Cloruro di vanadio(II)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cloruro di vanadio(II)
Struttura dello ioduro di cadmio, analoga a quella del cloruro di vanadio(II)
Nome IUPAC
Cloruro di vanadio(II), dicloruro di vanadio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareVCl2
Massa molecolare (u)121,85
Aspettosolido verde chiaro
Numero CAS10580-52-6
Numero EINECS234-176-7
PubChem66355
SMILES
Cl[V]Cl
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)3,23
Solubilità in acquasolubile
Temperatura di fusione1350 °C[1]
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1)-460[1]
Proprietà tossicologiche
LD50 (mg/kg)540 (ratto, orale)[2]
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
corrosivo irritante
pericolo
Frasi H302 - 314
Consigli P280 - 305+351+338 - 310

Il cloruro di vanadio(II) o dicloruro di vanadio è il composto inorganico con formula VCl2. In condizioni normali è un solido di colore verde chiaro, molto igroscopico. Lo stato di ossidazione del vanadio è +2, molto ridotto, e quindi il composto è molto sensibile all'ossidazione.[1] VCl2 è disponibile in commercio.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il composto VCl2 fu ottenuto per la prima volta nel 1869 da Henry Enfield Roscoe, facendo passare una miscela di VCl4 e idrogeno attraverso un tubo riscaldato al calor rosso.[3][4] Dal VCl2 così preparato Roscoe ottenne quindi per la prima volta vanadio metallico per ulteriore riduzione con idrogeno.

Struttura molecolare e configurazione elettronica[modifica | modifica wikitesto]

VCl2 è un composto ionico. Allo stato solido possiede una struttura cristallina esagonale analoga a quella dello ioduro di cadmio, gruppo spaziale P3m1, con costanti di reticolo a = 360,1 pm e c = 583,5 pm.[5] Lo ione V2+ ha configurazione elettronica d³, con stato fondamentale di quartetto, analogamente al Cr3+.[1]

Sintesi[modifica | modifica wikitesto]

VCl2 si può preparare trattando VCl3 con idrogeno a temperatura non oltre 675 °C:[6]

2VCl3 + H2 → 2VCl2 + 2HCl

Alternativamente si può preparare per decomposizione termica di VCl3. Si ha una reazione di disproporzione con formazione del composto volatile VCl4, mentre rimane VCl2 che non è volatile:[7]

2VCl3 → VCl2 + VCl4

Reattività[modifica | modifica wikitesto]

VCl2 è un composto molto igroscopico e molto sensibile all'ossidazione. Sciolto in acqua forma lo ione esaaquo [V(H2O)6]2+ color lavanda. Facendo evaporare queste soluzioni si ottengono cristalli di [V(H2O)6]Cl2. È invece insolubile in alcool o etere.[8]

VCl2 ha forti proprietà riducenti, e può ridurre solfossidi a solfuri, azidi organiche ad ammine, e può anche essere usato per accoppiamenti riduttivi di alcuni alogenuri alchilici.[1]

Tossicità / Indicazioni di sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

VCl2 è disponibile in commercio. Il composto provoca gravi ustioni cutanee e gravi lesioni oculari. È nocivo per ingestione e inalazione. Non ci sono evidenze di effetti cancerogeni. Non sono disponibili dati su effetti ambientali.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia