Der Standard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Der Standard
Logo
Logo
StatoAustria Austria
Linguatedesco
Periodicitàquotidiano
FormatoBerliner
FondatoreOscar Bronner
Fondazione1988
SedeVienna
EditoreStandard Verlagsgesellschaft
Tiratura73.071 (2010)
DirettoreMartin Kotynek
ISSN915914-9 (WC · ACNP)
Sito webderstandard.at/
 

Der Standard è un quotidiano austriaco con sede a Vienna. Il giornale è stato fondato da Oscar Bronner nel 1988, sul modello del New York Times. Ha tendenze verso la sinistra liberale.[1]

Dalla sua fondazione è pubblicato in formato Berliner e online.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Der Standard è stato impostato solo dopo i primi problemi. Esempi di problemi, i cosiddetti numeri zero, pubblicati con il titolo Wirtschaftsblatt. Alla fine è stato concordato lo Standard per i modelli del mondo anglofono, dove esistono giornali come il London Evening Standard.

La prima edizione dello Standard è stata pubblicata il 19 ottobre 1988. Il giornale è stato fondato da Oscar Bronner e la casa editrice Axel Springer ha investito il 50% nel finanziamento della start-up. Nel 1995 derStandard.at è il primo sito web di un giornale in lingua tedesca, che è stato pubblicato online il 2 febbraio 1995.[2] Inizialmente aveva una propria redazione, sebbene i contenuti delle edizioni cartacee fossero anche pubblicati online.

Il 1 ° luglio 2007, Alexandra Föderl-Schmid è stata seconda redattrice a fianco di Oscar Bronner, questa posizione era detenuta dal 1992, Gerfried Sperl. Dal il 1 ottobre 2012, la Föderl-Schmid è diventata anche co-editore dello standard e derStandard.at. Dopo 27 anni di lavoro allo Standard, nel novembre 2017, Martin Kotynek è succeduto a lei come redattore capo.[3] La gestione provvisoria, prima del cambio, fu affidata a Rainer Schüller.

Alla fine del 2012, la Standard Mediengruppe si è trasferita nella Vordere Zollamtsstraße al n°13, nel 3º distretto di Vienna, una volta l'istituzione principale della Zentralsparkasse del comune di Vienna.[4] Il 19 giugno 2013, l'edizione stampata e online sono stati infine accorpati non solo spazialmente, ma anche dal punto di vista organizzativo.[5]

Linea editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Il giornale è impegnato nel codice d'onore della stampa austriaca e descrive la sua linea editoriale come liberale e indipendente, anche se gli addetti ai lavori considerano Der Standard come liberale di sinistra.[6][7]

Lo Standard pubblica regolarmente anche commenti di personaggi noti a livello internazionale come Joseph E. Stiglitz, Peter Singer o Joschka Fischer.[8] Il venerdì lo Standard pubblica l'inserto autoprodotto Rondo,[9] che tratta di moda, cosmetici, viaggi, design, tecnologia, cibo, musica e film. Ogni lunedì, il giornale include anche un inserto di otto pagine con estratti dal New York Times.

Dal 1998, il giornale organizza e sponsorizza annualmente il Premio del pubblico del Festival Internazionale del Cinema di Vienna (Viennale). Nel 2006, Der Standard ha seguito l'esempio del Süddeutsche Zeitung e ha iniziato a pubblicare una cineteca con una serie di 295 film in DVD, di nome The Austrian Film (a partire dal 2018), scegliendo film austriaci "interessanti" e "popolari".[10]

La sezione degli scacchi, che contiene giochi, puzzle e commenti sui giochi, è stata gestita da ruf & ehn (Michael Ehn) dal 1990. Come parte integrante del giornale viene pubblicata, da una a due pagine, una sezione commenti, su cui quotidianamente esperti, scienziati o politici si esprimono su temi attuali, rispondendo a posizioni o richieste, spesso nei giorni successivi.

Le caricature sono fornite, tra gli altri, da Oliver Schopf e, periodicamente, da molti altri caricaturisti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Günther Lengauer, Postmoderne Nachrichtenlogik - Redaktionelle Politikvermittlungs in medienzentrieren Demokratien. Springer VS., Wiesbaden 2007, p. 111, ISBN 978-3-531-15224-0.
  2. ^ Oscar Bronner. Ein Stück österreichische Mediengeschichte im Schnelldurchlauf. Der Österreichische Journalist, Nr. 8+9 2008, pag. 46.
  3. ^ Martin Kotynek wird neuer Chefredakteur des STANDARD - derStandard.at, su DER STANDARD. URL consultato il 30 settembre 2018.
  4. ^ Das STANDARD-Haus als Zukunftsprojekt - derStandard.at, su DER STANDARD. URL consultato il 30 settembre 2018.
  5. ^ Journalismus kennt keine Print- und Online-Grenzen - derStandard.at, su DER STANDARD. URL consultato il 30 settembre 2018.
  6. ^ Günther Lengauer/Hannes Vorhofer: Wahlkampf am und abseits des journalistischen Boulevards. Redaktionelle Politikvermittlung im Nationalratswahlkampf 2008. in: Fritz Plasser (Hrsg.): Politik in der Medienarena. Praxis politischer Kommunikation in Österreich. facultas-wuv. Wien 2010, ISBN 978-3-7089-0501-3.
  7. ^ Peter Berger: Kurze Geschichte Österreichs im 20. Jahrhundert. 2. Aufl. facultas-wuv, Wien 2008, ISBN 978-3-7089-0354-5.
  8. ^ Project Syndicate, su project-syndicate.org.
  9. ^ Rondo (PDF), su Unsere Magazine - derStandard.at.
  10. ^ Von Komödienturbulenz bis Zeitdokument - derStandard.at, su DER STANDARD. URL consultato il 30 settembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1091145856858522920065 · GND (DE4491727-2