Chiesa di San Martino Vescovo (Verucchio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Martino Vescovo
Collegiata o chiesa di san Martino.JPG
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
LocalitàVerucchio
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareSan Martino Vescovo
ArchitettoAntonio Tondini
Giovanni Morolli
Inizio costruzione1863
Completamento1874

Coordinate: 43°58′57.39″N 12°25′17.45″E / 43.982609°N 12.421515°E43.982609; 12.421515

La chiesa di San Martino Vescovo, detta più semplicemente chiesa di San Martino, è la parrocchiale di Verucchio, in provincia e diocesi di Rimini; fa parte del vicariato della Valmarecchia[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima pieve di Verucchio esisteva già nel X secolo[2]; essa era nota inizialmente fon il titolo di pieve di San Giovanni in Bulgaria Nova, mentre dal XV secolo è attestata la dedicazione a san Martino[2].

La prima pietra della nuova collegiata venne posta nel 1863[3]; l'edificio, sorto sul luogo dell'antico monastero di San Francesco d'Assisi voluto dai signori Malatesta nel 1320[2] e disegnato da Antonio Tondini e Giovanni Morolli[3], fu portato a termine nel 1874 ed inaugurato il 18 ottobre del medesimo anno[2].

L'edificio venne danneggiato durante la Seconda guerra mondiale e, pertanto, nel 1946 fu restaurato ad opera del Genio Civile; la chiesa venne nuovamente ristrutturata tra il 1997 e il 2010[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

La facciata della chiesa è a salienti, con la parte centrale, più alta, scandita da due paraste laterali, sorreggenti il grande arco in cui sono inscritti il portale maggiore e una finestra semicircolare e sopra il quale si imposta il timpano; nelle parti laterali si aprono i due portali secondari e altrettante lunette[2].

Interno[modifica | modifica wikitesto]

L'interno, le cui pareti sono abbellite da lesene, si articola in tre navate separate da pilastri e coperte da volte a botte; coperto dalla cupola è il punto in cui il transetto incrocia l'aula, al termine della quale vi sono il presbiterio e l'abside[2].

Opere di pregio qui conservate sono la pala dell'altar maggiore, il cui soggetto è San Martino che dà il mantello al povero, eseguita da Giovan Francesco Nagli nel XVII secolo[3], il trecentesco crocifisso del presbiterio, realizzato dal cosiddetto Maestro di Verucchio[4], quello veneziano quattrocentesco di Catarino e Nicolò di Pietro, risalente al 1404[3], e le due tele ritraenti dei Santi e San Tommaso Apostolo, dipinte rispettivamente da Giovanni Battista Costa sul finire del XVIII secolo e da Ignazio Stern nel Settecento[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ S. Martino, su diocesi.rimini.it. URL consultato il 5 gennaio 2020.
  2. ^ a b c d e f g h Chiesa di San Martino <Verucchio>, su chieseitaliane.chiesacattolica.it. URL consultato il 5 gennaio 2020.
  3. ^ a b c d CHIESA COLLEGIATA, su rimini.com. URL consultato il 5 gennaio 2020.
  4. ^ Chiesa Collegiata San Martino, su lavalmarecchia.it. URL consultato il 5 gennaio 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]