Chroicocephalus ridibundus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gabbiano comune
Larus ridibundus.jpg
Gabbiano comune (Chroicocephalus ridibundus)
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Charadriiformes
Famiglia Laridae
Genere Chroicocephalus
Specie C. ridibundus
Nomenclatura binomiale
Chroicocephalus ridibundus
(Linneus, 1766)
Sinonimi

Larus ridibundus

Il gabbiano comune (Chroicocephalus ridibundus (Linneus, 1766)) è un uccello della famiglia dei Laridi[2], comune in Europa, Asia e sulle coste orientali del Canada. Solitamente è un uccello migratore, ma alcuni esemplari, principalmente nella zona occidentale dell'areale, sono anche stanziali.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il gabbiano comune ha una lunghezza che va dai 38 ai 44 cm e un'apertura alare dai 98 ai 105 cm. La sua velocità di volo è di circa 10 metri al secondo.

Nidifica in genere a terra, tra le erbe; più raramente sugli alberi o tra le erbe galleggianti in una palude. Nel lido, costruito da entrambi i genitori, la femmina depone in genere 3-4 uova. A volte due femmine vanno a deporre nello stesso nido. Entrambi i genitori si alterano nella cova che dura 22-24 giorni. A soli 6 giorni di età i piccoli sono già in grado di volare in autonomia.[3] Come tutte le specie di gabbiano, è molto socievole in inverno, sia quando si cura dei piccoli che quando è in stagione di accoppiamento. Non è una specie pelagica e raramente viene visto al largo delle coste.

Durante il volo, il margine bianco delle ali è un buon punto visibile da lontano. Il maschio ha la testa di colore marrone scuro, il corpo grigio chiaro, puntini neri sulle ali e zampe di colore rossastro. Il cappuccio si perde in inverno e lascia solo delle strisce verticali. La sua voce, può essere definita con termine onomatopeico "creire" per il tipico "crei-crei" ripetuto più volte. Questa specie di gabbiano a volte si alimenta sulle coste e nelle discariche.

Kokmeeuw Larus ridibundus Jos Zwarts 3.jpg
Chroicocephalus ridibundus

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Il gabbiano comune è un cacciatore scaltro, avvistato peraltro anche nei campi o a scovare invertebrati fra i campi arati.

Questa specie di uccello impiega due anni per raggiungere la maturità. I piccoli al primo anno hanno una striscia terminale nera, più aree scure nelle ali e, in estate, un cappuccio scuro più sviluppato.

È una specie rumorosa, specialmente nelle colonie, dove si fa sentire con il suo tipico richiamo "kree-ar".

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

Chroicocephalus ridibundus ha due sottospecie:

  • Chroicocephalus ridibundus ridibundus
  • Chroicocephalus ridibundus sibiricus

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BirdLife International. 2018, Chroicocephalus ridibundus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Laridae, in IOC World Bird Names (ver 9.2), International Ornithologists’ Union, 2019. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  3. ^ Alessandro Minelli, Il grande dizionario illustrato degli animali, Edizioni primavera, 1992, p. 172, ISBN 8809452445.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Harrison P. Seabirds of the World. Princeton University Press, Princeton (NJ), 1987 ISBN 0-691-01551-1
  • Dunn JL, Alderfer J. National Geographic Field Guide to the Birds of North America National Geographic Society 2006 ISBN 0-7922-6877-6

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4166346-9
Uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli