Danehof

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Danehof ("Corte Danese") è stato il nome del parlamento medioevale danese che ha svolto un certo ruolo nel periodo tra il 1250 e il 1413.

Il presupposto alla formazione della "Danehof" - come quella del Håndfæstning - è stato il crescente potere e l'opposizione dei notabili danesi dopo il 1250. Volevano limitazioni del potere reale, in particolare del suo diritto di legislazione e tassazione. La debolezza politica della casa reale in questo periodo sembra aver favorito il suo sviluppo. Nel 1282, Re Eric V di Danimarca si era tanto inimicato i nobili in tutta la Danimarca, che è stato costretto ad accettare una "Charta Reale" (Håndfæstning), che ha limitato la sua autorità e garantiti i diritti e le usanze antiche che hanno conservato il potere dei nobili.[1]

Riguardo ai dettagli della creazione ed alla forma del Danehof poco si sa. Doveva riunirsi in una località centrale che era spesso il Castello di Nyborg in Fionia, ma non si sa nulla di elezioni o procedure. I suoi membri consisteva solo di possidenti, clero e nobili. Il re doveva consultare il Parlamento prima di prendere importanti misure soprattutto di carattere economico. Tuttavia, in molti casi, i re hanno ignorato il Danehof omettendone la convocazione. Dalla creazione del primo Haandfæstning nel 1282, sono state stabilite norme più definite. Tuttavia, in realtà, il Danehof è stato convocato solo in occasioni speciali.[2]

I disastri e il caos in Danimarca durante il XIV secolo non hanno rafforzato l'autorità del Danehof. Passo dopo passo fu estromesso dal potere non solo reale ma anche dal Rigsraadet (Consiglio del Regno), il "Consiglio della Corona" o la cerchia dei magnati che spesso hanno condizionato il Re. A partire dal 1320, governare insieme con il re e la gestione degli affari dello stato è diventato il ruolo del Rigsraadet.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Conflitti e la Disintegratione del Regno (Ministero reale danese degli affari esteri) Archiviato l'8 gennaio 2007 in Internet Archive.
  2. ^ Nyborg Slot (Nyborg Museum)[collegamento interrotto]
  3. ^ Håndfæstning (TV 2 | Danmark A/S) Archiviato il 19 luglio 2011 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sverre Bagge und Knut Mykland: Norge i dansketiden. Oslo 19983
  • Knut Helle: Konge & gode menn i norsk riksstyring ca 1150–1319. Oslo usw. 1972.
  • Lena Huldén: „Maktstrukturer i det tidiga finska 1500-talssamhället“. In: Genos Bd. 69 (1989) S. 111−118, 156–157.
  • Artikel „aðall“ in: Ìslenzka alfræði orðabókin. Bd. 1. Reykjavík 1990.
  • Artikel „Adel (Adel i Danmark)“ in: Den store danske, abgerufen am 8. Dezember 2011.
  • Bernhard Linder: Adelsleksikon. Adel og godseije. Bd. I: Middelalder og renæssancetid. Bd. II: 1660 – årtusindskiftet. Kopenhagen 2004.
  • Kauko Pirinen: Artikel „Frälse“ Abschnitt: „Finland“ in: Kulturhistorisk Leksikon for nordisk middelalder. Bd. 4. Kopenhagen 1959. Sp. 693–695.
  • Jerker Rosén: Artikel „Frälse“ in: Kulturhistorisk Leksikon for nordisk middelalder. Bd. 4. Kopenhagen 1959. Sp. 670–693.
  • Håndbog for danske lokalhistorikere.
  • Gyldendal og Politikens Danmarkshistorie, registerbind, bd. 16, København, 1991

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]