Castello di Biron

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Biron
Château de Biron
Biron01.jpg
Stato attualeFrancia Francia
RegioneAquitania
CittàBiron
Coordinate44°37′56″N 0°52′21″E / 44.632222°N 0.8725°E44.632222; 0.8725
Mappa di localizzazione: Francia
Castello di Biron
Informazioni generali
Tipofortezza, residenza
CostruzioneXII secolo-XVIII secolo
Proprietario attualeStato
Visitabile
Informazioni militari
Azioni di guerraguerra dei cent'anni
http://www.northofthedordogne.com/chateau-de-biron.php
voci di architetture militari presenti su Wikipedia
Logo monument historique - rouge ombré, encadré.svg
Biron (Dordogna, Aquitania): il castello
Un'ala del castello
La cappella del castello
La cucina del castello

Il castello di Biron (in francese: Château de Biron) è un castello fortificato della cittadina francese di Biron, a cavallo tra le regioni storiche del Périgord e dell'Agenais, nel dipartimento della Dordogna (Aquitania), che fu realizzato tra il XII[1][2][3][4] e il XVIII secolo[1][2][3]. Fu sede di una delle quattro baronie del Périgord[3] e fu tra il XIII e il XX secolo, la residenza della famiglia Gontaut-Biron[1][2][3].

È stato inserito nella lista dei monumenti storici nel 1928.[5]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il castello si trova in cima su una collina che domina la città.[2]

Si presenta come una fusione tra una fortezza medievale e un edificio rinascimentale.[4]

Presenta un torrione risalente al XII secolo[3][4], una cappella risalente al XIV[4]-XV[1] secolo, mentre gli appartamenti sono di epoca rinascimentale[3][4].

Veduta dall'alto del castello

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione della fortezza originaria iniziò nel XII secolo.[1][3][4]

Nel 1221, si rifugiò nel castello un gruppo di Catari, che stavano sfuggendo all'inseguimento dell'esercito guidato da Simon de Monfort.[4]

Nel corso della guerra dei cent'anni, a causa della condotto ambigua della città di Biron nella scelta delle alleanze tra Francia e Inghilterra, il castello fu più volte attaccato e devastato dagli eserciti dei due Paesi.[4]

Nel XV secolo, il castello fu rimodellato in stile rinascimentale per volere di due fratelli, appartenenti alla famiglia Gontaut-Biron.[1] Sempre in quel periodo, furono iniziati i lavori per la costruzione della cappella, che però andarono a rilento e furono interrotti dalle guerre di religione.[1]

Agli inizi del XVII secolo, dopo che Charles de Gontaut era stato decapitato con l'accusa di complotto ai danni di re Enrico IV[1], la famiglia Gontaut-Biron fu declassata dal titolo di duchi a quello di baroni[1] e fu costretta ad abbandonare il castello[1].

La famiglia Gontaut-Biron poté però riacquisire il proprio titolo nobiliare e tornare a risiedere nell'edificio il secolo seguente.[1] Iniziò così una nuova opera di ristrutturazione.[1]

Nel corso della Rivoluzione francese, il duca di Biron fu decapitato[1] e il castello passò in seguito ad altri rami della famiglia[1].

Nel 1978, i discendenti della famiglia Gontaut-Biron abbandonarono l'edificio e lo cedettero allo Stato.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n Chateau de Biron, Dordogne: travel guide su North of the Dordogne
  2. ^ a b c d e Chateau de Biron tourism & sightseeing su France this Way
  3. ^ a b c d e f g Château de Biron su Pays de Bergerac
  4. ^ a b c d e f g h A.A.V.V., Francia del Sud-Ovest, Dorling Kindersley, London, 2005 - Mondadori, Milano, 2006, p. 136
  5. ^ Château de Biron su Culture.gouv.fr

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN146722757 · LCCN (ENn92035153 · WorldCat Identities (ENlccn-n92035153