David S. Walker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
David Shelby Walker

David Shelby Walker (Russellville, 2 maggio 1815Tallahassee, 20 luglio 1891) è stato un politico, avvocato e giudice statunitense. Fu l'ottavo governatore della Florida.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Walker nacque vicino Russelville, nella contea di Logan, nel Kentucky. Frequentò scuole private nel Kentucky e nel Tennessee e studiò legge. Si trasferì in Florida nel 1837, stabilendosi nella contea di Leon. Suo padre era David Walker, un importante politico del Kentucky che prestò servizio nella Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti. David S. Walker era un cugino e uno stretto confidente di politica e politica del governatore territoriale della Florida, Richard K. Call. Era anche imparentato con il senatore della Florida Wilkinson Call, che fu per molti anni socio di Walker negli anni 1850 e 1860 a Tallahassee.

Walker entrò in politica tra i Whig e fu eletto alla prima sessione della Legislatura dello stato della Florida nel 1845, servendo le contee di Wakulla e Leon come senatore. Nel 1848 fu eletto dalla contea di Leon alla Camera dei rappresentanti della Florida. Nel 1849 fu nominato regolatore delle terre pubbliche e divenne ex sovrintendente di Stato dell'istruzione pubblica, incarichi che ricoprì fino al 1854. Sostenne e promosse l'interesse per le scuole pubbliche. I suoi sforzi portarono alla creazione di varie scuole pubbliche a Tallahassee.

Servì come sindaco di Tallahassee e divenne candidato a governatore per i Know Nothing nel 1856 ma perse contro il democratico Madison S. Perry per 2,6 punti. Nel 1859 divenne giudice della Corte Suprema della Florida. Walker è anche noto per aver fondato la prima biblioteca di Tallahassee a metà del 1800 attraverso suoi fondi privati in un periodo in cui il denaro non era destinato alle biblioteche al di fuori delle aree urbane, specialmente in uno stato "rurale".

Prima della guerra civile, Walker era un unionista costituzionale e quindi si era opposto alla secessione. Tuttavia, quando la Florida si separò dall'Unione nel 1861, sostenne il suo stato. Dopo la guerra, il 29 novembre 1865, Walker fu eletto governatore senza opposizione, in un'elezione in cui gli schiavi appena liberati non potevano partecipare. Fu eletto il 20 dicembre e prese il potere il 18 gennaio 1866.

Durante il suo governo, la Florida passò dalla supervisione federale e dall'occupazione militare della Ricostruzione alla riammissione nell'Unione, ma Walker era un conservatore che tentò di minimizzare i cambiamenti nel sistema sociale, politico ed economico antebellico. Si oppose all'elezione della Convenzione costituzionale del 1868 che fu convocata per adottare un nuovo governo che il Congresso degli Stati Uniti repubblicano avrebbe approvato, ma alla fine sostenne la Costituzione del 1868.

Corse per la rielezione nel 1868 come repubblicano indipendente ma perse contro il repubblicano Harrison Reed arrivando al terzo posto con meno del 10% dei voti. Dopo aver lasciato l'ufficio del governatore il 4 luglio 1868, tornò a esercitare la professione di avvocato. Nel 1878, fu nominato giudice del tribunale circoscrizionale, carica che mantenne fino alla sua morte, il 20 luglio 1891.[1][2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) David Shelby Walker, su dos.myflorida.com. URL consultato il 2 gennaio 2019.
  2. ^ Morris

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Morris, Allen and Joan Perry Morris, compilers. The Florida Handbook 2007–2008 31st Biennial Edition, pagina 310. Tallahassee. 2007. ISBN 978-0-9765846-1-2

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN4396156919256054970007 · GND (DE1195001851 · WorldCat Identities (EN4396156919256054970007
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie