Crypsirina cucullata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dendrogazza monaca
Crypsirina cucullata Gould.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Famiglia Corvidae
Genere Crypsirina
Specie C. cucullata
Nomenclatura binomiale
Crypsirina cucullata
Jerdon, 1862

La dendrogazza monaca o gazza arboricola dal cappuccio (Crypsirina cucullata Jerdon, 1862) è un uccello passeriforme della famiglia dei corvidi[2].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome scientifico della specie, cucullata,

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Misura 29-31 cm di lunghezza, per 130-135 g di peso[3].

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di uccelli dall'aspetto robusto ma slanciato, muniti di testa arrotondata con grosso becco robusto e lievemente arcuato verso il basso, ali appuntite e digitate, forti zampe e lunga coda (fino a una volta e mezzo il corpo) dalla caratteristica estremità allargata e arrotondata.

Il piumaggio è di color grigio cenere su nuca, collo, petto, ali (ad eccezione delle remiganti primarie e della punta delle altre remiganti, che sono nere) e dorso, schiarendosi ma rimanendo grigio su petto e ventre: la coda è nera (con penne laterali bianche e superficie inferiore grigio-biancastra), e dello stesso colore è anche la testa (da cui il nome comune).

Il becco e le zampe sono di colore grigio acciaio-nerastro (il primo con margine basale carnoso e di colore giallino), mentre gli occhi sono di colore grigio-biancastro.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Esemplare in natura.

Si tratta di uccelli dalle abitudini di vita diurne e molto riservate, che vivono in coppie e si muovono prevalentemente fra i rami di alberi e cespugli, non scendendo praticamente mai al suolo (eccezion fatta per eventuali bagni di sabbia o in acqua) e tenendosi sporadicamente in contatto con richiami trillanti o aspri gracchi d'allarme.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di uccelli la cui dieta è ancora poco conosciuta, ma molto verosimilmente onnivora, componendosi di insetti (termiti alate, grosse cavallette e mantidi), oltre che di bacche e frutti.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Gli unici dati finora raccolti riguardo la riproduzione di questi uccelli riguardano alcuni nidi osservati in maggio e giugno, dalla forma a coppa e simile a una versione in miniatura e più ordinata di un nido di gazza[3]: si tratta di uccelli monogami, nei quali le coppie nidificano in solitudine.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La dendrogazza monaca è endemica della Birmania, della quale popola l'area pianeggiante centrale attorno al corso dell'Irrawaddy.

L'habitat di questi uccelli è rappresentato dalla foresta tropicale secca di pianura, fino a 950 m di quota[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Crypsirina cucullata, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.3, IUCN, 2017.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Corvidae, in IOC World Bird Names (ver 6.2), International Ornithologists’ Union, 2016. URL consultato il 26 aprile 2018.
  3. ^ a b c (EN) Hooded Treepie (Crypsirina cucullata), su Handbook of the Birds of the World. URL consultato il 26 aprile 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]