Cesare Lucchini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cesare Lucchini (Bellinzona, 10 luglio 1941[1][2]) è un pittore svizzero-italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si diploma nel 1965 all'Accademia di belle arti di Brera, dopodiché dal 1969 insegna educazione artistica al ginnasio di Lugano, poi lavora a Milano fino al 1988 e dal 1989 è attivo a Lugano, Germania, Colonia e Düsseldorf.

La sua prima mostra fu nel 1967 a Bellinzona poi continuò con mostre a Milano, Chiasso, Lugano[3] su Google Libri, Parma, Tenero-Contra, Berna, Mosca, San Pietroburgo (queste due sono mostre colletive),[4] Chemnitz e in altri paesi della Svizzera e dell'Italia.[5][6]

Lucchini è stato citato in varie riviste, italiane come il "Giornale della libreria",[7] "Arte lombarda"[8] e in quello tedesco "Das Schweizer Buch".[9] Inoltre è stato citato nel libro "Il Segno della pittura e della scultura" del 1983.[10]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Tra i libri che gli sono stati dedicati ci sono più di 25 cataloghi delle mostre fatte[6]. Altri libri sono:

  • Matteo Bianchi e Sandra Solimano, Cesare Lucchini. Carte dipinte - Peintures
  • Claudio Guarda, Cesare Lucchini: opere 1993-1999, Edizioni Matasci, 1996[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN40020115 · SBN: IT\ICCU\FERV\056328 · ULAN: (EN500344500