Cliometria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La cliometria (klīəmetriks), talvolta chiamata nuova storia economica[1] o storia econometrica[2], è l'applicazione sistematica della teoria economica, delle tecniche econometriche e di altri metodi formali o matematici allo studio della storia (in particolare la storia sociale ed economica). È un approccio quantitativo (al contrario di quello qualitativo o etnografico) alla storia economica. Il termine "cliometrics" deriva da Clio, che era la musa della storia, ed era originariamente coniata dall'economista matematico Stanley Reiter nel 1960. Dalla fine degli anni 90 c'è stata una ripresa della "nuova storia economica".

Dipinto del XVII secolo raffigurante la musa Clio

Storia della disciplina[modifica | modifica wikitesto]

La nuova storia economica ebbe origine nel 1958 con gli economisti americani Alfred H. Conrad e John R. Meyer che pubblicarono " The Economics of Slavery in the Antebellum South" che provocò una tempesta di polemiche con la sua affermazione, basata su dati statistici, che la schiavitù, essendo economicamente efficiente e molto redditizio per i proprietari di schiavi, non sarebbe finito in assenza della guerra civile americana. La nuova rivoluzione della storia economica iniziò effettivamente a metà degli anni '60 e fu respinta perché molti storici storici in carica erano storici o economisti che avevano pochissime connessioni con la modellistica economica o le tecniche statistiche. Le aree di interesse chiave includevano la storia dei trasporti, la schiavitù e l'agricoltura. La Cliometria divenne più conosciuta quando Douglass North e William Parker diventarono redattori del Journal of Economic History nel 1960. I Cliometrics Meetings iniziarono a svolgersi intorno a quest'epoca presso la Purdue University e si tengono ancora annualmente in luoghi diversi. Oggi gli approcci cliometrici sono standard in diverse riviste, tra cui il Journal of Economic History, Explorations in Economic History, European Review of Economic History e Cliometrica.

Secondo l'economista cliometrica Claudia Goldin, il successo della rivoluzione cliometrica ha avuto come conseguenza non intenzionale la scomparsa degli storici economici dai dipartimenti della storia. Quando gli storici economici iniziarono ad usare gli stessi strumenti degli economisti, iniziarono a sembrare più simili agli altri economisti. Nelle parole di Goldin, "i nuovi storici dell'economia hanno estinto l'altra parte". L'altra parte quasi scomparve del tutto, con solo pochi rimasti nei dipartimenti di storia e nelle business school. Tuttavia, alcuni nuovi storici dell'economia, in effetti, hanno iniziato la ricerca in questo periodo, tra cui Kemmerer e Larry Neal (uno studente di Albert Fishlow, leader della rivoluzione cliometrica) dall'Illinois, Paul Uselding di Johns Hopkins, Jeremy Atack di Indiana e Thomas Ulen di Stanford.

Un gruppo dedicato all'incoraggiamento verso gli studi cliometrici è stato fondato nel 1983 con il nome di The Cliometric Society.

La cliometria è stata introdotta in germania da un nativo americano chiamato Richard H. Tilly nel 1970.

C'è stata una rinascita nella "nuova storia economica" dalla fine degli anni '90. Il numero di articoli sulla storia economica pubblicati nelle principali riviste di economia è aumentato negli ultimi decenni, includendo il 6,6% degli articoli nell'American Review e il 10,8% degli articoli nel Quarterly Journal of Economics per il periodo 2004-2014.

Premio Nobel in Economia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 1993, la Banca nazionale svedese ha conferito il premio Nobel per le scienze economiche a Robert William Fogel e Douglass Cecil North "per aver rinnovato la ricerca nella storia economica". L'Accademia ha osservato che "sono stati pionieri nel ramo della storia economica che è stato definito la" nuova storia economica "o" la cliometria ". Fogel e North hanno ricevuto il premio per trasformare gli strumenti teorici e statistici dell'economia moderna sul passato storico: su argomenti che vanno dalla schiavitù e dalle ferrovie alla navigazione marittima e ai diritti di proprietà.

