Chiesa di San Demetrio (Salonicco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Demetrio
Saint Demetrius Salonica 4.jpg
StatoGrecia Grecia
PeriferiaMacedonia Centrale
LocalitàSalonicco
IndirizzoΑγίου Δημητρίου 83
Religionecristiana greco-ortodossa
TitolareSan Demetrio
DiocesiMetropolia di Salonicco
ConsacrazioneIV secolo (poi 1912)
Sconsacrazione1430 (convertita in moschea)
Stile architettonicobizantino
CompletamentoIV secolo
Sito webwww.agdimitriosthes.gr

Coordinate: 40°38′20″N 22°56′53″E / 40.638889°N 22.948056°E40.638889; 22.948056

UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
Monumenti paleocristiani e bizantini di Salonicco
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Church of Saint Demetrius.jpg
TipoCulturali
Criterio(i)(ii) (iv)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal1988
Scheda UNESCO(EN) Paleochristian and Byzantine Monuments of Thessalonika
(FR) Scheda

La chiesa di San Demetrio (in greco : Άγιος Δημήτριος) si trova a Salonicco ed è la chiesa del patrono della città. La prima chiesa fu costruita nel IV secolo e fu edificata sulle preesistenze di un impianto termale romano; successivamente fu ristrutturata nel VII e nell'VIII secolo. Dopo la conquista ottomana nel 1430 la chiesa fu trasformata in moschea. Tornerà ad essere chiesa dopo la fine del dominio ottomano nel 1912.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa è un Martyrium che fu costruito sul luogo dell’uccisione del Santo. È un organismo imponente in pianta e in alzato, caratterizzato dalla presenza di numerose aperture. La basilica si articola in cinque navate e transetto a croce. I bracci laterali sono caratterizzati dalla presenza di colonnati che si innestano su quelli della navata centrale. Sotto il braccio meridionale del transetto è posta la cripta. Il corpo longitudinale presenta doppie navate laterali, tutte, come l’esonartece, con gallerie sovrastanti illuminate direttamente. Le colonne sono a gruppi di 3 o 4 , alternati a pilastri singoli. Le navatelle più esterne che cingono il transetto e inglobano anche la grande abside, presentano basse arcate su colonne che permettono l’affaccio dalla sovrastante galleria sulle navatelle intermedie. Tutto l’interno presenta una sontuosa decorazione marmorea e musiva.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (ELSQARHYBSBGZHHRCSDANLENETFRKADEHEHUISGAITJAKOLVLTLBNOFAPLPTRORUSRSKSLESSVTRUK) Sito ufficiale, su agdimitriosthes.gr. Modifica su Wikidata
Controllo di autoritàVIAF (EN135096709 · WorldCat Identities (ENlccn-n2008012731