Casa Editrice E. Pietrocola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Casa Editrice E. Pietrocola
1904catalogoEPietrocola.jpg
StatoItalia Italia
Fondazione1885 a Napoli
Fondata daEmanuele Pietrocola
Chiusura1943
SettoreEditoria

La Casa Editrice E. Pietrocola è stata una casa editrice italiana, con sede a Napoli e attiva dal 1885 al 1943.

La storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima fase della storia della casa editrice, della durata di dieci anni, riguarda il periodo che precede la fondazione. La seconda, di quindici, va dalla fondazione alla morte del fondatore. La terza e ultima, la più lunga, va dalla successiva acquisizione della azienda da parte di un nuovo proprietario, avvenuta all'inizio del secolo, fino alla definitiva cessazione di attività durante il secondo conflitto mondiale. Abbiamo considerato il 1885[1] come anno di fondazione della casa editrice perché in quell'anno Emanuele Pietrocola (Vasto 1847, Napoli 1899) rilevò la Tipografia Editrice dell'Indicatore Generale del Commercio[2] e il proprio nome incominciò a comparire accanto alla denominazione usata precedentemente per le edizioni di quella tipografia[3]. Poiché però a quel punto l'attività editoriale di quella tipografia era già stata attivata[4] dal nuovo proprietario, la questione dell'anno di inizio risulta controversa. Infatti, se è vero che nel catalogo della casa editrice del 1932[5]troviamo anno XLVII che corrisponde proprio all'anno di acquisizione che abbiamo scelto, cataloghi precedenti non furono dello stesso avviso. In quello del 1928 si legge anno XLV[6] che corrisponde a due anni prima mentre i cataloghi del 1904[7], del 1908[8] e del 1913[9] concordano per un inizio risalente al 1878.

Ante fondazione 1875-1884[modifica | modifica wikitesto]

Frontespizio de L'indicatore...-1875.

L'attività editoriale promossa dal futuro fondatore incominciò a Vasto nel 1875 quando Emanuele Pietrocola, in qualità di curatore dell'opera, pubblicò per un'apposita tipografia il primo numero dell'Indicatore Generale del Commercio[10], un volume di migliaia di pagine contenente centinaia di migliaia di indirizzi utili per il commercio e per l'industria, opera che da allora pubblicherà con cadenza annuale[11] per più di venti anni[12]. Nel 1881 il libro è premiato all'Esposizione Nazionale di Milano[13]. La sede della tipografia, come la residenza dell'editore, nel tempo si spostano da Vasto a Napoli. Già dai primi anni ottanta, oltre al detto Indicatore, risultano pubblicati vari altri libri a nome tip.edit.dell'Indicatore Generale del Commercio con sede a Napoli prima in Vico Freddo Donnalbina,6[14] poi in Strada Cisterna dell'Olio,44[15]. In questa prima metà degli anni ottanta, infatti, con questa denominazione non ancora integrata dal nome dell'editore, più di trenta titoli risultano nel catalogo OPAC del Servizio Bibliotecario Nazionale. I temi, piuttosto vari, vanno dal Leopardi[16] alla ferrovia metropolitana[17]. Tra questi anche pochi titoli che risultano pubblicati a Vasto come Sillabario[18] del 1884 e Dei demanii nelle provincie meridionali d'Italia del 1885[19]. Nel 1882 viene pubblicato il primo numero[20] della collana editoriale Biblioteca Legale per molto tempo diretta dall'avvocato Giuseppe Pietrocola[21], fratello minore del fondatore. Questa serie di pubblicazioni giuridiche, attraversando i nostri tre periodi, per più di sessanta anni e 3.800 numeri pubblicati, caratterizzerà, come nessun'altra, la produzione di questa casa editrice.

Post fondazione 1885-1899[modifica | modifica wikitesto]

frontespizio da Internet Archive

Il 1885, anno della fondazione, le pubblicazioni aggiungono alla precedente denominazione il nome dell'editore diventando Tip.Edit.dell'Indicatore del Commercio (E. Pietrocola). Solo nel 1887 la denominazione diventa finalmente Casa Editrice E. Pietrocola. Questa seconda fase è caratterizzata dal fiorire di interessanti iniziative editoriali. Molte di queste iniziative sia per difficoltà economiche insorte sia per le precarie condizioni di salute del loro ideatore ne seguirono la sorte non superando la fine del secolo.

  • Nel 1885 incominciò la serie economica Biblioteca Popolare centesimi 5 al numero[22], stampata con cadenza settimanale su vari argomenti trattati da vari scrittori tra cui Michele De Citiis, Tommaso Cordella[23], Francesco Dell'Erba. La serie fu interrotta l'anno successivo poi ripresa nel 1896 per un altro breve periodo.
  • Nel 1886 incomincia Piccola Collezione Amena, una collana di libri tascabili con romanzi di importanti autori stranieri come Émile Zola. La collana è diretta dalla migliore espressione culturale della Napoli del tempo: da Gaetano Miranda (1863-1935) e Carlo Petitti (1862-1933) a Onorato Fava (1859-1923). Gli ultimi due sono stati tra i membri fondanti la Società dei Nove Musi). Con questa serie la E. Pietrocola fu la prima casa editrice a pubblicare in Italia i romanzi dei fratelli Edmond de Goncourt e Jules de Goncourt[24].
  • Per la collana Biblioteca Varia, ricordiamo il volume di novelle di Gaetano Miranda Napoli che Muore[25] con illustrazioni di Rossi e Pratella e con prefazione di Luigi Capuana che manifesta sconcerto sulla Napoli di quegli anni, ex capitale, scossa da gravi emergenze economiche e sociali. Notevole, per la stessa collana anche Storie Meste[26].
  • In lingua inglese, in collaborazione con la E. Nerville Rolfe, Esq.,B.A. vengono pubblicati i libri di Domenico Monaco[27], Curatore del Museo Nazionale di Napoli, sulle opere conservate nel museo.[28]
  • Per la serie Biblioteca Teatrale troviamo Maria Giuditta Brancati, un dramma popolare in quattro atti di Michele Cuciniello[29].
  • Per la serie Romanziere Popolare risultano pubblicati autori come de Montépin[30], du Boisgobey[31] e Gaboriau[32].
  • Tra le iniziative editoriali fuori collana ricordiamo quelle storico-postali di Enrico Melillo[33], direttore dell'Uffizio delle Poste di Napoli: La Posta nei secoli[34], Le Poste nel Mezzogiorno d'Italia[35] e Dizionario geografico postale del regno d'Italia[36]. Notevole anche I discorsi della corona del 1897 digitalizzato su Internet Archive e quindi consultabile on line[37].
  • Per la collana Collezione Giuridica[38] escono 12 titoli di cui l'ultimo Il procedimento esecutivo mobiliare[39].
  • Per i Manuali Pietrocola[40] ricordiamo Storia del Risorgimento Italiano[41].
  • Come abbiamo detto l'Indicatore Generale del Commercio[42] continuò a essere pubblicato annualmente almeno fino al 1995.
  • Continuarono ancora, per un certo periodo pubblicazioni risultanti pubblicate a Vasto. Infatti a nome E.Pietrocola nel catalogo OPAC risultano una decina di titoli dal 1886 al 1888 tra cui segnaliamo Le crisi agrarie e commerciali presso i Romani[43], L'Hegel in Italia[44]. Un'altra decina di titoli si trovano cercando con la vecchia denominazione. Da Ricordi di Storia Vastese[45] di Luigi Anelli del 1885 a Fortuna[46] di Nicola Ruggieri del 1889. Con la vecchia denominazione troviamo anche Istonio.il giornale della domenica periodico vastese dell'epoca.
1897, pubblicità a p.47 del n.48 della Biblioteca Popolare E. Pietrocola
  • Bollettino settimanale delle Leggi e dei Decreti del Regno d'Italia[47].
  • Collezione delle Leggi e dei Decreti del Regno d'Italia anno per anno a partire dal 1861. Volumi di migliaia di pagine elegantemente rilegati venduti in concorrenza con altri editori[47].
  • La serie Biblioteca Legale, dopo i pochissimi numeri che precedettero la fondazione, continuò in modo regolare. Vengono pubblicati numerosi testi curati dell'avvocato Luigi Lombardi che vanno dal Sommario di diritto amministrativo[48] al Sommario di diritto Canonico[49] fino al Codice di procedura Civile[50]. Notevole il contributo di Luigi Manzitti con guide e manuali teorico-pratici e altro[51]. Quando nel 1893 si stampa il n.190 della serie, Codice Di Pubblica Sicurezza[52], un volume con più di mille pagine, risultano già più di duecento titoli in catalogo.
Nel 1896 la casa editrice pubblicò il n. 331, "Cinque codici del Regno d'Italia"[53]anche in formato minuto. Il libro sarà ripubblicato per molti anni anche nella fase successiva[54].

Successione 1900-1943[modifica | modifica wikitesto]

1925 n. 2724 della serie Biblioteca legale.

Nel 1899 Emanuele Pietrocola morì e l'azienda fu rilevata da una cartiera di Varese, una ditta intitolata al fondatore Paolo Andrea Molina[55]. Questi aveva anche aperto una importante stamperia a Milano negli anni che vanno dal 1830 al 1860 e fu tra i primi se non il primo[56]) a utilizzare macchine per produrre carta in Italia. La nuova proprietà integra la denominazione della casa editrice che diventa così Casa Editrice E. Pietrocola successore P.A. Molina. Nella nuova fase le caratteristiche editoriali dell'azienda non cambiano anche se molte delle numerose iniziative avviate da Emanuele Pietrocola che del resto si erano già arrestate per problemi economici e di salute, terminarono definitivamente. La sede dopo pochi anni si sposta da Via Carlo III-Regio Albergo dei Poveri[57]dove si era trasferita già agli inizi degli anni novanta a Via Portamedina alla Pignasecca,44[58] dove rimarrà fino alla fine.

  • La collana Biblioteca Legale, diretta dall'avvocato Giuseppe Pietrocola fratello minore dell'editore scomparso, continua le pubblicazioni a pieno ritmo.
  • Continua anche la annuale Collezioni delle Leggi e dei Decreti del Regno d'Italia[47].
  • Continua il Bollettino settimanale delle Leggi e dei Decreti del Regno d'Italia[47].
  • La collana Collezione Giuridica, pur essendo ancora in catalogo nel 1908, non prosegue le pubblicazioni[38].
  • In collaborazione con varie Università, usando la denominazione Stab. Tip. Casa Edit.E. Pietrocola succ. P.A. Molina, da inizio secolo, per circa un ventennio, vengono pubblicati molti testi, soprattutto di medicina. Una decina, del 1903, sono di Luigi Ferrannini[59] come ad esempio Azione del succo gastrico umano sui bacilli tubercolari[60].

