Diocesi di Sanavo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sanavo
Sede vescovile titolare
Dioecesis Sanavensis
Patriarcato di Costantinopoli
Sede titolare di Sanavo
Mappa della diocesi civile di Asia (V secolo)
Vescovo titolare sede vacante
Istituita 1933
Stato Turchia
Diocesi soppressa di Sanavo
Suffraganea di Laodicea
Eretta  ?
Soppressa  ?
Dati dall'annuario pontificio
Sedi titolari cattoliche

La diocesi di Sanavo (in latino: Dioecesis Sanavensis) è una sede soppressa del patriarcato di Costantinopoli e una sede titolare della Chiesa cattolica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sanavo, identificabile con Sarikavak nell'odierna Turchia, è un'antica sede episcopale della provincia romana della Frigia Pacaziana nella diocesi civile di Asia. Faceva parte del patriarcato di Costantinopoli ed era suffraganea dell'arcidiocesi di Laodicea.

Le fonti antiche riportano i nomi di soli due vescovi di Sanavo: Flacco, che prese parte al primo concilio ecumenico celebrato a Nicea nel 325;[1] e Antioco, che non fu presente al concilio di Calcedonia del 451 e in due occasioni il metropolita Nunechio di Laodicea firmò al suo posto i documenti sinodali.[2] Lequien aggiunge anche il vescovo Nettario, membro del concilio di Efeso del 431, che tuttavia era vescovo di Semnea in Pamfilia.

Dal 1933 Sanavo è annoverata tra le sedi vescovili titolari della Chiesa cattolica; il titolo non è più assegnato dal 7 febbraio 1969.

Cronotassi[modifica | modifica wikitesto]

Vescovi greci[modifica | modifica wikitesto]

  • Flacco † (menzionato nel 325)
  • Antioco † (menzionato nel 451)

Vescovi titolari[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph Thomas McGucken † (4 febbraio 1941 - 14 gennaio 1957 succeduto vescovo di Sacramento)
  • Walmor Battú Wichrowski † (14 febbraio 1958 - 23 aprile 1960 nominato vescovo di Nova Iguaçu)
  • Mario Renato Cornejo Radavero (20 febbraio 1961 - 7 febbraio 1969 dimesso)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Destephen, Prosopographie du diocèse d'Asie, p. 406.
  2. ^ Destephen, Prosopographie du diocèse d'Asie, pp. 156-157.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi