Contax

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Contax
Stato Germania Germania
Fondazione 1932 a Dresda
Fondata da Zeiss Ikon
Sede principale Dresda fino al 1948
Gruppo Carl Zeiss (azienda)
Persone chiave Emanuel Goldberg
Settore ottica
Prodotti macchine fotografiche
Sito web www.contaxcameras.co.uk/
Contax II
CONTAX RTS III con Planar 1,4/50 mm

Contax è una marca di macchine fotografiche dell'azienda tedesca Carl Zeiss nota per le sue uniche e talvolta insolite tecniche innovative e per l'ampia gamma di ottiche. Il nome della società fu scelto dopo un sondaggio tra i dipendenti Zeiss. Sotto il marchio Contax vennero costruite fotocamere dal 1932 al 2005 da diversi costruttori, con la Carl Zeiss (fino al 1958 la VEB Carl Zeiss Jena) per gli obiettivi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Subito dopo il lancio della Leica I, la Contax rispose con la Contax I, che riuscì in un difficile compito: quello di creare un sistema a telemetro 35mm senza copiare da Leica. Le fotocamere Contax si distinsero subito per il loro design e per la capacità di montare ottiche Zeiss come il famoso Sonnar 50mm/1,5. La Contax I si distingueva per un parco ottiche davvero ampio, che andava dai grandangolari ai teleobiettivi, il Sonnar 180mm/2,8, costruito per le olimpiadi di Berlino del 1936 ne è un chiaro esempio. La produzione ante-guerra continuò con la produzione di Contax II e Contax III. Nel dopoguerra la Contax che era passata alla Germania Ovest costruì la Contax IIa e la Contax IIIa, che potevano montare tutte le ottiche ante-guerra più le nuove ottiche del dopoguerra. Nella Germania Est le truppe sovietiche depredarono la vecchia fabbrica Contax, rubando i pezzi, dando così origine alle "Contax Russe" prodotte a Kiev in Ucraina. Da notare che il primo trattamento antiriflessi al fluoro (l'odierna fluorite) è stato applicato al Sonnar 50mm/1,5 Zeiss per Contax.

Kyocera Contax-Kameras di Yashica/Kyocera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la fine della produzione Zeiss Ikon nel 1972, la Carl Zeiss rimane in produzione con gli obiettivi. Cercano un partner per cooperare nelle macchine fotografiche. Dopo una collaborazione con Pentax, nel 1972 siglano un accordo con la giapponese Yashica. Yashica diventa nel 1983 della Kyocera. Kyocera acquisisce quindi la divisone di macchine fotografiche. Dal 1974 fino al 2005 uscirono quindi prodotti in cooperazione tra i due costruttori.

Gli obiettivi vennero forniti dalla Carl Zeiss e nei primi anni di collaborazione la Carl Zeiss di Oberkochen costruì le apparecchiature, presto la Yashica (già Kyocera) e Tomioka divennero gli unici costruttori. La terminologia Zeiss rimase per le ottiche. „Distagon“ per i grandangolo, „Planar“ e „Tessar“ per i normali obiettivi, „Sonnar“ per i leggeri e „Tele-Tessar“ per grandi telescopici. Gli zoom si chiamarono sempre „Vario-Sonnar“.

La fotocamera Contax N Digital (uscita sul mercato nel 2000) è stata la prima fotocamera reflex digitale con un sensore CCD avente dimensioni 24x36mm, quindi identiche a quelle del classico fotogramma della pellicola.

Nell'aprile 2005 Kyocera decide di ritirare i prodotti a marchio Contax.[1] Nel settembre 2005 termina la fornitura di fotocamere e accessori Contax.[2] Il marchio „Contax“ appartiene ancora alla Carl Zeiss ma per un accordo di cooperazione non può essere utilizzato dalla stessa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Handelsblatt: Vorläufiges Ende auch für in Lizenz gefertigte deutsche Traditionsmarke Contax - Kyocera steigt bei Digitalkameras aus.
  2. ^ photoscala: Kyocera gibt Kamerageschäft auf.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hans-Jürgen Kuc: Auf den Spuren der Contax. Band I. Wittig Fachbuchverlag, 1991, ISBN 3-88984-118-X, 272 Seiten.
  • Hans-Jürgen Kuc: Auf den Spuren der Contax. Band II, 2. Auflage. Wittig Fachbuchverlag, 2003, ISBN 3-930359-34-0, 266 Seiten.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]