Comando delle forze operative terrestri di supporto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Comando delle forze operative terrestri di supporto
Comsup scud.jpg
Descrizione generale
Attivo 1º ottobre 1997 - 2013
1 ottobre 2016 -oggi
Nazione Italia Italia
Servizio Coat of arms of the Esercito Italiano (1991-2014).svg Esercito Italiano
Tipo area di vertice
Supporto al rischieramento fuori area logistica da combattimento e specializzazione
Dimensione Corpo d'armata
Guarnigione/QG Verona
Soprannome COMFOTER SUPPORTO
Comandanti
Comandante attuale generale di corpo d'armata Amedeo Sperotto
Degni di nota generale di corpo d'armata Rocco Panunzi

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il Comando delle Forze Operative Terrestri di Supporto, (COMFOTER SUPPORTO) è un'area di vertice dell'Esercito Italiano, con sede a Verona, direttamente dipendente dal capo di stato maggiore dell'Esercito Italiano.[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1997 come Comando dei supporti e delle forze operative terrestri (Supporti COMFOTER) è stato un alto comando dell'Esercito Italiano ubicato presso la cittadella militare della Cecchignola di Roma, dipendente dal Comando delle forze operative terrestri e specializzato nel supporto operativo in teatro alle forze terrestri. Il comando dei supporti raggruppava i comandi monoarma impiegati principalmente per compiti operativi ed addestrativi e le scuole di specializzazione dell'Esercito. Era affidato ad un generale di corpo d'armata (OF-8) o tenente generale.

Soppresso nel 2012, è stato riconfigurato l'1 ottobre 2016, come Comando delle Forze Operative Terrestri SUPPORTO, con sede a Verona, area di vertice affidata a un generale di corpo d'armata, direttamente dipendente dal capo di stato Maggiore del'Esercito.

Organigramma[modifica | modifica wikitesto]

Supporti COMFOTER[modifica | modifica wikitesto]

COMFOTER SUPPORTO[modifica | modifica wikitesto]

Dipendono dall'1 ottobre 2016 dal COMFOTER SUPPORTO:

Comandanti[modifica | modifica wikitesto]

  • Generale di corpo d'armata Amedeo Sperotto (1 ottobre 2016 - in carica)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.esercito.difesa.it/organizzazione/capo-di-sme/comfoter-supporto

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Rapporto Esercito 2012 (supplemento), in Rivista Militare, nº 2, Roma, 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]