Chiesa della Theotokos Pammacaristos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa della Theotokos Pammacaristos
Istanbul - Chiesa Pammacaristos (Fetiye camii) - San Gregorio armeniaco - Foto G. Dall'Orto 26-5-2006.jpg
San Gregorio Armeno
StatoTurchia Turchia
RegioneMarmara
LocalitàIstanbul
Religionein origine cristiana, poi islamica
TitolareBeata Madre di Dio
Stile architettonicobizantino
Inizio costruzioneprobabilmente XI-XII secolo

Coordinate: 41°01′45″N 28°56′47″E / 41.029167°N 28.946389°E41.029167; 28.946389

Particolare del Cristo Pantocratore circondato dai profeti dell'Antico Testamento

La chiesa della Theotókos Pammakaristos ("Beata Madre di Dio"), in seguito divenuta moschea e nota come Fethiye Camii, poi trasformata in museo, è oggi in parte in parte riaperta al culto islamico e in parte un museo. Il suo parekklesion è una delle più famose chiese bizantine superstiti di Istanbul, Turchia, e, oltre ad essere uno dei più importanti esempi dell'architettura paleologa di Costantinopoli, conserva il maggior numero di mosaici bizantini a Istanbul dopo Hagia Sophia e la Chiesa di San Salvatore in Chora. La chiesa principale, già sede del patriarcato greco ortodosso dopo l'abbandono della chiesa dei Santi Apostoli, è una moschea.

Localizzazione[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio si trova nella mahalle di Çarşamba nel distretto di Fatih nella città murata di Istanbul. La Theotokos Pammakaristos sovrasta il Corno d'Oro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la maggior parte degli studiosi, la chiesa fu costruita tra l'XI e il XII secolo d.C. Molti ritengono che l'originaria struttura risalga al tempo di Michele VII Ducas (1071-1078), altri propongono la sua fondazione nel periodo comneno[1]. Differente la proposta del bizantinista svizzero Ernest Mamboury che colloca la costruzione dell'edificio nell'VIII secolo d.C.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mathews, 346
  2. ^ Mamboury

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Belting, Hans, Mango, Cyril & Mouriki, Doula, Mosaics and Frescoes of St Mary Pammakaristos (Fethiye Cami Istanbul). Dumbarton Oaks Pub Service (1978). ISBN 0-88402-075-4
  • Harris, Jonathan, Constantinople: Capital of Byzantium. Hambledon/Continuum (2007). ISBN 978 1847251794
  • Mamboury, Ernest, Byzance - Constantinople - Istanbul. Milli Neşriyat Yurdu, Istanbul (1934, third edition)
  • Mathews, Thomas F., The Byzantine Churches of Istanbul: A Photographic Survey. Pennsylvania State University Press (1976). ISBN 0-271-01210-2

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4730526-5
Bisanzio Portale Bisanzio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bisanzio