Corineo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Corineo o Corin era nelle mitologia britannica un prodigioso guerriero, in grado di affrontare i giganti. È l'eponimo fondatore della Cornovaglia.

Secondo Goffredo di Monmouth, egli condusse i discendenti di Troia fuggiti con Antenore dall'assedio di Troia e rifugiatisi sulle coste del Mar Tirreno. Dopo che Bruto di Troia, figlio del principe troiano Enea, venne esiliato dall'Italia e liberò i prigionieri troiani in Grecia, si incontrò con Corineo e con il suo popolo, e si unì a loro nel loro viaggio. Giunti in Gallia, Corineo provocò una guerra con il re di Aquitania, Goffarius Pictus (Goffar), cacciando nelle sue foreste senza permesso, e massacrò migliaia di nemici con la sua ascia da guerra. Dopo aver sconfitto il re d'Aquitania, i troiani attraversarono il mare verso l'isola di Albione, che Bruto ribattezzò Britannia in suo onore.

Corineo si stabilì in Cornovaglia che, secondo il mito, era allora abitata da giganti. Il duro scontro tra il popolo di Corineo ed i giganti guidati dal loro capo Gogmagog fu duro ma alla fine i troiani vinsero e lasciarono vivo solo Gogmagog per uno scontro diretto con Corineo. La lotta ebbe luogo, secondo la leggenda, nei pressi di Plymouth e Corineo vinse il gigante gettandolo su una roccia. Fu per questo che Corineo venne indicato come il primo dei leggendari duchi di Cornovaglia e quando Bruto morì, il resto della Britannia venne diviso tra i figli di Corineo.