Cryptoblepharus egeriae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cryptoblepharus egeriae
N388 w1150.jpg
Stato di conservazione
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Squamata
Sottordine Sauria
Infraordine Scincomorpha
Famiglia Scincidae
Sottofamiglia Eugongylinae
Genere Cryptoblepharus
Specie C. egeriae
Nomenclatura binomiale
Cryptoblepharus egeriae
(Boulenger, 1888)

Cryptoblepharus egeriae (Boulenger, 1888) è un sauro della famiglia Scincidae, endemico dell'isola di Natale.[1][2]

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La Lista rossa IUCN classifica Cryptoblepharus egeriae come specie estinta in natura (Extinct in the Wild) in quanto l'ultimo avvistamento della specie su Christmas Island è avvenuta nell'agosto del 2010; successivamente a quella data, nonostante ricerche intensive, non è più stata trovata.[1]

Abbondante fino agli anni '70, la popolazione ha subito un rapido declino, principalmente a seguito della introduzione sull'isola del serpente lupo (Lycodon capucinus), e secondariamente a causa di altri predatori esotici come le formiche pazze gialle (Anoplolepis gracilipes), la cui penetrazione è limitata alle aree costiere.[1]

La specie sopravvive in cattività, all'interno di un programma di riproduzione protetta, che sta avendo successo, ma si è ancora lontani dal poter mettere in atto tentativi di reintroduzione in natura.[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Woinarski, J., Cogger, H. & Mitchell, N.M, Emery, J. 2017, Cryptoblepharus egeriae, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019. URL consultato il 25 gennaio 2019.
  2. ^ (EN) Cryptoblepharus egeriae, in The Reptile Database. URL consultato il 25 gennaio 2019.
  3. ^ (EN) Andrew P. et al, Somewhat saved: a captive breeding programme for two endemic Christmas Island lizard species, now extinct in the wild, in Oryx, vol. 52, n. 1, 2018, pp. 171-174, DOI:10.1017/S0030605316001071.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili