Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Dionigi l'Areopagita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Dionigi l'Areopagita
Dionysius Areopagita.jpeg

Vescovo

Venerato da Chiesa cattolica
Chiesa ortodossa
Santuario principale Cattedrale di San Dionigi (Atene)
Basilica Cattedrale di Santa Maria Assunta (Crotone)
Ricorrenza 3 ottobre
Attributi Ornamenti da vescovo con in mano il Vangelo
Patrono di avvocati, Atene, Crotone

Dionigi l'Areopagita (in greco antico Διονύσιος ὁ Ἀρεοπαγίτης, traslitterato in Dionysius Areiopageita; ... – ...) è stato un giurista e vescovo greco antico; giudice dell'Areopago di Atene, fu convertito al cristianesimo dalla predicazione e dalla preghiera dell'apostolo Paolo. La Chiesa cattolica lo venera come santo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dionigi ci è noto esclusivamente dalla testimonianza degli Atti (17,22): nel racconto neotestamentario Paolo si trova ad Atene, ha fatto un giro della città e viene interrogato dai filosofi epicurei e stoici. Lo portano all'Areopago, chiedendo un chiarimento della sua predicazione[1]

« E Paolo, ritto in piedi in mezzo all'Areopago, disse: «Ateniesi, io veggo voi in tutto e per tutto singolarmente religiosi. Tanto è vero, che passando e vedendo i vostri simulacri, ho trovato perfino un altare con questa iscrizione: "Al Dio ignoto". Or quello che voi onorate senza conoscerlo, quello io annunzio a voi. »
(Atti degli Apostoli, 17, 22-23)

La predicazione di Paolo cerca di adattare il messaggio di Cristo al pubblico di filosofi. Questo non si oppone fino a quando Paolo parla della risurrezione:

« Sentita però la risurrezione de' morti, alcuni se ne fecero beffe; altri dissero: "Di questo t'udiremo un'altra volta". Così Paolo uscì di mezzo a loro. Alcuni però s'unirono a lui, e credettero; tra questi, Dionigi l'Areopagita, una donna, per nome Damaride, e altri con loro. »
(Atti degli Apostoli 17, 32-34)

Secondo Dionigi di Corinto e Eusebio di Cesarea, Dionigi divenne vescovo di Atene[2].

Alcuni secoli più tardi, il Corpus Dionysianum, una serie di scritti di natura mistica, fu scritto sotto lo pseudonimo di Dionigi l'Areopagita[3]; il suo autore è oggi noto con il nome di Pseudo-Dionigi. A partire dal IX secolo infine, Dionigi l'Areopagita è stato confuso con Dionigi di Parigi.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Dionigi l'Areopagita durante l'eclissi in un dipinto di Antoine Caron (1541.

Il santo è patrono delle città di Atene e di Crotone. La sua festa è celebrata il 3 ottobre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Areopago può designare una collina che si trova a ovest dell'Acropoli, o un consiglio superiore, che si è riunito una volta su questa collina; ma al tempo di Paolo il consiglio teneva le sue sessioni nel Portico Reale, lungo l'Agora.
  2. ^ Eusebius, Historia Ecclesiae III: iv
  3. ^ Sulla confusione tra Dionigi e Pseudo-Dionigi: Dionigi l'Areopagita Treccani Portale online; (EN) Pseudo-Dionysius the Areopagite nella Stanford Encyclopedia of Philosophy

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN106211622 · LCCN: (ENn50028822 · GND: (DE118679694 · BNF: (FRcb120910205 (data) · NLA: (EN35037279