Dolly (pecora)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dolly, imbalsamata, esposta al National Museum of Scotland

La pecora Dolly (5 luglio 199614 febbraio 2003) è stata il primo mammifero ad essere stato clonato con successo da una cellula somatica, sebbene non il primo animale in assoluto ad essere stato clonato con successo.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dolly è stata prodotta al Roslin Institute in Scozia a pochi chilometri da Edimburgo, dove ha vissuto fino alla morte avvenuta circa sette anni dopo. Gli scienziati annunciarono la sua nascita solo l'anno successivo, il 22 febbraio 1997. Il nome "Dolly" le fu dato in onore della prosperosa cantante country Dolly Parton, dato che la cellula usata per la clonazione fu una cellula mammaria. L'ispirazione per tale nome venne al suo allevatore.[2][3]

Il metodo utilizzato da Ian Wilmut per ottenere la clonazione a partire da una cellula somatica adulta consiste nel trasferimento nucleare di cellule somatiche:[4] i nuclei di cellule non appartenenti alla linea germinale del donatore vengono trasferiti in cellule embrionali denucleate (private del proprio nucleo)[5] e quindi indotti ad avviare lo sviluppo del feto[6] tramite elettroshock e successiva impiantazione in una madre surrogata.[7] Difatti Dolly ha avuto tre madri: una fornente il nucleo di una cellula non germinale e quindi il DNA (la vera pecora clonata), un'altra la cellula embrionale denucleata e l'ultima è la madre surrogata.[8] Tramite tale metodo Dolly è stata clonata nel 1996 a partire da una cellula somatica di una pecora donatrice di 6 anni.

Il 9 aprile 2003 i resti impagliati di Dolly sono stati posti al Royal Museum di Edimburgo, che fa parte del National Museums di Scozia.

La posizione scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999 su Nature è stata pubblicata una ricerca in cui si suggeriva che Dolly poteva essere suscettibile di un invecchiamento precoce a causa dei ridotti telomeri delle sue cellule. Si speculò che questi potevano essere stati ereditati dalla madre, che aveva l'età di 6 anni quando le fu prelevato il materiale genetico, così che Dolly poteva avere geneticamente già 6 anni alla nascita. I primi segni di un invecchiamento precoce sono stati effettivamente riportati nel 2002, quando Dolly aveva 5 anni. Sviluppò una forma potenzialmente debilitante di artrite, insolita a questa giovane età. Ciò andò a sostegno dell'ipotesi della senescenza prematura.[9][10][11]

D'altra parte, il Dott. Dai Grove White, della Facoltà di Scienze Veterinarie dell'Università di Liverpool, sostenne che "l'artrite potrebbe essere dovuta alla clonazione così come potrebbe non esserlo. Da quello che ne sappiamo, Dolly potrebbe essersi infortunata la zampa saltando sopra un cancello e favorito lo sviluppo dell'artrite". Inoltre, il Dott. John Thomas, ha evidenziato che la maggior parte degli animali clonati successivamente a Dolly mostrano telomeri di lunghezza normale, e che nei cloni seriali essi addirittura si allungano ad ogni successiva generazione.[9][10][11]

La comunità scientifica è, in ogni caso, concorde nel ritenere importante la prosecuzione e l'approfondimento dei metodi di clonazione.[12] Il sostegno della comunità scientifica è unanime riguardo alla clonazione dei cavalli e alla clonazione dei maiali[13], al fine di ottenere organi animali idonei per il trapianto in esseri umani[14]. Il metodo impiegato per la produzione di Dolly rappresenta una delle più importanti scoperte scientifiche: tale metodo ha sostanzialmente contribuito allo sviluppo delle biotecnologie ed alla comprensione dei meccanismi epigenetici che regolano lo sviluppo cellulare (si veda anche il paragrafo Retaggio di Dolly).

