Diorama

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Diorama (disambigua).
Diorama museale

Un diorama o plastico è un'ambientazione in scala ridotta che ricrea scene di vario genere.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I più antichi diorami sono probabilmente quelli realizzati nella prima metà dell'Ottocento da Paolo Savi e conservati presso il Museo di Storia Naturale e del Territorio di Calci (Pisa). Essi sono i primi esempi di ricostruzioni tridimensionali di interazioni tra animali ed all'epoca furono ritenuti di insuperabile qualità dai maggiori musei europei. Ma l'inventore più noto e accertato fu Louis Daguerre che costruì i primi diorama moderni nel 1822-27, avvalendosi del pittore Hippolyte Sebron per gli sfondi e le ambientazioni sceniche [1].

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Fra gli utilizzi più diffusi dei diorami i principali sono quello ad uso tecnico, soprattutto ingegneristico e architettonico (riproduzione di edifici, oggetti industriali e superfici), di istruzione e hobbistico (modellismo) che permette di ricreare particolari ambientazioni in scala, cercando di ottenere effetti quanto più possibile realistici.

Giochi di ruolo[modifica | modifica wikitesto]

Specialmente nel campo dei wargame fantastici e dei giochi di ruolo, il diorama può rappresentare una scena di fantasia legata in qualche modo al gioco, ad un libro o ad un film. In particolare si ricreano scenari costruendo vari elementi come colline, case, boschi, per lo svolgimento delle battaglie in giochi come Warhammer e Warhammer 40.000 oppure Confrontation. In questo caso i diorami sono disposti in modo da ricreare la scena tattica in cui si muovono le miniature dei due (o più) schieramenti. Possono quindi rappresentare duelli, scene di guerriglia o battaglie particolarmente spettacolari, momenti di attesa quali il momento prima dell'imboscata da parte di una creatura ad un'altra o appostamenti.

Modellismo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Plastico ferroviario.
Diorama ferroviario

In ambito modellistico il diorama viene utilizzato per riprodurre scenari reali o immaginari nei quali inserire ogni tipo di soggetto. Fra gli scenari più diffusi vi sono quelli ferroviari, i percorsi automobilistici, i campi di battaglia e così via. Anche la classica rappresentazione presepiale può essere considerata a tutti gli effetti un diorama.

I diorami più classici e conosciuti probabilmente sono quelli utilizzati in ambito del modellismo ferroviario, che ricreano in scala una piccola ferrovia con trenini elettrici funzionanti ed integrati nel paesaggio al pari di passaggi a livello, luci, barriere, strade ed altri elementi paesaggistici.

Più recenti ed in ascesa tra i modellisti più giovani sono i diorami fantascientifici, come quelli realizzati dagli appassionati della saga cinematografica di Star Wars o di serie anime come Gundam. Ultimamente è molto in voga anche il diorama con soggetti reali che rappresenta spesso scene di guerra o pose plastiche di modelli in scala, sovente, 1/35. In molte città italiane e non si sono recentemente svolti molti concorsi a premi.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Diorama dell'American Museum of the Natural History di New York

Nei musei della scienza o della tecnica, i diorami vengono utilizzati per rappresentare ricostruzioni di scene di vita naturale, degli animali o dell'uomo, ambienti di lavoro, ecc.[2]

Stereoscopia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: View-Master e Tru-Vue.

La tecnica dei diorami è stata largamente utilizzata per la realizzazione di racconti tridimensionali - soprattutto fiabe, racconti biblici o illustrazione scientifica - per sistemi steroscopici quali View-Master, Tru-Vue e altri similari.

Nel caso del View-Master, una vera e propria équipe di artisti era all'opera nella ditta di Portland per scolpire e modellare personaggi e scenari da riprendere attraverso la tecnica fotografica stereoscopica, in modo da permettere una illusione di tridimensionalità una volta che le diapositive 3-D vengono visualizzate con un visore apposito. Tra gli artisti maggiormente apprezzati, specializzati in questa tecnica, vi erano Florence Thomas e Joe Liptak.

Altri significati[modifica | modifica wikitesto]

Nella pittura il termine diorama o ciclorama indica particolare grandi tele circolari sulle quali è dipinto il panorama ripreso da un punto fisso nell'intorno di 360°. Montate in ambienti predisposti, opportunamente illuminate, le tele consentono ai visitatori, pervenuti attraverso un tunnel nel centro di osservazione, di avere una visione panoramica a tutto tondo del paesaggio dipinto.

Un diorama dipinto nel 1880 da H.W. Mesdag, che rappresenta il panorama di Scheveningen, è visibile (lo era alcuni anni indietro) a L'Aia, in Zeestraat n. 65-b, all'interno del Panoramaq Mesdag.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [http:/www.treccani.it/enciclopedia/diorama] 16 maggio 2016
  2. ^ Diorama, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Diorama, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.