Dentsu Building

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dentsu Building
電通本社ビル
Dentsu.jpg
Localizzazione
StatoGiappone Giappone
RegioneKantō
LocalitàTokyo
Indirizzo1-8-1 Higashi-Shinbashi, Minato
Coordinate35°39′51.73″N 139°45′44.53″E / 35.66437°N 139.76237°E35.66437; 139.76237Coordinate: 35°39′51.73″N 139°45′44.53″E / 35.66437°N 139.76237°E35.66437; 139.76237
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1999-2002[1]
UsoUffici[1]
AltezzaAntenna/guglia: 213,34[1] m
Tetto: 206,10[1] m
Piani53 (48 sopra il suolo, 5 sotterranei)[1]
Ascensori70
Realizzazione
ArchitettoJean Nouvel
The Jerde Partnership
Obayashi Corporation
AppaltatoreObayashi Corporation
Shimizu Corporation
Kajima Construction
Taisei Corporation
Takenaka Corporation
ProprietarioDentsu

Il Densu Building o Dentsu Headquarters Building (電通本社ビル Dentsū Honsha Biru?) è un grattacielo situato nella zona Shiodome di Minato, Tokyo, in Giappone. L'edificio ospita gli uffici societari della Dentsu.

Alto 213,34 m, consta di 48 piani ed è l'undicesimo edificio più alto di Tokyo e il secondo più alto di Shiodome. Fu progettato dall'architetto francese Jean Nouvel e completato nel 2002. Fu costruito nel luogo della prima stazione dei treni di Tokyo, e si trova a fianco del giardino di Hamarikyū, anticamente il luogo di una casa di vacanza dello shōgun. Il Dentsu Building è un esempio di architettura contemporanea, includendo collettori sul tetto per utilizzare l'acqua piovana per il suo sistema di tubazioni, nonché punti di ceramica nelle finestre che, insieme a persiane computerizzate, controllano la climatizzazione. Il Dentsu Building ha 70 ascensori, incluso uno speciale riservato solo per i VIP e l'alta dirigenza.[2]

Ad eccezione del fango, tutti i materiali di scarto prodotti nella costruzione del Dentsu Building furono riciclati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Dentsu Headquarters Building, Emporis. URL consultato il 13 luglio 2012.
  2. ^ 10 Most Famous Tokyo Buildings, Spacious Planet. URL consultato il 13 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2013).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]