Castorimorpha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Castorimorpha
American Beaver.jpg
Castor canadensis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Glires
Ordine Rodentia
Sottordine Castorimorpha
Wood, 1955
Famiglie

I Castorimorfi (Castorimorpha Wood, 1974) sono un sottordine dell'ordine dei Roditori che comprendono i castori, i gopher dalle tasche e i ratti canguro.

Fig.1
Fig.2

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo sottordine nonostante sia rappresentato da forme con abitudini e caratteri morfologici esterni notevolmente diversi tra loro, si distingue per diverse peculiarità del cranio che hanno inequivocabilmente garantito l'esistenza di questo gruppo in qualsiasi classificazione precedente e che è stata rafforzata anche dalle ricerche filogenetiche moderne, confermando che le caratteristiche comuni sono ereditate da un unico antenato piuttosto che assimilate da convergenza evolutiva. Il cranio presenta il foro infra-orbitale insolitamente canalizzato, predisposto al solo passaggio di fasci nervosi, la disposizione del muscolo massetere è di tipo sciuromorfo (Fig.1), mentre la mandibola è tipicamente sciurognata (Fig.2). È sempre presente un premolare su ogni semi-arcata, mentre i due piccoli ossicini dell'orecchio, l'incudine ed il martello, non sono fusi tra loro.

Esternamente le tre famiglie viventi sono notevolmente diverse tra loro, i Castoridi con un corpo adattato alla vita acquatica, i Geomidi a quella sotterranea mentre gli Eteromiidi all'andatura saltante tipica delle forme viventi nelle zone aride.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il sottordine è diffuso nell'ecozona Olartica e nella parte settentrionale di quella neotropicale.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

I Castorimorfi comprendono 3 famiglie viventi ed almeno 6 estinte:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • E.R.Hall, The Mammals of North America, The Blackburn Press; 2nd edition, 1981. ISBN 978-1930665354
  • Ronald M. Novak, Walker's Mammals of the World, 6th edition, Johns Hopkins University Press, 1999. ISBN 978-0-801-85789-8

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi