William Dunn Moseley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
William Dunn Moseley
8 Moseley.jpg

Governatore della Florida
Durata mandato 25 giugno 1845 –
1º ottobre 1849
Predecessore John Branch (governatore territoriale)
Successore Thomas Brown

Dati generali
Partito politico Democratico
Firma Firma di William Dunn Moseley

William Dunn Moseley (Contea di Lenoir, 1º febbraio 1795Palatka, 4 gennaio 1863) è stato un politico statunitense.[1] Di origine democratica e della Carolina del Nord, Moseley divenne il primo governatore dello stato della Florida servendo dal 1845 fino al 1849 e guidando l'istituzione del governo statale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

William Dunn Moseley nacque il 1º febbraio 1795 a Moseley Hall nella Contea di Lenoir, nella Carolina del Nord.[2] Era il figlio di Matthew e Elizabeth Herring Dunn Moseley. Lui e suo padre erano discendenti di William Moseley, antenato immigrato che arrivò in Virginia nel 1649 e costruì Greenwich vicino a Norfolk sul fiume Elizabeth in quella che allora era la contea di Lower Norfolk. La casa delle piantagioni fu in seguito conosciuta come Rolleston Hall.

Moseley si laureò all'Università della Carolina del Nord a Chapel Hill nel 1818. Era di origine interamente inglese e discendeva da quegli immigrati che si stabilirono nel territorio sin dai tempi delle tredici colonie originarie. Conseguì il master presso l'UNC nel 1821. A'università Moseley fu compagno di stanza del futuro presidente James K. Polk.[3] Nel 1822, Moseley sposò Susan Hill; la coppia ebbe cinque figli.

Nel 1817, Moseley divenne tutore all'università. Dopo aver studiato legge, fu ammesso alla Corte e iniziò a praticare a Wilmington. Come molti avvocati dell'epoca, la legge non era la sua unica professione; Moseley, per esempio, fu anche insegnante di scuola. Dal 1829 al 1837, Moseley rappresentò la Contea di Lenoir nel Senato della Carolina del Nord, prestando servizio come relatore per quattro mandati tra il 1832 e il 1835. Perse la nomination democratica come governatore nella Carolina del Nord per tre voti.

Nel 1835, Moseley e la sua famiglia si trasferirono a Lake Miccosukee nella contea di Jefferson, in Florida, dopo aver acquistato una piantagione. Nel 1840, Moseley fu eletto nella Camera dei Rappresentanti territoriale. Nel 1844, vinse un seggio nel Senato territoriale. Il 3 marzo 1845, la Florida fu ammessa come ventisettesimo stato dell'Unione. Più tardi, nel 1845, nella prima elezione a livello statale, Moseley vinse le elezioni come governatore della Florida. Batté il noto ex governatore Richard Keith Call, diventando il primo governatore dello stato della Florida.

Moseley prestò giuramento il 25 giugno 1845. Durante il suo mandato stabilì il nuovo governo statale. Il palazzo del Campidoglio fu completato durante il suo primo anno in carica. Moseley supervisionò il ruolo dello stato nella guerra messicano-americana. Gli stati del Sud sostenevano la guerra poiché la vedevano come un'opportunità per conquistare territori dove la schiavitù poteva essere praticata.

Moseley lavoro per risolvere i conflitti tra coloni bianchi e indiani Seminole. Incoraggiò anche l'agricoltura, sostenendo nuove industrie di agrumi, avocado, tabacco e cotone. Durante la sua amministrazione, il governo federale costruì Fort Jefferson su uno degli isolotti di corallo al largo della costa meridionale della Florida, e Fort Clinch sull'Isola di Amelia, vicino alla moderna Fernandina Beach, in Florida.

Moseley era un forte sostenitore dei diritti degli stati. Favorì la creazione di scuole pubbliche finanziate dallo stato. Costituzionalmente limitato a un solo mandato, Moseley ritornò alla sua piantagione dopo aver terminato il suo mandato il 1º ottobre 1849. Due anni dopo, si stabilì nella città di Palatka nella contea di Putnam, dove gestì un agrumeto. Moseley morì il 4 gennaio 1863 e fu sepolto nel Cimitero di West View a Palatka.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) William Dunn Moseley. URL consultato il 28 dicembre 2018.
  2. ^ è un posto diverso da Moseley Hall sul ramo nord-est di Cape Fear creato dal funzionario coloniale Edward Moseley al quale non era correlato
  3. ^ Walter R. Borneman, Polk: The Man Who Transformed the Presidency and America, New York, Random House, Inc., 2008, pp. 9, ISBN 978-1-4000-6560-8.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN21601333 · LCCN (ENn2007161454 · GND (DE1194998992 · WorldCat Identities (ENn2007-161454