Alla morte di Giuseppe Pietrocola (1930 circa) l'attività editoriale fu portata avanti da suo figlio Emanuele[61] che già precedentemente lo aveva affiancato alla direzione della collana Biblioteca Legale[62]. Questi guiderà l'azienda fino alla morte, avvenuta nel 1935, quando aveva solo 46 anni di età. Le pubblicazioni di questa casa editrice continueranno ancora per qualche anno giovandosi anche di tipografie esterne come la A. De Vito[63], ma non supereranno il periodo bellico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi anche Discussione:Casa Editrice E. Pietrocola#Anno fondazione casa editrice del 2016
  2. ^ Spadaccini
  3. ^ Salvatore Ponzè, La giovane Italia Pietrocola, Napoli, Indicatore Generale del Commercio (E.Pietrocola), SBN IT\ICCU\IEI\0227970.
  4. ^ Codice dello elettore politico cioè legge elettorale 22 gennaio 1882 colle modificazioni apportatevi dalla legge sullo scrutinio di lista 7 maggio 1882, art. 40 dello statuto del Regno, disposizioni della legge 3 luglio 1875 mantenute in vigore, legge sulle incompatibilita parlamentari 13 maggio 1877, legge sulle incompatibilita amministrative 5 luglio 1882, in Biblioteca Legale,1, Napoli, Tip. edit. dell'Indicatore generale del commercio, SBN IT\ICCU\NAP\0165356.
  5. ^ Catalogo 1932 (JPG), su commons.wikimedia.org.
  6. ^ Il catalogo non è stato consultato ma è in vendita su ebay. Fonte temporanea: Bollettino 1928, su ebay.it. URL consultato il 23 maggio 2018.
  7. ^ Catalogo 1904 (JPG), su commons.wikimedia.org.
  8. ^ Catalogo 1908 (JPG), su commons.wikimedia.org.
  9. ^ Catalogo Casa Editrice Pietrocola (JPG), Napoli, Casa Editrice E.Pietrocola successore P.A. Molina, SBN IT\ICCU\CAG\1995759.
  10. ^ Emanuele Pietrocola (a cura di), L' indicatore generale del commercio e della industria italiana : guida di indirizzi, Vasto - Napoli, Ufficio dell'Indicatore, 1875, SBN IT\ICCU\CFI\0708494. .
  11. ^ Corriere dell'Arno 1881.
  12. ^ 1895, SBN IT\ICCU\CFI\0503596.
  13. ^ Maria Marchese, La terra, Biblioteca popolare n.13,, Napoli, tip.edit.dell'indicatore generale del commercio (E.Pietrocola), 1885, p. 2, SBN IT\ICCU\BAS\0255717.
  14. ^ Vico Freddo Donnalbina (JPG), su commons.wikimedia.org.
  15. ^ Strada cisterna dell'Olio (JPG), su commons.wikimedia.org.
  16. ^ Una difesa di Giacomo Leopardi, Vasto, Tip. Edit. E. Pietrocola, 1880, SBN IT\ICCU\RML\0062840.
  17. ^ Lamont Young, Ferrovia metropolitana e Campi Flegrei, Vasto, Tip. Edit. E. Pietrocola, 1884, SBN IT\ICCU\TO0\1379640.
  18. ^ F. Della Penna, Sillabario, Vasto, Tip. edit. dell'Indicatore generale del commercio, 1886, SBN IT\ICCU\TO0\0705105.
  19. ^ Camillo Del Greco, Dei demanii nelle provincie meridionali d'Italia, Vasto, Tip. edit. dell'Indicatore generale del commercio, 1885, SBN IT\ICCU\SBL\0164198.
  20. ^ Codice dello elettore politico cioè legge elettorale 22 gennaio 1882 colle modificazioni apportatevi dalla legge sullo scrutinio di lista 7 maggio 1882, art. 40 dello statuto del Regno, disposizioni della legge 3 luglio 1875 mantenute in vigore, legge sulle incompatibilita parlamentari 13 maggio 1877, legge sulle incompatibilita amministrative 5 luglio 1882 (JPG), in BibliotecaLegale,1, Napoli, Tip. edit. dell'Indicatore generale del commercio, SBN IT\ICCU\NAP\0165356.
  21. ^ Abitazioni (JPG), in BibliotecaLegale,2337, Napoli, E.Pietrocola successore P.A Molina, 1921, p. quarta di copertina, SBN IT\ICCU\LO1\0748011.
  22. ^ Giorgio Pietrocola, Biblioteca Popolare, su pietrocola.eu. URL consultato il 10 dicembre 2016.
  23. ^ Giuseppe Catania, Personaggi: Tommaso Cordella (medico) e le sue battaglie per far riaprire l'Ospedale, chiuso nel 1919, su noivastesi.blogspot.it. URL consultato il 15 marzo 2018.
  24. ^ Pica.
  25. ^ Gaetano Miranda, Napoli che muore: studi di vita napoletana, Napoli, E. Pietrocola, 1887, SBN IT\ICCU\CUB\0457626.
  26. ^ Emile Zola, Storie meste, Napoli, E. Pietrocola, 1887, SBN IT\ICCU\CUB\0619840.
  27. ^ Naples Museum, su commons.wikimedia.org.
  28. ^ Il Getty Research Institute, su primo.getty.edu. URL consultato il 13 aprile 2018.
  29. ^ Michele Cuciniello, Maria Giuditta Brancati, Napoli, E. Pietrocola, 1886, SBN IT\ICCU\NAP\0007951.
