Confine tra la Slovacchia e l'Ucraina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Confine tra la Slovacchia e l'Ucraina
Carte Slovaquie-Ukraine.png
La Slovacchia (in verde) e l'Ucraina (in arancione) nel continente europeo
Dati generali
StatiSlovacchia Slovacchia
Ucraina Ucraina
Lunghezza97 km
Dati storici
Istituito nel1945
Causa istituzionepassaggio della Rutenia subcarpatica all'Unione Sovietica

Il confine tra la Slovacchia e l'Ucraina è la linea di demarcazione tra questi due Stati. Ha una lunghezza di 97 km.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il confine nacque per separare la Cecoslovacchia e la RSS Ucraina dopo la fine della seconda guerra mondiale, quando alla prima furono ristabiliti i confini pre-accordo di Monaco, ad eccezione di una regione, la Transcarpazia, che passò all'altro Paese.[2] Dopo il crollo dell'Unione Sovietica da una parte del confine emerse l'Ucraina, ora indipendente, e dalla parte cecoslovacca, dopo la loro divisione nel 1993, lo Stato slovacco.

Confine nei Carpazi

Da quando la Slovacchia è diventata membro dell'Unione europea il 1º maggio 2004, il confine è diventato anche una frontiera esterna dell'UE.[3]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il confine si trova all'est della Slovacchia e ad ovest dell'Ucraina. Ha un andamento generale da nord verso sud.

Inizia alla triplice frontiera tra Polonia, Slovacchia ed Ucraina[4] presso il monte Kremenez per poi attraversare i Carpazi meridionali. Prosegue verso sud, e in seguito a ovest del capoluogo dell'Oblast' della Transcarpazia, Užhorod. Si dirige in seguito al fiume Tibisco, vicino alla città ungherese di Záhony, alla triplice frontiera tra Slovacchia, Ucraina ed Ungheria[5].

In Slovacchia sono interessate dal confine le seguenti regioni:

In Ucraina si trova lungo il confine la seguente oblast':

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Janusz Bugajski; Steven Pifer; Celeste A. Wallander, Ukraine: A Net Assessment of 16 Years of Independence, CSIS, 2008, ISBN 978-08-92-06527-1, p. 29.
  2. ^ (EN) David R. Marples, Motherland: Russia in the Twentieth Century, Routledge, 2014, ISBN 978-13-17-87385-3.
  3. ^ (EN) Derek R. Hall; Melanie K. Smith; Barbara Marciszewska, Tourism in the New Europe, CABI, 2006, ISBN 978-18-45-93118-6, p. 99.
  4. ^ Le coordinate geografiche di questa triplice frontiera sono: 49°05′04.4″N 22°33′28.08″E / 49.084556°N 22.5578°E49.084556; 22.5578
  5. ^ Questa triplice frontiera, collocata esattamente sul fiume, ha coordinate: 48°24′18.51″N 22°08′26.08″E / 48.405141°N 22.140577°E48.405141; 22.140577

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]