Crocodylus anthropophagus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Crocodylus anthropophagus
Crocodylus anthropophagus mandibular remains.png
Resti di mandibola di C. anthropophagus
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Crocodylia
Famiglia Crocodilidae
Genere Crocodylus
Specie C. anthropophagus
Nomenclatura binomiale
† Crocodylus anthropophagus
Brochu C. A., Njau J., Blumenschine R. J.,
Densmore L. D., 2010
Nomi comuni

Coccodrillo antropofago

Il coccodrillo antropofago (Crocodylus anthropophagus) è una specie di coccodrillo estinta, vissuta tra il Pliocene superiore e il Pleistocene inferiore (circa 1,8 milioni di anni fa). I suoi resti sono stati ritrovati in Tanzania, nella ben nota Gola di Olduvai.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Resti fossili, ossa postcraniali di C. anthropophagus

Questo coccodrillo è noto attraverso alcuni resti del cranio e dello scheletro, che hanno permesso agli studiosi di ricostruire l'animale: la lunghezza doveva aggirarsi intorno ai 6 metri, e sono evidenti le somiglianze con l'attuale coccodrillo del Nilo (Crocodylus niloticus). Il cranio, però era più profondo, robusto e dotato di "corna" triangolari che si protendevano sul retro del cranio. Analoghe strutture erano presenti anche in altri coccodrilli estinti, come Voay robustus del Madagascar, ma non strettamente imparentati.

Paleoecologia[modifica | modifica wikitesto]

Come indica il nome, si pensa che il coccodrillo antropofago includesse nella sua dieta anche gli antenati dell'uomo. Nella gola di Olduvai, infatti, dove sono stati rinvenuti i resti di questo coccodrillo, sono stati rinvenuti anche i fossili degli ominidi Homo habilis e Paranthropus boisei, alcuni dei quali presentano tracce attribuibili a morsi da coccodrillo. In ogni caso, il coccodrillo antropofago era il più grande predatore del suo habitat.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Brochu C. A., Njau J., Blumenschine R. J., Densmore L. D. (2010) "A New Horned Crocodile from the Plio-Pleistocene Hominid Sites at Olduvai Gorge, Tanzania. PLoS ONE 5(2): e9333. doi:10.1371/journal.pone.0009333

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]