con George Arvanitas
  • 1958 - 3 A.M. (Pretoria Records)
con Art Taylor
con Red Garland
con Red Garland e Coleman Hawkins
con Big Joe Turner
con Benny Golson
con Dizzy Reece
con Billy Taylor
con Bill Hardman
con Charles Mingus

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Doug Watkins su AllMusic, All Media Network. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  2. ^ a b (EN) Doug Watkins, tripod.com. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  3. ^ (EN) Doug Watkins discography, pagesperso-orange.fr. URL consultato l'8 febbraio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 71585781 · LCCN: n81055687 · GND: 134551419