Diocesi di Chachapoyas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diocesi di Chachapoyas
Dioecesis Chachapoyasensis
Chiesa latina
Catedral de chachapoyas.jpg
Suffraganea dell'arcidiocesi di Piura
 
Mappa della diocesi
 
VescovoHumberto Tapia Díaz
Vescovi emeritiJosé Ignacio Alemany Grau, C.SS.R.,
Emiliano Antonio Cisneros Martínez, O.A.R.
Presbiteri27, di cui 25 secolari e 2 regolari
10.764 battezzati per presbitero
Religiosi2 uomini, 70 donne
 
Abitanti341.804
Battezzati290.654 (85,0% del totale)
Superficie16.075 km² in Perù
Parrocchie22
 
Erezione28 maggio 1803
Ritoromano
IndirizzoJirón Ayacucho 1008, Ap. 9, Chachapoyas, Perú
Dati dall'Annuario pontificio 2022 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Perù

La diocesi di Chachapoyas (in latino: Dioecesis Chachapoyasensis) è una sede della Chiesa cattolica in Perù suffraganea dell'arcidiocesi di Piura. Nel 2021 contava 290.654 battezzati su 341.804 abitanti. È retta dal vescovo Humberto Tapia Díaz.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi comprende cinque province della regione peruviana di Amazonas: Bagua, Bongará, Chachapoyas, Luya e Rodríguez de Mendoza.

Sede vescovile è la città di Chachapoyas, dove si trova la cattedrale di San Giovanni Battista.

Il territorio si estende su 16.075 km² ed è suddiviso in 22 parrocchie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi di Maynas fu eretta il 28 maggio 1803, ricavandone il territorio dall'arcidiocesi di Lima e dalle diocesi di Huamanga, di Cuenca, di Popayán, di Quito e di Trujillo (oggi tutte arcidiocesi). Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Lima.

Il 2 giugno 1843 con la bolla Ex sublimi Petri di papa Gregorio XVI la diocesi di Trujillo cedette le due province di Pataz[1] e di Chachapoyas alla diocesi di Maynas, la cui sede fu trasferita da Maynas a Chachapoyas e la diocesi ha quindi assunto il nome attuale.

Il 5 febbraio 1900 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della prefettura apostolica di San León del Amazonas (oggi vicariato apostolico di Iquitos).

Il 23 maggio 1943 entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Trujillo.

L'11 gennaio 1946 e il 7 marzo 1948 ha ceduto altre porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente della prefettura apostolica di San Francisco Javier (oggi vicariato apostolico di Jaén in Perù o San Francisco Javier) e della prelatura territoriale di Moyobamba.

Il 30 giugno 1966 è divenuta suffraganea dell'arcidiocesi di Piura.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Si omettono i periodi di sede vacante non superiori ai 2 anni o non storicamente accertati.

  • Hipólito Antonio Sánchez Rangel de Fayas, O.F.M. † (26 giugno 1805 - 28 settembre 1824 nominato amministratore apostolico di Cartagena)
    • Sede vacante (1824-1838)
  • José María Amaga † (17 settembre 1838 - 15 dicembre 1849 deceduto)
    • Sede vacante (1849-1853)
  • Pedro Ruiz Zumaeta † (12 settembre 1853 - 20 novembre 1862 deceduto)
    • Sede vacante (1862-1865)
  • Francesco Solano Risco, O.F.M. † (27 marzo 1865 - 1900 dimesso)
    • Sede vacante (1900-1904)
  • José Santiago Irala, O.F.M. † (4 giugno 1904 - 1909 dimesso[2])
  • Emilio Juan Francisco Lissón y Chávez, C.M. † (16 marzo 1909 - 25 febbraio 1918 nominato arcivescovo di Lima)
    • Sede vacante (1918-1921)
  • Pedro Octavio Ortiz Arrieta, S.D.B. † (21 novembre 1921 - 1º marzo 1958 deceduto)
  • José Germán Benavides Morriberón † (28 agosto 1958 - 30 novembre 1968 nominato vescovo ausiliare di Arequipa[3])
  • Manuel Prado Perez-Rosas, S.I. † (7 settembre 1970 - 29 dicembre 1976 nominato arcivescovo di Trujillo)
  • Antonio de Hornedo Correa, S.I. † (9 luglio 1977 - 18 maggio 1991 ritirato)
  • Ángel Francisco Simón Piorno (18 maggio 1991 - 18 marzo 1995 nominato vescovo di Cajamarca)
  • José Ignacio Alemany Grau, C.SS.R. (17 agosto 1995 - 18 maggio 2000 dimesso)
  • Emiliano Antonio Cisneros Martínez, O.A.R. (27 marzo 2002 - 9 marzo 2022 ritirato)
  • Humberto Tapia Díaz, dal 9 marzo 2022

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi nel 2021 su una popolazione di 341.804 persone contava 290.654 battezzati, corrispondenti all'85,0% del totale.

anno popolazione presbiteri diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per presbitero uomini donne
1950 7.322.000 7.500.000 97,6 21 19 2 348.666 9 180 21
1959 94.000 95.000 98,9 23 23 4.086 11 21
1970 110.000 120.000 91,7 20 19 1 5.500 2 7 21
1976 162.000 180.000 90,0 16 13 3 10.125 3 31 13
1980 175.000 194.000 90,2 19 12 7 9.210 8 35 19
1990 228.000 254.000 89,8 29 21 8 7.862 9 75 21
1999 260.000 280.000 92,9 25 19 6 10.400 6 60 21
2000 266.000 280.000 95,0 20 16 4 13.300 4 60 21
2001 267.000 281.000 95,0 22 17 5 12.136 5 60 23
2002 268.200 282.500 94,9 25 20 5 10.728 5 63 23
2003 308.076 338.910 90,9 24 19 5 12.836 5 56 23
2004 307.570 349.512 88,0 25 21 4 12.302 5 59 23
2006 311.000 343.000 90,7 28 25 3 11.107 3 56 22
2013 302.205 355.144 85,1 25 23 2 12.088 3 68 22
2016 317.040 362.937 87,4 30 28 2 10.568 3 72 22
2019 363.800 407.250 89,3 32 29 3 11.368 3 67 22
2021 290.654 341.804 85,0 27 25 2 10.764 2 70 22

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Successivamente questa provincia ritornò a essere compresa nel territorio dell'arcidiocesi di Trujillo, da cui il 4 dicembre 1961 è stata ceduta alla prelatura territoriale di Huamachuco.
  2. ^ Nominato vescovo titolare di Tingi.
  3. ^ Contestualmente nominato vescovo titolare di Mades.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (LA) Bolla Ex sublimi Petri, in Raffaele de Martinis, Iuris pontificii de propaganda fide. Pars prima, Tomo V, Romae, 1893, p. 311

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN154950053 · LCCN (ENn98053254 · WorldCat Identities (ENlccn-n98053254
  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi