Cattedrale di Aleksandr Nevskij (Tallinn)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cattedrale di Aleksandr Nevskij
Aleksander Nevski katedraal
Aleksander Nevski peakirik1.jpg
Facciata della chiesa
Stato Estonia Estonia
Contea Flag of et-Harju maakond.svg Harjumaa
Località Tallinn greater coatofarms.png Tallinn
Religione ortodossa
Diocesi eparchia di Tallinn
Consacrazione 1900
Architetto Mikhail Preobrazhensky
Stile architettonico Stile bizantino-russo
Inizio costruzione 1895
Completamento 1900
Sito web http://www.hot.ee/nsobor

Coordinate: 59°26′09″N 24°44′22″E / 59.435833°N 24.739444°E59.435833; 24.739444

La cattedrale di Aleksandr Nevskij (in estone: Aleksander Nevski katedraal) è la cattedrale ortodossa di Tallinn, capitale dell'Estonia. Con le sue cupole domina la collina di Toompea, nella città vecchia. La cattedrale è sede dell'eparchia di Tallinn, dipende dalla chiesa ortodossa estone, a sua volta dipendente dal Patriarcato di Mosca.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La cattedrale fu costruita alla fine del XIX secolo per iniziativa della popolazione ortodossa in donazioni raccolte da tutto l'impero. La cattedrale fu edificata in stile bizantino-russo fra il 1895 e il 1900 su progetto di architetto Mikhail Preobrazhensky. Alessandro III, lo zar, si salvò da un incidente ferroviario il 17 ottobre 1888 e volle ringraziare Sant'Aleksandr Nevskij (un eroe della storia russa, il Santo della Chiesa ortodossa russa). Per la grazia ricevuta erigendo in suo nome una nuova chiesa a Tallinn. Aleksandr Nevskij - il principe di Novgorod e di Vladimir dal 1252 fino alla sua morte; venne incaricato di difendere le terre del nord-ovest russo dagli svedesi e daitedeschi del Baltico.

Intanto lo zar morì e gli succedette il figlio Nicola II, sotto il cui impero venne conclusa la cattedrale, consacrata solennemente il 30 maggio 1900. Tuttavia la Rivoluzione, l'invasione tedesca, il periodo sovietica e vari scoraggiamenti tecnici fecero sì che la cattedrale non venisse rasa al suolo. Durante l'URSS, comunque, si ebbe la proposta, mai realizzata, di trasformarla in planetario. Durante l'occupazione tedesca la Cattedrale di Alexandr Nevskij è stato chiuso. Nel maggio 1945, la cattedrale ha cominciato commettere il servizio divino e ancora una volta è diventato il centro della vita della chiesa ortodossa in Estonia. La difficile e responsabile compito - per preparare per la consacrazione del Catedrale e la ripresa del servizio divino in esso è stato affidato a Aleksei Ridiger, il futuro Patriarca di Mosca e di tutte le Russie - Alessio II (Tallinn, 23 febbraio 1929 – Peredelkino, 5 dicembre 2008), quindicesimo patriarca della Chiesa ortodossa russa.

Durante l'ultimo decennio del XX secolo la cattedrale è stato rinnovato, facciata restaurata, ricostruiti (anche se senza doratura) cupole, sostituite parti metalliche decorazione esterna sul tamburo principale, invece di completamente arrugginiti installato sulle cupole delle nuove croci sono realizzati a San Pietroburgo in completa analogia con il vecchio.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa è a pianta centrale (croce greca) con cinque cupole a cipolla. La facciata, che gioca sul contrasto del rosso dei mattoni con il bianco delle rifiniture, è abbellita da mosaici e motivi ornamentali orientaleggianti. L'interno è affrescato ed arredato con icone, candelabri, tappeti e piccole edicole in legno dorato.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]