Diners

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diners Club International
Logo
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Tipo Public company
Borse valori NYSE: DFS
Fondazione 1950 a New York, USA
Sede principale Stati Uniti New York, USA
Gruppo Discover Financial
Settore Finanza
Prodotti Carte di credito
Sito web www.dinersclub.it

Diners Club International, inizialmente fondata come Diners Club, è una compagnia di servizi finanziari fondata nel 1950 da Frank X. McNamara, Ralph Schneider e Casey R. Taylor.

Quando venne messa in commercio fu la prima carta di credito indipendente al mondo.

Fondazione[modifica | modifica wikitesto]

Molti negozi e attività davano credito ai propri clienti o permettevano loro di "segnare" le loro spese su un conto personale, ma l'idea del Diners Club era di utilizzare una stessa carta per pagare diversi acquisti. Nel 1950 la prima carta di credito Diners Club fu data a duecento associati di McNamara, per lo più addetti alle vendite che spesso dovevano portare a pranzo i loro clienti.

Diners Club aveva concluso accordi con quattordici ristoranti di New York. Il numero di membri salì rapidamente dato che nuovi clienti richiesero la carta e nuovi ristoranti entravano a far parte del club. Alla fine del 1950 Diners Club aveva ventimila clienti e la carta era accettata in mille ristoranti. Nel 1952 McNamara vendette la sua quota a Joe Williams di Archer City, in Texas, e la compagnia crebbe con la stessa intensità per parecchi anni, raggiungendo infine commercianti in tutti gli Stati Uniti.

L'alleanza con MasterCard[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 Diners Club annunciò un accordo con MasterCard. Le nuove carte negli Stati Uniti e in Canada hanno il logo di MasterCard e il numero di conto a sedici cifre sul fronte della carta e possono essere utilizzate nei milioni di luoghi dove viene accettata MasterCard. Le carte di altri stati continuano ad avere il numero di conto a quattordici cifre sul fronte e sul retro il logo di MasterCard.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN122783263 · BNF: (FRcb11997304m (data)