Difendo il mio amore (film 1956)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Difendo il mio amore (film 1957))
Jump to navigation Jump to search
Difendo il mio amore
Difendoilmioamore7.jpg
Martine Carol e Gabriele Ferzetti
Titolo originaleDifendo il mio amore
Paese di produzioneItalia, Francia
Anno1956
Durata95 min
Dati tecniciB/N
Generedrammatico
RegiaGiulio Macchi
SoggettoEttore Giannini
SceneggiaturaJacques Robert
ProduttoreTitanus Tenuggi Roma, Les Film Marceau Parigi
Distribuzione in italianoTitanus
FotografiaGianni Di Venanzo
MontaggioMario Serandrei
MusicheRenzo Rossellini
ScenografiaPiero Filippone
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Difendo il mio amore è un film del 1956 diretto da Giulio Macchi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un giornalista a caccia di scandali recupera articoli legati a vecchi fatti di cronaca, il redattore finisce per riaccendere le attenzioni sul caso di Elena (Martine Carol) accusata in passato di aver commesso un delitto a sfondo passionale. La pubblicazione dell'articolo nel giornale "Ultim'ora" porta problemi al marito (Gabriele Ferzetti) e alla moglie. La moglie era stata in passato la segretaria dell'accusato e si ritiene ne sia stata l'amante che l'abbia spinto a commettere un omicidio, da questa relazione era nata una figlia Angela, che si trova in collegio a Milano e che sarebbe nata prima che Elena conoscesse e si sposasse con Pietro, il marito attuale. Appena viene pubblicato questo articolo la piccola viene allontana dalla compagne di gioco e dalle maestre del collegio. La donna nega di aver avuto alcun rapporto con un quest'uomo, dichiara davanti all'avvocato che lei era solo una segretaria, e che Angela era la figlia di un altro uomo che era morto durante la guerra. Il marito cerca di difendere la moglie da tutte le accuse e per scovare la verità decide di andare a parlare con la madre del presunto amante, che accusava sua moglie, e con i giornalisti del giornale "Ultim'ora". Quando arriva in redazione conosce il testimone che dichiara di aver visto Elena assieme all'uomo accusato di omicidio. Pietro torna a casa. Poco dopo si scopre che il testimone aveva dichiarato il falso, era stato costretto a fare quella dichiarazione dal giornalista che voleva a tutti i costi pubblicare uno scandalo. Elena nel frattempo era andata prendere Angela in collegio e l'aveva portata a casa. Pietro si allontana dalla famiglia. Angela decide di seguirlo ma per scappare dai giornalisti che volevano fotografarla si trova in mezzo alla strada e viene investita da un camion. Alla fine Elena e Pietro si ritrovano al suo capezzale e si riappacificano.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema