Clarinetto piccolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Clarinetto piccolo
Requinta.JPG
Clarinetto in Mi♭
Informazioni generali
Origine Europa
Invenzione XVIII secolo
Classificazione Aerofoni ad ancia semplice
Famiglia Clarinetti
Uso
Musica galante e classica
Musica europea dell'Ottocento
Musica contemporanea
Bande musicali
Genealogia
 Antecedenti
Salmoè

Il clarinetto piccolo è uno strumento a fiato, ad ancia semplice, appartenente alla famiglia dei clarinetti.

Per clarinetto piccolo si intende in genere il cosiddetto quartino, ovvero il clarinetto tagliato in Mi♭, una terza minore sopra il do centrale. Questo strumento, di costruzione affine al clarinetto soprano, ha un timbro più brillante, squillante, e per questo viene spesso utilizzato nelle bande.

Il clarinetto piccolo è dotato degli stessi fori e chiavi del clarinetto soprano (anche se in versione ridotta) ed è formato dagli stessi pezzi (anche se generalmente il corpo centrale è unico). Il bocchino è più piccolo di quello del clarinetto in Si♭ e di conseguenza anche le ance.

Il clarinetto piccolo ha trovato un grande impiego nelle bande, soprattutto in Italia ma ha trovato posto anche in ambito orchestrale: tipici esempi sono La sagra della primavera di Igor Stravinskij, Feste romane di Ottorino Respighi, la Sinfonia fantastica di Hector Berlioz o il celebre solo nel Bolero di Maurice Ravel.

Vi sono comunque stati compositori nel XXI secolo che lo hanno utilizzato come solista.

Anche il clarinetto piccolo in La♭, noto come sestino, era impiegato nelle partiture per banda ed è il clarinetto più acuto, nonché dalle dimensioni più ridotte, della famiglia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica