Chiesa di Santa Maria dei Prati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di Santa Maria ai Prati
Santa maria dei pra', la chiesazza, Ponso.jpg
StatoItalia Italia
RegioneVeneto
LocalitàChiesazza, Ponso
ReligioneCattolica di rito romano
TitolareMaria
Diocesi Padova
Stile architettonicoromanico

Coordinate: 45°10′53.77″N 11°34′43.26″E / 45.181603°N 11.578683°E45.181603; 11.578683

La chiesa di Santa Maria ai Prati, indicata anche come chiesa di Santa Maria dei Prà, italianizzato in "dei prati"[1], di Prà[2] o popolarmente Ciesazza, per la sua antichità[N 1] o per l'abbandono a seguito di inondazioni[2], è un edificio religioso ubicato a Chiesazza, località del comune Ponso in provincia di Padova che ne ha assunto il toponimo, sulla strada che collega il centro della bassa padovana a Piacenza d'Adige.

L'edificio, eretto nell'XI secolo e modificato nei secoli successivi, senza comunque perdere la sua originale connotazione stilistica, è uno dei pochi esempi rimasti di chiesa campestre romanica nel territorio della Bassa Padovana.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio ripropone l'impostazione classica del tempo nella costruzione di edifici destinati al culto, pianta a navata unica e copertura a capanna, di gusto romanico, con orientamento, anche questo tipico per l'epoca, con facciata posta a ovest. A una più attenta osservazione dei materiali utilizzati, la costruzione rivela numerosi interventi che si sono susseguiti nei secoli, anche per la necessaria manutenzione a seguito di devastanti inondazioni del territorio circostante. Lo zoccolo è costituito da un'accozzaglia di vari materiali di risulta, tra cui parti di laterizi e spolia di epoca romana oltre a blocchi di trachite presumibilmente provenienti dalle cave dei vicini Colli Euganei.[3]

Tutta la struttura è in muratura a mattoni faccia a vista, compreso il campanile che, come la parte superiore dell'edificio, si ritiene di epoca rinascimentale. Originariamente presentava anche un'abside scomparsa nel tempo, demolita o inglobata dalla struttura allungatasi per ospitare un maggior numero di fedeli.[3]

L'interno è accessibile tramite un semplice portale sulla facciata principale, impreziosita da modanature, e uno minore posto sul lato sinistro, nel pressi del campanile, anch'esso romanico e a pianta quadrata.[3]

Interno[modifica | modifica wikitesto]

L'interno conserva numerosi affreschi a tema religioso, realizzati, ad un esame di pigmenti usati e tecnica pittorica, presumibilmente nel XIII secolo, tra i quali spiccano due ritratti della Madonna col Bambino, un'annunciazione e un San Giovanni.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In lingua veneta il termine ciesazza suona come dispregiativo, tuttavia in questo caso è utilizzato con un'accezione referenziale per sottolineare la vetustà della costruzione.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ galpatavino.it, Chiesa di Santa Maria dei Prati.
  2. ^ a b La Storia del nostro paese, su comune.ponso.pd.it. URL consultato il 25 marzo 2020.
  3. ^ a b c d e atesinoproloco.net, Chiesa Santa Maria ai Prati.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]