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Dolly fu abbattuta il 14 febbraio 2003 (all'incirca cinque mesi prima del suo settimo compleanno), a causa di complicazioni dovute ad un'infezione polmonare, frequente nelle pecore più anziane, ma che portò alla speculazione che Dolly fosse morta prematuramente. Gli scienziati di Roslin, comunque, dichiarano di non pensare che ci siano connessioni con il fatto che Dolly sia un clone, e che anche altre pecore nella fattoria hanno avuto problemi simili, forse per il clima o per le condizioni non sicure.

Retaggio di Dolly[modifica | modifica wikitesto]

La produzione di Dolly mostrò per la prima volta che i geni nei nuclei di cellule somatiche differenziate (mature) sono ancora capaci di agire come se fossero in una cellula allo stato totipotente, ancora capace di svilupparsi in una qualunque parte di un animale;[15] per fare un esempio, i nuclei di una cellula della pelle, nelle giuste condizioni, possono ancora dare origine, ad esempio, ad un neurone.

Dopo il successo di Dolly, molti altri mammiferi, principalmente di interesse zootecnico, sono stati clonati. Vi sono differenze nell'efficienza di clonazione delle diverse specie. Il tentativo di clonare degli argali non ha prodotto embrioni corretti. Il tentativo di clonare dei banteng ha avuto più successo, così come quello di clonare dei mufloni.[16] Il metodo di riprogrammazione delle cellule necessario durante la clonazione non è perfetto e spesso i cloni mostrano sviluppi anormali.[17][18] La clonazione dei mammiferi, in generale, è altamente inefficiente (Dolly è stato l'unico sopravvissuto di 277 tentativi – sebbene recentemente, nel 2014, degli scienziati cinesi riportino un tasso di successo nella clonazione di maiali pari al 70–80%[19]). Ian Wilmut, a capo del team che ha creato Dolly, nel 2007 ha annunciato che la tecnica di trasferimento dei nuclei non sarà mai abbastanza efficiente da poter essere utilizzata con gli umani.[20]

La clonazione, in ogni modo, ha lasciato il luogo della fantascienza per trasferirsi nella realtà, accompagnata da tutti i rischi e le promesse del progresso medico-scientifico. È già diventata un'opzione per salvare specie rare dall'estinzione.[21] Nel gennaio del 2009, degli scienziati del Centre of Food Technology and Research di Aragona, nel nord della Spagna, hanno annunciato la clonazione dello stambecco dei Pirenei, che era stato dichiarato ufficialmente estinto nel 2000. Sebbene il neonato stambecco sia morto subito dopo la nascita a causa di difetti fisici nei suoi polmoni, questa è stata la prima volta che un animale estinto è stato clonato, e il tentativo ha aperto la porta per salvare le specie in via di estinzione o estinte di recente, grazie a tessuti da esse prese tenuti in stato di criogenia.[22][23]

La clonazione è diventata anche un'opzione per far tornare in vita animali domestici a noi cari, come cani e gatti. Nell'uomo la clonazione, nonostante l'opposizione basata su motivazioni filosofiche, etiche o mediche, se perfezionata, potrebbe essere una valida strategia riproduttiva, in aggiunta alla fecondazione in vitro, alle madri surrogate, all'adozione e alla riproduzione tradizionale. La clonazione ha aperto la strada per rendere meno controversa l'ingegneria genetica applicata ai bambini sia per lo screening genetico, permettendo di diminuire i rischi di malattie ereditarie, che per assicurare la compatibilità nel trapianto di cellule staminali nei fratelli con almeno un genitore in comune. La clonazione umana è comunque allo stato attuale ufficialmente vietata a livello internazionale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ McKinnell, Robert G. e Di Berardino, Marie A., The Biology of Cloning: History and Rationale in Bioscience, vol. 49, nº 11, November 1999, pp. 875–885, DOI:10.2307/1313647, JSTOR 1313647.
  2. ^ Listen to public, says Dolly scientist
  3. ^ "Dolly the sheep clone dies young". BBC News. 14 February 2003
  4. ^ Niemann H, Tian XC, King WA, Lee RS, Epigenetic reprogramming in embryonic and foetal development upon somatic cell nuclear transfer cloning in Reproduction, vol. 135, febbraio 2008, pp. 151–63, DOI:10.1530/REP-07-0397.
  5. ^ Rideout WM, Eggan K, Jaenisch R, Nuclear cloning and epigenetic reprogramming of the genome in Science (journal), vol. 293, agosto 2001, pp. 1093–8, DOI:10.1126/science.1063206.
  6. ^ Campbell KH, McWhir J , Ritchie WA, Wilmut I, Sheep cloned by nuclear transfer from a cultured cell line in Nature, vol. 380, 1996, pp. 64–6, DOI:10.1038/380064a0.
  7. ^ Campbell KH, McWhir J, Ritchie WA e Wilmut I, Sheep cloned by nuclear transfer from a cultured cell line in Nature, vol. 380, nº 6569, 1996, pp. 64–6, Bibcode:1996Natur.380...64C, DOI:10.1038/380064a0, PMID 8598906.
  8. ^ DOI: 10.1016/S0960-9822(03)00148-9
  9. ^ a b Josef Fulka, et al, Do cloned mammals skip a reprogramming step? in Nature Biotechnology, 2004, doi:10.1038/nbt0104-25.
  10. ^ a b P.G. Shiels, et al, Dolly, No Longer the Exception: Telomeres and Implications for Transplantation in Cloning and Stem Cells, 2003, doi:10.1089/153623003322234768.
  11. ^ a b Paul G. Shiels, et al, Analysis of Telomere Length in Dolly, a Sheep Derived by Nuclear Transfer in Cloning, 1999, doi:10.1089/15204559950020003.
  12. ^ Galli C., Lazzari G., Animal cloning experiments still banned in Italy in Nature Medicine, vol. 7, 2001, p. 753, doi:10.1038/89834.
  13. ^ Progetto europeo Xenome.
  14. ^ Cozzi E, Tallacchini M, Flanagan EB, Pierson III RN, Sykes M, Vanderpool HY., Key ethical requirements and progress toward the definition of an international regulatory framework in Xenotransplantation, 2009, doi:16(4): 203-14.
  15. ^ Niemann H, Tian XC, King WA e Lee RS, Epigenetic reprogramming in embryonic and foetal development upon somatic cell nuclear transfer cloning in Reproduction, vol. 135, nº 2, February 2008, pp. 151–63, DOI:10.1530/REP-07-0397, PMID 18239046.
  16. ^ Endangered sheep cloned in BBC News (London), 1º ottobre 2001. URL consultato il 12 novembre 2007.
  17. ^ Jaenisch R, Hochedlinger K e Eggan K, Nuclear cloning, epigenetic reprogramming and cellular differentiation in Novartis Found. Symp., Novartis Foundation Symposia, vol. 265, 2005, pp. 107–18; discussion 118–28, DOI:10.1002/0470091452.ch9, ISBN 978-0-470-09145-6, PMID 16050253.
  18. ^ Rideout WM, Eggan K e Jaenisch R, Nuclear cloning and epigenetic reprogramming of the genome in Science, vol. 293, nº 5532, August 2001, pp. 1093–8, DOI:10.1126/science.1063206, PMID 11498580.
  19. ^ Shukman, David (14 January 2014) China cloning on an 'industrial scale' BBC News Science and Environment, Retrieved 14 January 2014
  20. ^ Roger Highfield "Dolly creator Prof Ian Wilmut shuns cloning". Daily Telegraph 16 November 2007
  21. ^ Trounson AO, Future and applications of cloning in Methods Mol. Biol., Methods in Molecular Biology, vol. 348, 2006, pp. 319–32, DOI:10.1007/978-1-59745-154-3_22, ISBN 978-1-58829-280-3, PMID 16988390.
  22. ^ Richard Gray e Roger Dobson, Extinct ibex is resurrected by cloning in The Telegraph (London), 31 gennaio 2009. URL consultato il 1º febbraio 2009.
  23. ^ Jabr, Ferris (11 March 2013) Will Cloning Ever Save Endangered Animals? Scientific American, Retrieved 15 January 2014

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE7576882-3
Biologia Portale Biologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biologia