Danilo Tesini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Danilo Tesini
Tesini16.jpg
Nazionalità Italia Italia
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
 

Danilo Tesini (Verona, 16 gennaio 192515 luglio 2008) è stato un pilota automobilistico italiano, costruttore di auto e motori da competizione, inventore di brevetti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Amico di Tazio Nuvolari e meccanico di fiducia di Maria Callas, Danilo Tesini[1] è stato pilota e costruttore di bolidi sport, le MARTES (acronimo di “Modifiche Auto Riparazioni Tesini”)[2][3][4], che negli anni cinquanta meritarono i complimenti personali dei fratelli Maserati (sua in quegli anni – 1948 – fu la realizzazione del primo motore al mondo con testata bialbero di 1100 cc) e un invito ufficiale da parte di Enzo Ferrari a trasferirsi come tecnico nel reparto corse di Maranello, invito che Tesini rispettosamente declinò.

Dall'officina del giovane artigiano veronese, passarono molti personaggi di spicco dell'epoca[5]. Tra questi, il conte Galeazzo Ciano, il maresciallo Albert Kesselring, Carlo Abarth, Alberto Ascari, Giulio Cabianca e, come detto, la cantante lirica Maria Callas e Tazio Nuvolari, mentore dell'allora giovane Tesini.

Come pilota corse su varie auto dal 1950 al 1961[6][7]. Su una di queste fece conoscere agli appassionati italiani il marchio Lotus e il nome del suo creatore, quello dell'allora sconosciuto Colin Chapman. Tutto accadde nel 1959 dopo un incontro a Londra con lo stesso Chapman e gli ingegneri Costin e Bennet, pronti a condividere l'idea di far correre in Italia la Lotus XI.

Anticipatore di tempi e ideatore di brevetti meccanici, si fece conoscere in Italia e all'estero per la sua raffinata arte e precisione tecnica: qualità che gli valsero l'appellativo di “mago dei carburatori”, con preparazioni esclusive su auto stradali della grande serie e sportive di razza come Ferrari, Maserati, Porsche e Lamborghini, queste ultime ufficialmente assistite nell’officina di Verona per conto della Casa di Sant’Agata Bolognese.

Dal 1973[8] visse una seconda giovinezza agonistica[9], guidando prima i prototipi di Dallara e, dal 1975, le bisposto Osella[10][11], partecipando al Mondiale Marche e all'Europeo classe 2 litri, alternando il volante con Lella Lombardi ed Ermanno Pettiti[12], sfidando campioni del calibro di Jacky Ickx, Jochen Mass, Vittorio Brambilla e Arturo Merzario. Chiuse la carriera nel 1980 all'età di 55 anni, misurandosi nell'europeo F.2[13] con la Chevron ex Siegfried Stohr sui temibili 23 km del vecchio Nurburgring.[14]

Smessi i panni di pilota, rivestì quelli di preparatore e fan seguendo il figlio Nicola – oggi giornalista e fondatore della scuole di guida Drift Fun Day e SuperCarControl – sui campi di gara della F.3, F.3000 e del Mondiale Turismo targati anni ‘80. Senza però mai smettere di elaborare i “cuori” meccanici delle vetture stradali e dei bolidi da corsa ottenendo, sul suo banco prova motori da 1000 cv, nuovi primati prestazionali. Primati raggiunti sui motori F.2 BMW e gli Alfa Romeo F.3, sugli ufficiali V6 biturbo delle Maserati impegnate nel mondiale turismo e i vincenti 2 litri del monomarca Opel-Lotus montati sulla monoposto dell’allora nastro nascente Rubens Barrichello.

Nella seconda metà degli anni '90 distribuì per l'Italia le vetture artigianali inglesi Marcos e a 78 anni, tentò nuovamente di ottenere la licenza dopo un test sulla Sport Promec da 650 cv.

Morì nel 2008 dopo una lunga malattia[15]. Nel 2010, l'Associazione della Scienza e Tecnica di Verona ha inserito il nome di Danilo Tesini tra i “Personaggi del mondo Scientifico e Tecnologico veronese”[16].

Il nome di Danilo Tesini e della Martes sono inseriti nell’archivio dei costruttori automobilistici internazionali “Automobile Manufacturers Worldwide Registry”[17][18].

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Danilo Tesini, su oldracingcars.com.
  2. ^ Danilo Castellarin, Auto d'Epoca, in Edizioni Pegaso 2007, Dicembre 2007.
  3. ^ 100 anni di Storia dell'Automobilismo Veronese., Veteran Club Enrico Bernardi 1986, p. Danilo Tesini.
  4. ^ La Sport 1937-1965., Edizioni Giorgio Nada 2001., p. Martes.
  5. ^ "100 ANNI DI SPORT VERONESE": 1946-1950, su panathlonarea1.it.
  6. ^ 1000 km di Monza., Edizioni Soncino 1998.
  7. ^ LA STORICA CORSA AUTOMOBILISTICA STALLAVENA-BOSCO CHIESANUOVA: L’ETERNA CORSA, su veja.it.
  8. ^ Malegno-Borno / 1° Danilo Tesini SPORT GRUPPO 5 - CLASSE 1300, su malegnoborno.it.
  9. ^ Danilo Tesini, su racingsportscars.com.
  10. ^ All Results of Osella, su racingsportscars.com.w1.aspify.com.
  11. ^ Campionato Mondiale Sport, 400 Km di Vallelunga, su vallelungaunofficialarchive.blogspot.it.
  12. ^ Danilo Tesini
  13. ^ European Championship for F2 Drivers, Round 3 Nürburgring (Nord-Schleife), Adenau, Germany, su wookey.bbfr.net. URL consultato il 7 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2018).
  14. ^ Saro Rolandi. 100 anni di Storia dell’Automobilismo Veronese. Edizioni Veteran Club Enrico Bernardi 1986.
  15. ^ Danilo Tesini, su inside-racing.de.
  16. ^ “Personaggi del mondo Scientifico e Tecnologico veronese”., in Associazione della Scienza e Tecnica di Verona..
  17. ^ Marian Suman-Hreblay., Automobile Manufacturers Worldwide Registry..
  18. ^ Danilo Tesini, su books.google.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrea Curami e Piero Vergnano. La Sport 1937-1965. Edizioni Giorgio Nada 2001.
  • Andrea Curami. 1000 km di Monza. Edizioni Soncino 1998.
  • Saro Rolandi. 100 anni di Storia dell'Automobilismo Veronese. Edizioni Veteran Club Enrico Bernardi 1986.
  • Danilo Castellarin. Auto d'Epoca, Dicembre 2007. Edizioni Pegaso 2007.
  • Marian Suman-Hreblay. “Automobile Manufacturers Worldwide Registry”.
  • Associazione della Scienza e Tecnica di Verona. “Personaggi del mondo Scientifico e Tecnologico veronese”.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie