Diocesi di Abula

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abula
Sede vescovile titolare
Ablensis
Chiesa latina
Vescovo titolare Giorgio Corbellini
Istituita 1969
Stato Spagna
Diocesi soppressa di Abula
Suffraganea di Toledo
Eretta I secolo
Soppressa  ?
Dati dall'annuario pontificio
Sedi titolari cattoliche

La diocesi di Abula (in latino: Dioecesis Ablensis) è una sede soppressa e sede titolare della Chiesa cattolica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi di Abula deve la sua fondazione a san Secondo, uno dei sette Viri apostolici a cui si attribuisce l'evangelizzazione della Spagna nel I secolo. Si conosce un secondo vescovo, Giulio, vissuto tra la fine del I secolo e l'inizio del II secolo, forse successore di san Secondo, ma del quale si conosce assai poco.

Abula (oggi Abla) si trovava nell'estrema parte meridionale della Spagna Tarraconense ed era suffraganea dell'arcidiocesi di Toledo.

Oggi Abula sopravvive come sede vescovile titolare; l'attuale vescovo titolare è Giorgio Corbellini, presidente dell'Ufficio del Lavoro della Sede Apostolica e della Commissione disciplinare della Curia Romana.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Cronotassi dei vescovi titolari[modifica | modifica wikitesto]

  • Javier Osés Flamarique † (10 novembre 1969 - 28 febbraio 1977 nominato vescovo di Huesca)
  • Charles McDonald Renfrew † (5 maggio 1977 - 27 febbraio 1992 deceduto)
  • Alojzij Uran (16 dicembre 1992 - 25 ottobre 2004 nominato arcivescovo di Lubiana)
  • Salvador Giménez Valls (11 maggio 2005 - 21 maggio 2009 nominato vescovo di Minorca)
  • Giorgio Corbellini, dal 3 luglio 2009

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi