Domenico Gabrielli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Domenico Gabrielli (Bologna, 19 ottobre o 15 aprile 1659 o 1651 – Bologna, 10 luglio 1690) è stato un compositore e violoncellista italiano. In vita era soprannominato Minghino del violoncello, in quanto in dialetto bolognese (Mingéin dal viulunzèl) Mingéin è un diminutivo di Domenico.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Studiò composizione a Venezia con Giovanni Legrenzi e violoncello Petronio Franceschini. Quando quest'ultimo morì, il 20 dicembre 1680 Gabrielli gli succedette come violoncellista della cappella della Basilica di San Petronio di Bologna. Il 23 aprile 1676 fu ammesso all'Accademia Filarmonica di Bologna e nel 1683 ne diventò presidente. Durante gli anni '80 diventò celebre sia come virtuoso del violoncello che come compositore di musica vocale. Nel 1682 debuttò come operista, un'attività che lo vedrà impegnato per almeno sette anni e che produrrà 12 opere, per lo più scritte originariamente per i teatri di Venezia, Torino e Modena. In quest'ultima città era inoltre spesso occupato nelle sue esecuzioni al violoncello presso la corte estense, tant'è che spesso era costretto a rinunciare ai doveri che lo vedevano impegnato anche a San Petronio. Queste continue assenze si perpetuarono sino al 14 ottobre 1687 quando decise di dimettersi per alcuni mesi. Dopo aver soggiornato per qualche tempo a Modena fu reintregrato nell'organico della cattedrale bolognese, ma contrasse una malattia che, due anni dopo, lo portò alla morte.

Composizioni[modifica | modifica sorgente]

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Flavio Cuniberto (dramma per musica, libretto di Matteo Noris, 1682, Venezia)
  • Il Cleobulo (dramma per musica, libretto di Giovanni Battista Neri, 1683, Bologna)
  • Il Gige in Lidia (dramma per muisca, libretto di Giovanni Battista Neri, 1693, Bologna)
  • Teodora Augusta (dramma per musica, libretto di Adriano Morselli, 1685, Venezia)
  • Clearco in Negroponte (dramma per musica, libretto di Antonio Arcoleo, 1685, Venezia)
  • Rodoaldo, re d'Italia (dramma per musica, libetto di Tommaso Stanzani, 1685, Venezia)
  • Le generose gare tra Cesare e Pompeo (dramma per musica, libretto di Rinaldo Cialli, 1686, Venezia)
  • Il Maurizio (dramma per musica, libretto di Adriano Morselli, 1686, Venezia)
  • Il Gordiano (dramma per musica, libretto di Adriano Morselli, 1688, Venezia)
  • Carlo il grande (dramma per musica, libretto di Adriano Morselli, da Ludovico Ariosto, 1688, Venezia)
  • Silvo, re degli Albani (melodramma, libretto di Pietro d'Averara, 1689, Torino)

Oratori[modifica | modifica sorgente]

  • San Sigismondo, re di Borgogna (libretto di D. Bernardoni, 1687, Bologna)
  • Elia sacrificante (libretto di P. P. Sita, 1688, Bologna)
  • Il martirio di Santa Felicita (libretto di F. Sacrati, 1689, Modena)
  • Il battesimo di Carlo, antico imperatore il Magno (1718, Lucca; perduto)

Altre composizioni strumentali e vocali[modifica | modifica sorgente]

  • Balletti da à tre op. 1 (1684)
  • Tre sonate per violoncello e tiorba o cembalo (1687)
  • Sette ricercari per il violoncello solo (1688)
  • Sei sonate per tromba, violini e b. c..
  • Cantate à voce sola, dedicate al Cardinale Benedetto Pamphilj (Bologna, 1691)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 122322464 LCCN: n79109329