Condizionamento operante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Quello di condizionamento operante è uno dei concetti fondamentali del comportamentismo. Il condizionamento operante è una procedura generale di modifica del comportamento di un organismo, ossia è una modalità attraverso la quale l'organismo "apprende".

Condizionamento classico e condizionamento operante[modifica | modifica sorgente]

I comportamenti appresi tramite condizionamento operante modificano l'ambiente e sono "mantenuti vivi" dalle risposte che essi ricevono, mentre i comportamenti appresi tramite condizionamento classico sono relativi ai riflessi, i quali, al contrario, sono sollecitati dagli stimoli che li precedono. I comportamenti imparati tramite condizionamento classico non sono "mantenuti" dalle risposte che essi ricevono.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il ricercatore che ha evidenziato per primo i processi del condizionamento operante è stato Burrhus Skinner, basandosi sugli studi del condizionamento classico di Ivan Pavlov. Skinner ha evidenziato chiaramente come l'apprendimento non debba necessariamente avvenire seguendo una curva graduale, una learning curve secondo il paradigma dei tentativi ed errori descritto da Edward Lee Thorndike. Il perfezionamento della procedura e dell'apparato sperimentale, la Skinner Box da parte dello stesso Skinner, ha permesso di evidenziare e quantificare la relazione tra variabili indipendenti (stimolo discriminante e stimolo rinforzatore) con la variabile dipendente (frequenza delle risposte comportamentali) evitando l'interferenza di altre variabili "di disturbo" che avevano influito nelle relazioni emergenti dagli apparati sperimentali preparati da Thorndike. L'apprendimento in una contingenza a tre termini (stimolo discriminante, risposta comportamentale e stimolo rinforzatore) avviene a seguito dell'emissione di una singola risposta, in una maniera che può essere descritta come discreta o tutto o nulla. Le tecnologie di insegnamento, in una prospettiva coerente con B. F. Skinner e Murray Sidman, non prevedono quindi che la persona debba passare attraverso una fase di errori per apprendere un qualcosa. Gli errori possono essere evitati, e con essi una serie di effetti collaterali della punizione, se la tecnologia di insegnamento è progettata in base allo shaping sia delle risposte comportamentali che degli stimoli discriminanti (response shaping e stimulus shaping) secondo il paradigma noto come errorless learning.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Le tre unità funzionali minime del condizionamento operante sono:

  • uno stimolo discriminativo (contesto) - SD
  • una risposta da parte di un organismo (comportamento) - R
  • uno stimolo che fa seguito alla risposta (rinforzo) - S+

Si noti che i termini stimolo e risposta possono essere intesi come insiemi di stimoli e di risposte, secondo una scala la cui complessità varia in funzione dell'organismo e del tipo di comportamento studiato.

Quella sopra descritta si definisce "contingenza di rinforzamento" ed è l'unità minima per lo studio del comportamento operante (o comportamento volontario, contrapposto al comportamento riflesso studiato da Pavlov). Ciò significa che i termini utilizzati nella sua definizione non hanno un significato indipendente.

La contingenza di rinforzo viene spesso schematizzata nel seguente modo:

SD

R --> S+

A seguito della predisposizione di una tale contingenza di rinforzamento si osserva che, quando in un certo contesto (ossia in presenza di certi stimoli discriminativi - SD) la risposta dell'organismo (comportamento - R) è seguita da uno stimolo rinforzante (rinforzatore - S+) si ha come risultato un aumento della probabilità che, in presenza dello stesso contesto, il soggetto emetta la stessa risposta.

Il condizionamento operante è quindi la base del processo di apprendimento e di adattamento all'ambiente degli organismi viventi. In senso darwiniano, il comportamento operante viene selezionato dalle sue conseguenze, consentendo l'adattamento all'ambiente. Nella visione di Skinner il parallelismo con il meccanismo evolutivo è estremamente chiaro: così come gli organismi sono selezionati dalla loro capacità di adattarsi all'ambiente attraverso la riproduzione, così i comportamenti degli organismi sono selezionati dalla loro capacità di adattarsi all'ambiente attraverso le loro conseguenze.

Estinzione Operante[modifica | modifica sorgente]

Per ridurre la frequenza di un comportamento si usa il processo inverso: l'estinzione. In presenza di un determinato contesto all'emissione della risposta non farà seguito lo stimolo rinforzante. Ciò fa sì che la probabilità di emissione del comportamento diminuisca. Si noti che il processo di estinzione richiede la presenza di una fase in cui il comportamento la cui frequenza si vuole ridurre o annullare viene emesso. In altri termini, non è possibile estinguere un comportamento che non viene emesso.

Si noti la differenza radicale con il concetto di punizione che prevede, a seguito di un certo comportamento, l'emissione di uno stimolo avversivo (doloroso, spiacevole). Tale procedura ha l'effetto immediato di ridurre la frequenza del comportamento punito, ma non quella di estinguerlo: il comportamento rimarrà presente nel repertorio comportamentale del soggetto. La riduzione della frequenza del comportamento stesso verrà meno con il venire meno della punizione.

Differenza con il condizionamento classico[modifica | modifica sorgente]

Nella concezione di Skinner il condizionamento operante si contrappone al condizionamento rispondente (chiamato anche condizionamento classico (o riflesso condizionato) di Ivan Pavlov sulla base della procedura seguita per effettuare il condizionamento e sulla base delle caratteristiche del comportamento che viene condizionato.

Differenze procedurali[modifica | modifica sorgente]

Per quanto riguarda la procedura seguita, osserviamo che il condizionamento classico parte dall'esistenza di uno stimolo che produce un riflesso incondizionato e, attraverso la associazione di questo stimolo con uno stimolo neutro, trasferisce la capacità di elicitare la risposta allo stimolo neutro che diventa in questo modo uno stimolo condizionato che provoca un riflesso condizionato.

Il paradigma è quindi del tipo Stimolo - Risposta.

Esempio di procedura di condizionamento classico Il noto esperimento di Pavlov prevedeva che venisse somministrato del cibo ad un cane. La vista del cibo produceva salivazione da parte del cane. Abbiamo quindi uno stimolo che produce un riflesso incondizionato sulla base di una relazione fisiologica. Associando ripetutamente il suono di un campanello (uno stimolo neutro, nel senso che non produce nessuna reazione fisiologica) alla presentazione del cibo si ottiene che il cane saliverà anche al solo suono del campanello. Il campanello stesso diventa uno stimolo condizionato che produce un riflesso condizionato (la salivazione).

Nel caso del condizionamento operante si parte da un repertorio comportamentale di base; in presenza di un certo contesto una determinata risposta è seguita da uno stimolo rinforzante. Ciò fa aumentare la probabilità di emissione di quella risposta, in quel contesto.

Il paradigma è quindi del tipo Risposta - stimolo.

Esempio di procedura di condizionamento operante In una skinner-box a un piccione o a un ratto viene somministrato del cibo quando preme una levetta. Inizialmente il comportamento di pressione della levetta (R) ha una probabilità di emissione bassa, ma a seguito della somministrazione del cibo (S+) tale probabilità cresce rapidamente. Se la pressione della levetta porta alla somministrazione del cibo solo in presenza di una luce accesa (SD), la probabilità di emissione di tale risposta sarà alta in presenza della luce e più bassa in sua assenza. Si noti che l'accensione della luce rende più probabile l'emissione della risposta di pressione della levetta. Potrebbe sembrare una struttura comportamentale simile a quella del riflesso condizionato, ma non è così. Si tratta di un modo di controllare il comportamento diverso da quello legato al condizionamento rispondente: la luce non provoca un riflesso, rende più probabile una risposta.

Differenze relative al comportamento[modifica | modifica sorgente]

Dal punto di vista delle caratteristiche funzionali e topologiche, il comportamento operante si distingue dal comportamento rispondente o comportamento riflesso per:

Strumentalità[modifica | modifica sorgente]

Il comportamento operante agisce sull'ambiente, modificandolo, mentre il comportamento rispondente consiste in una reazione dell'organismo (lacrimazione ecc.) che non modifica l'ambiente.

Controllo[modifica | modifica sorgente]

Il comportamento operante viene controllato dall'ambiente nel senso che determinati stimoli discriminanti aumentano la probabilità di emissione di una certa risposta; il comportamento rispondente viene provocato direttamente da certi stimoli.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Domjan, Michael, Ed., The Principles of Learning and Behavior, Fifth Edition, Belmont, CA: Thomson/Wadsworth, 2003

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Psicologia Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Psicologia