Cornelia Malaspina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cornelia Malaspina (XVI secoloXVI secolo) è stata una nobile italiana.

Stemma dei Malaspina Spino Fiorito

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Gianfilippo Malaspina (?-1525), della linea dei Malaspina di Verona e di Paola Bernabozzi (?-1540).

Fu damigella di corte a Novellara di Costanza da Correggio (?-1570), moglie di Alessandro I Gonzaga, conte di Novellara e a Bologna di Isabella Pepoli, figlia di Lucrezia Gonzaga.[1]

Sposò nel 1529 Giacomo Braschi di Vicenza.

È nota per essere stata l'amante[2] in Italia di Francisco de Los Cobos, segretario di Stato dell'imperatore Carlo V, che aveva commissionato al pittore Tiziano il suo ritratto (1530)[3], andato perduto.[4] Cornelia frequentò anche la corte di Aloisio Gonzaga, marchese di Castel Goffredo, e venne nominata dal poeta Matteo Bandello.[5][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vincenzo Davolio, Memorie istoriche di Novellara e de' suoi principi, Volume 1.
  2. ^ Claudia Terribile, Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 67 (2006), treccani.it. URL consultato il 9 marzo 2015.
  3. ^ Mapping Titian.
  4. ^ Giovanni Sassu, Les Poètes de l’Empereur. La cour de Charles-Quint dans le renouveau littéraire du XVIe siècle (1516-1556), e-spania.revues.org, 13 giugno 2012. URL consultato il 9 marzo 2015.
  5. ^ Rosanna Golinelli Berto. Associazione per i monumenti domenicani (a cura di), Sepolcri Gonzagheschi, Mantova, 2013.
  6. ^ Piero Gualtierotti, Matteo Bandello alla corte di Luigi Gonzaga, Mantova, 1978.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Malaspina, Torino, 1835, ISBN non esistente.