Deep Space Industries

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Deep Space Industries
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Tipo società di capitali
Fondazione 22 gennaio 2013
Fondata da Rick N. Tumlinson
David Gump
Kirby Ikin
John Mankins
Stephen Covey
Mark Sonter
Christopher Cassell
Daniel Faber
James Luebke
Bryan Versteeg
James Wolff
Michael Zwach
Justin Siples
Sede principale McLean, Virginia, Stati Uniti d'America
Persone chiave Rick N. Tumlinson, Presidente
David Gump, CEO
Settore industria mineraria spaziale
Sito web deepspaceindustries.com/

Deep Space Industries, in sigla DSI (in italiano: Industrie dello spazio profondo) è un'impresa americana nel settore dell'industria mineraria spaziale. Fu fondata da David Gump, in precedenza come Transformational Space Corporation and Astrobotic Technology il 22 gennaio 2013.

La prima navetta spaziale proposta è la Firefly in grado di trasportare 25 kg, progettata per la ricerca di asteroidi candidabili all'estrazione mineraria. Costruita usando componenti CubeSat poco costosi, FireFly è progettato per volare nel 2015, condividendo i razzi usati per le comunicazioni satellitari più grandi per ridurre i costi. La seconda navetta pianificata è la DragonFly la cui partenza sarebbe programmata per il 2016 per portare circa 150 kg di materiale da un asteroide sulla Terra.

Dal 2013 DSI spera di cominciare l'attività mineraria sugli asteroidi per metalli e acqua e la possibilità di stabilire reti di comunicazioni capace di spedire informazioni sul pianeta e impianti di energia solare spaziali. Per aiutare il processo di estrazione del metallo dagli asteroidi l'azienda ha sviluppato una stampante 3d, chiamata MicroGravity Foundry (fonderia microgravitazionale), che creerebbe componenti in metallo ad alta densità e in assenza di gravità.

Veicoli spaziali[modifica | modifica wikitesto]

DSI sta lavorando ad una serie di veicoli spaziali per sviluppare tecnologie di cui ha bisogno per le operazioni con gli asteroidi con parziale supporto finanziario del Governo del Lussemburgo[1][2]

  • Prospector-1 è un Lander per atterrare su asteroidi e studiarne la composizione, è stato progettato per essere lanciato tra il 2019 e il 2022.[2][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Clive Cookson, Luxembourg Boldly Goes Into Asteroid Mining: Grand Duchy backs robotic prospecting for water and minerals, in National Geographic, 7 maggio 2016. URL consultato il 13 maggio 2016.
  2. ^ a b Jeff Foust, Deep Space Industries unveils first asteroid prospecting spacecraft, Space News, 10 agosto 2016.
  3. ^ a b Dale Benton, Deep Space Industries' mining ambitions move one step closer with Prospector-1, in Mining Global, 9 agosto 2016. URL consultato il 9 agosto 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]