Classificazione Vallée

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La Classificazione Vallée è un sistema di classificazione delle osservazioni di UFO creato dall'ufologo francese Jacques Vallée. È spesso preferito alla classificazione Hynek perché più precisa.

Primo sistema[modifica | modifica wikitesto]

È stato elaborato nel 1966 ed è composto da cinque tipi divisi a loro volta in sottotipi.[1]

Tipo I[modifica | modifica wikitesto]

Osservazione di un oggetto insolito, a forma di sfera, disco o altra forma geometrica, situato nei pressi del suolo (all'altezza degli alberi o più in basso), al quale possono essere associate delle tracce o degli effetti termici, luminosi o meccanici.

  • a- Al suolo o nei pressi del suolo
  • b- Vicino ad un posto con acqua
  • c- Gli occupanti dell'UFO mostrano interesse verso i testimoni facendo gesti o segnali luminosi
  • d- L'UFO sembra controllare un veicolo terrestre

Tipo II[modifica | modifica wikitesto]

Osservazione di un oggetto insolito di forma verticale o cilindrica nel cielo, associato ad un alone nebuloso. Si danno a questo fenomeno diversi nomi, come "sigaro nebuloso" o "sfera nebulosa".

  • a- Con movimenti irregolari nel cielo
  • b- Oggetto stazionario che "genera" altri oggetti (oggetti satelliti)
  • c- Oggetto circondato da altri oggetti

Tipo III[modifica | modifica wikitesto]

Osservazione di un oggetto insolito di forma sferica, discoidale o ellittica, stazionario nel cielo.

  • a- Alternanza di periodi di movimento e periodi stazionari, con movimento a "foglia morta"
  • b- Interruzione di un volo continuo, poi ripresa del movimento
  • c- Cambiamento di apparenza durante lo stazionamento
  • d- "Combattimento aereo" o carica verso altri oggetti
  • e- Traiettoria modificata durante un volo continuo per volare lentamente intorno a certe zone o per cambiare improvvisamente direzione

Tipo IV[modifica | modifica wikitesto]

Osservazione di un oggetto insolito in volo continuo.

  • a- Volo continuo
  • b- Traiettoria modificata verso un mezzo convenzionale vicino
  • c- Volo in formazione
  • d- Traiettoria a su e giù o a zigzag.

Tipo V[modifica | modifica wikitesto]

Osservazione di un oggetto insolito di apparenza indistinta, che appare come un oggetto che non è interamente solido o materiale.

  • a- Diametro apparente ampio, sorgente luminosa non definita
  • b- Oggetto simile ad una stella, immobile durante lunghi periodi
  • c- Oggetti simili a stelle che attraversano il cielo, eventualmente secondo traiettorie particolari

Secondo sistema[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990 Vallée ha proposto un nuovo sistema di classificazione, più completo, che tiene conto della classificazione di Hynek.[2] Il nuovo sistema permette di classificare non solo gli UFO, ma anche i fenomeni paranormali.

Anomalie[modifica | modifica wikitesto]

Volo ravvicinato[modifica | modifica wikitesto]

  • Tipo I: Osservazioni-Traiettoria continua dell'UFO
  • Tipo II: Effetti fisici- l'UFO lascia una traccia fisica
  • Tipo III: Entità- Osservazione di esseri
  • Tipo IV: Trasformazione della realtà- i testimoni hanno l'impressione di una deformazione della realtà
  • Tipo V: Ferite o morte- ferite o morte causate dall'UFO

Manovre[modifica | modifica wikitesto]

  • Tipo I: Osservazioni- Traiettorie discontinue dell'UFO
  • Tipo II: Effetti fisici- L'UFO lascia una traccia fisica
  • Tipo III: Entità- Osservazione di esseri
  • Tipo IV: Trasformazione della realtà- i testimoni hanno l'impressione di una deformazione della realtà
  • Tipo V: Ferite o morte- ferite o morte causate dall'UFO

Incontro ravvicinato[modifica | modifica wikitesto]

  • Tipo I: L'UFO è vicino
  • Tipo II: Effetti fisici- l'UFO lascia una traccia fisica
  • Tipo III: Entità- Osservazione di esseri
  • Tipo IV: Trasformazione della realtà- rapimento
  • Tipo V: Ferite o morte- ferite o morte causate dall'UFO

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jacques e Janine Vallée, Challenge To Science: The UFO Enigma, 1966
  2. ^ Jacques Vallée, Confrontation:un scientifique à la recherche d'un autre monde Robert Laffont, 1991