  30. ^ Saverio di Montepin, I misteri della marchesa, traduzione di Carolina Lahalle, Napoli, E. Pietrocola, 1887, SBN IT\ICCU\NAP\0334257.
  31. ^ Fortuné du Boisgobey, Trent'anni d'avventure, Napoli, E. Pietrocola.
  32. ^ Émile Gaboriau, Gli amori di un'avvelenatrice, Napoli, E. Pietrocola, 1887, SBN IT\ICCU\BRI\0446441.
  33. ^ Temi postali, su commons.wikimedia.org.
  34. ^ Enrico Melillo, La Posta nei secoli, Napoli, E. Pietrocola, 1897, SBN IT\ICCU\NAP\0022294.
  35. ^ Enrico Melillo, Le Poste nel Mezzogiorno d'Italia, Napoli, Pietrocola, 1897, SBN IT\ICCU\SBL\0480074.
  36. ^ Dizionario geografico postale del regno d'Italia., Napoli, Casa Editrice E. Pietrocola, 1896, SBN IT\ICCU\UM1\0106089.
  37. ^ Consultabili in rete (Ed.Pietrocola), su commons.wikimedia.org.
  38. ^ a b Collezione Giuridica, su commons.wikimedia.org.
  39. ^ Antonio Pica, Il procedimento esecutivo mobiliare, Napoli, E. Pietrocola, 1893, SBN IT\ICCU\CUB\0526874.
  40. ^ Manuali Pietrocola, su commons.wikimedia.org.
  41. ^ Giuseppe Neri, Storia del risorgimento italiano, in Manuali Pietrocola, 3, Napoli, 1896, SBN IT\ICCU\CUB\0481581.
  42. ^ Indicatore Generale del Commercio, su commons.wikimedia.org.
  43. ^ Luigi Manzi, Le crisi agrarie e commerciali presso i romani, Vasto, Tipografia Editrice E.Pietrocola, 1886, SBN IT\ICCU\TO0\0705105.
  44. ^ Vincenzo De Lucia, L'Hegel in Italia, Vasto, Tip. Edit. E. Pietrocola, 1888, SBN IT\ICCU\CUB\0382701.
  45. ^ Luigi Anelli, Ricordi di storia vastese, Napoli, Tip. ed. dell'Indicatore gen. del commercio, 1885, OCLC 29134488, SBN IT\ICCU\MOL\0181635.
  46. ^ Nicola Ruggieri, Fortuna, Vasto, Tip. Edit. Dell'indicatore Generale Del Commercio, 1889, SBN IT\ICCU\CUB\0566643.
  47. ^ a b c d Leggi e Decreti del Regno d'Italia, su commons.wikimedia.org.
  48. ^ Biblioteca Legale, 16, 1885, SBN IT\ICCU\LO1\1147277.
  49. ^ Biblioteca Legale, 17, 1885, SBN IT\ICCU\PUV\0718888.
  50. ^ Codice di procedura civile del regno d'Italia annotato con le parole della legge, coi regolamenti giudiziari e con decisioni delle corti di cassazione del regno annotato per l'avv. Luigi Lombardi, in Biblioteca Legale, 13, 1885, SBN IT\ICCU\UBO\2992995.
  51. ^ come per esempio Leggi e regolamenti sulle tasse per le concessioni governative e per gli atti e provvedimenti amministrativi, commentati con tutte le risoluzioni amministrative e decisioni giudiziarie, in Biblioteca Legale,28, 1886, SBN IT\ICCU\UBO\3064757.
  52. ^ Codice di pubblica sicurezza : raccolta di leggi, regolamenti, circolari, istruzioni ministeriali, ecc, in Biblioteca Legale,190, 1893, SBN IT\ICCU\CUB\0197291.
  53. ^ I cinque codici del Regno d'Italia, Napoli, Tip. Casa Edit. E. Pietrocola, 1896, SBN IT\ICCU\CUB\0197608..
  54. ^ I cinque codici con le disposizioni modificatrici e complementari, Napoli, Tip. Casa Edit. E. Pietrocola succ. P.A.Molina, 1922, SBN IT\ICCU\PUV\0706773..
  55. ^ Paolo Andrea Molina, su commons.wikimedia.org.
  56. ^ fonte: digilander.libero.it, http://digilander.libero.it/marbox57/carta1.htm.
  57. ^ Regio Albergo dei Poveri (JPG), su commons.wikimedia.org.
  58. ^ Via Portamedina alla Pignasecca (PDF), su commons.wikimedia.org.
  59. ^ Luigi Ferrannini, su treccani.it.
  60. ^ Azione del succo gastrico umano sui bacilli tubercolari, Napoli, Stab. Tip. Casa Edit. E.Pietrocola succ. P.A.Molina, 1903, SBN IT\ICCU\NAP\0112506.
  61. ^ Autore anche di: Dott. Emanuele Pietrocola, Codice della caccia : Manuale teorico-pratico contenente la raccolta completa di tutte le disposizioni legislative vigenti, richiami di giurisprudenza e note illustrative [a cura del] dott. Emanuele Pietrocola. Con prefazione dell'avv. Giovanni De Leo, in Biblioteca Legale,3009, Napoli, Casa Editrice E.Pietrocola succ. P.A. Molina, 1930, SBN IT\ICCU\CUB\0196938..
  62. ^ Imposta sui fabbricati, in BibliotecaLegale,2816, Napoli, E.Pietrocola successore P.A Molina, 1927, p. 72.
  63. ^ Disciplina degli alloggi per gli sfollati : R. decreto-legge 15 marzo 1943, n. 107, Napoli, E. Pietrocola, 1943 (Tip. A. De Vito), 1943, SBN IT\ICCU\CUB\0242887.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]