Convitto nazionale Mario Pagano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Convitto nazionale Mario Pagano
(ex Collegio Sannitico di Campobasso)
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàCampobasso
IndirizzoCorso Mazzini, 1
Coordinate41°33′34.56″N 14°39′40.54″E / 41.5596°N 14.66126°E41.5596; 14.66126
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1816

Il convitto nazionale Mario Pagano di Campobasso è un convitto nazionale che ospita all'interno delle sue strutture una scuola primaria, una scuola secondaria di primo grado ed un liceo scientifico, tutte statali. È situato in corso Giuseppe Mazzini 1, nel pieno centro della città.

Sequoia di Via Mazzini nel giardino del Convitto Mario Pagano
Il convitto nazionale Mario Pagano in una xilografia di fine Ottocento.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio fu denominato "collegio Sannitico" con decreto del 12 marzo 1816, con sede presso il monastero degli Antoniani poiché non idoneo ad edificio scolastico. Compiuti i necessari lavori di adattamento del locale, il collegio venne inaugurato il 16 novembre del 1817, assumendo il prefisso Real con regio decreto del 25 gennaio 1854. La direzione del Real Collegio Sannitico fu affidata ai Padri Barnabiti che portarono avanti un progetto per la costruzione di un nuovo edificio per le scuole e per il convitto. Ottenute le nuove strutture, chiesero ed ottennero di lasciare la gestione dell'Istituto. Il collegio rimase chiuso fino al principio dell'anno 1857, quando venne chiamato a dirigerlo il canonico Berardo Palombieri, sotto la cui amministrazione in quell'anno stesso il collegio venne elevato a Liceo. Il 4 marzo del 1865, sotto proposta del Ministero della Pubblica Istruzione, con decreto firmato a Milano dal re Vittorio Emanuele II, il collegio prese l'attuale denominazione di convitto nazionale "Mario Pagano", in onore del giurista, politico e patriota italiano Mario Pagano. Tra le figure più note è da indicare quella di Giovanni Gentile, massimo filosofo italiano del fascismo, che tenne una cattedra presso il ginnasio di questo istituto.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio, di mole imponente, si sviluppa su tre piani nel corpo centrale e su due nelle sezioni laterali. La facciata presenta al piano terra un ampio portale centrale e una serie di finestre leggermente arcuate.

Il primo livello ospita i seguenti locali:

  • portineria;
  • economato;
  • rettorato;
  • sala mensa;
  • palestra;
  • cortile esterno;
  • aule del liceo scientifico e della scuola secondaria di primo grado;
  • biblioteca:
  • laboratori;
  • infermeria.

Il secondo livello ospita:

  • aula magna;
  • laboratorio di informatica;
  • sala per visualizzazione di materiale video;
  • aule della scuola primaria;
  • sala docenti;
  • camere e locali del convitto;
  • cappella (vi si trovano due importanti opere del Settecento fiorentino, di Giuseppe Antonio Fabbrini e di Giovan Domenico Ferretti)[1].

Il terzo livello ospita dei locali privati.

Il giardino[modifica | modifica wikitesto]

Cedro del Libano nel giardino del Convitto Mario Pagano

L'edificio si affaccia su un giardino, impiantato alla fine del XIX secolo, che è considerato un vero tesoro botanico grazie alla presenza di specie pregiate e rare. Tra gli alberi primeggia la sequoia gigante che ben si è adattata al clima della città raggiungendo un'altezza imponente. Altra vera rarità è il Ginkgo biloba originario della Cina noto per la forma a ventaglio delle sue foglie e per il colore verde intenso in primavera e giallo oro in autunno. Il Cedro del Libano crea infine un angolo caratteristico con i suoi lunghi rami che si sporgono oltre l'inferriata.

Note[modifica | modifica wikitesto]