Fogel viene spesso descritto come il padre della moderna storia econometrica e dei Neoistorici. È particolarmente noto per l'utilizzo di un attento lavoro empirico per ribaltare la saggezza convenzionale. North, professore alla Washington University di St. Louis, fu onorato come pioniere nella "nuova" storia istituzionale. Nell'annuncio del Nobel, è stato fatto specifico riferimento a un documento del 1968 sulla navigazione oceanica, in cui il Nord ha dimostrato che i cambiamenti organizzativi hanno avuto un ruolo maggiore nell'aumento della produttività rispetto al cambiamento tecnologico.

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

La Cliometria ha ricevuto critiche acute. Boldizzoni ha riassunto una critica comune sostenendo che la cliometria si basa sul falso assunto e che le leggi dell'economia neoclassica si applicano sempre all'attività umana. Queste leggi, dice, si basano su scelte e massimizzazioni razionali, poiché operano in mercati ben sviluppati, e non si applicano a economie diverse da quelle dell'occidente capitalista nell'era moderna. Invece, Boldizzoni sostiene che il funzionamento delle economie è determinato da condizioni sociali, politiche e culturali specifiche per ciascuna società e periodo di tempo.

D'altra parte, Diebolt ha sostenuto che la cliometria è matura e ben accettata dagli studiosi come uno "strumento indispensabile" nella storia economica. Secondo la maggior parte degli studiosi, la teoria economica, combinata con nuovi dati e metodi storici e statistici, è necessaria per formulare precisamente i problemi, per trarre conclusioni dai postulati e per ottenere informazioni su processi complicati. A livello applicativo, la cliometria è accettata come metodo per misurare variabili e stimare i parametri.

Una critica alla cliometria di Joseph T. Salerno, basata sulla prospettiva della Scuola Austriaca di economia, in particolare quella di Ludwig von Mises, si può trovare nella sua Introduzione dell'opera A History of Money e Banking in the United States: The colonial Era to World War II.

Distinzione tra cliometria e cliodinamica[modifica | modifica wikitesto]

La cliometria e la cliodinamica condividono l'ambizione scientifica di utilizzare strumenti quantitativi e dati storici per mettere alla prova i principi storici generali. Entrambi i campi si sforzano di raccogliere grandi quantità di dati storici su grandi campioni. Tuttavia, i due campi differiscono anche in molti modi importanti. La cliodinamica, a differenza della cliometria, mantiene una stretta relazione con le scienze naturali, spesso impiegando metodi dominanti dalle scienze naturali come i modelli di equazioni differenziali, le relazioni di legge di potere e i modelli basati su agenti. La teoria dei giochi evolutiva e l'analisi dei social network sono spesso utilizzati dai cliodinamici, ma non dai cliometriciani. I cliodinamici tendono anche a includere i fattori associati al contesto ecologico e ai determinanti biologici nei loro modelli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The New Economic History. Its Findings and Methods, Economic History Review, 1966, p. 642-656.
  2. ^ Woodman, Harold (1972). "Economic History and Economic Theory: The New Economic History in America"., Journal of Interdisciplinary History. 3, p. 323–350.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Boldizzoni, Francesco (2011). The Poverty of Clio: Resurrecting Economic History. Princeton University Press. Excerpt in The Montreal Review
  • Drukker, J. W. (2006). The Revolution that Bit its Own Tail: How Economic History Changed our Ideas on Economic Growth. Amsterdam.
  • Fogel, R. (1964). Railroads and American Economic Growth: Essays in Econometric History.
  • Fogel, Robert William; Engerman, Stanley L. (1995). Time on the Cross: The Economics of American Negro Slavery (Reissue ed.). New York: W. W. Norton and Company. ISBN 0-393-31218-6.
  • Lyons, John S.; Cain, Louis P.; Williamson, Samuel H., eds. (2008). Reflections on the Cliometrics Revolution: Conversations with Economic Historians. Routledge. ISBN 978-0-415-70091-7. Reprinted interviews from the Newsletter of the Cliometric Society (excerpts)
  • Robert A. Margo (2017): "The Integration of Economic History into Economics", NBER.
  • North, Douglas (1965). "The State of Economic History". American Economic Review. 55 (1–2): 86–91. JSTOR 1816246.
  • North, Douglas; Thomas, Robert (1973). The Rise of the Western World: a New Economic History. Cambridge University Press.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4459218-8
Economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia