Castello Pasquini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello Pasquini
Castello Pasquini.jpg
Veduta del fronte principale
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Toscana Toscana
Località Castiglioncello
Coordinate 43°24′19.24″N 10°24′45.59″E / 43.405344°N 10.412664°E43.405344; 10.412664Coordinate: 43°24′19.24″N 10°24′45.59″E / 43.405344°N 10.412664°E43.405344; 10.412664
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione dal 1889
Stile neomedievale
Realizzazione
Proprietario Comune di Rosignano Marittimo
Proprietario storico barone Patrone, famiglia Pasquini
I giardini

Il castello Pasquini si erge a Castiglioncello, nel comune di Rosignano Marittimo, a breve distanza dalla stazione ferroviaria della frazione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dragone portafiaccola

Il castello Pasquini fu costruito a partire dal 1889 come residenza del barone Lazzaro Patrone, che al contempo aveva acquistato vasti appezzamenti di terreno da Diego Martelli. Durante i lavori furono pertanto demoliti i vecchi edifici della passata proprietà, mentre i terreni agricoli furono trasformati in un rigoglioso parco d'impronta romantica.

Il castello, realizzato ad imitazione delle costruzioni medioevali, fu affiancato dalla casa del casiere, in stile neogotico, e da una cappella decorata secondo le tendenze eclettiche.

Inoltre, il barone Patrone offrì parte dei propri terreni per la costruzione della stazione ferroviaria di Castiglioncello, a patto che il fabbricato viaggiatori riprendesse lo stile del castello al fine di armonizzarsi con esso. Il medesimo barone si interessò anche dello sviluppo dell'intera località, ma i suoi progetti, come quello dell'ippodromo, non ebbero seguito.

Nel 1938 il castello fu ceduto ad altri proprietari ed intorno agli anni quaranta fu acquistato dalla famiglia Pasquini. Dopo un periodo di abbandono, nel 1981, divenne proprietà dell'amministrazione comunale di Rosignano Marittimo, che col tempo ne ha fatto il centro di una serie di manifestazioni ed eventi culturali, come il Premio Letterario Castiglioncello-Costa degli Etruschi.

La tensostruttura[modifica | modifica wikitesto]

Sul retro del castello, negli anni ottanta del Novecento, è stata realizzata una tensostruttura impiegata come sala polivalente. Essa è in grado di ospitare circa 640 persone, di cui 100 nella sala e 540 nelle gradinate. Nel 2016, tuttavia, ne è stato decretato l'abbattimento a causa degli elevati oneri necessari per la manutenzione e messa in sicurezza; una decisione maturata in concomitanza con l'accordo siglato tra l'amministrazione comunale e la Solvay Group per l'acquisizione del Teatro Solvay. La tensostruttura sarà sostituita con un anfiteatro destinato agli spettacoli all'aperto.[1]

Altre immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Tirreno, Sarà demolito il teatro tenda di Castiglioncello, iltirreno.gelocal.it. URL consultato il 19 settembre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]