Vittorio Pica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vittorio Pica, primi del '900

Vittorio Pica (Napoli, 28 aprile 1862Milano, 1º maggio 1930) è stato uno scrittore e critico d'arte italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1882, all'età di diciotto anni, scrisse un saggio sui fratelli Goncourt[1] che gli valse una menzione sul Fanfulla della domenica.[2] In seguito si trasferì a Roma e a Venezia, stabilendosi poi in via definitiva a Milano.[2]

Alla sua opera critica si deve la diffusione in Italia dei grandi poeti decadenti francesi, soprattutto Paul Verlaine e Stéphane Mallarmé (con entrambi era in rapporti epistolari). I saggi ad essi dedicati confluirono nella pubblicazione Letteratura d'eccezione (Baldini e Castoldi, 1898).

Svolse un ruolo fondamentale nella creazione della Biennale di Venezia, della quale fu curatore di diverse edizioni.[2] Fu anche tra i fondatori della rivista Emporium di Bergamo, divenendone nel 1900 il direttore editoriale e restando in redazione fino alla sua scomparsa.[2] Collaborò anche alla rivista senese Vita d'Arte.

Ebbe grande importanza nella crescita della storica casa editrice di Luigi Pierro a Napoli[3], con la quale pubblicò le sue prime opere e nella cui libreria fondò, insieme a Benedetto Croce e ad altri intellettuali napoletani, la Società dei Nove Musi.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Durante la sua carriera letteraria produsse numerose pubblicazioni tra monografie, saggi, cataloghi per mostre ed esposizioni, prefazioni. Tra i più importanti:

  • All'avanguardia. Studi sulla letteratura contemporanea, Napoli, Pierro, 1890.
  • L'arte dell'Estremo Oriente, Torino-Roma, L. Roux, 1894.
  • L'arte Europea a Venezia, Napoli, Pierro, 1895.
  • L'arte medioevale a Venezia, Napoli, Pierro, 1897.
  • Letteratura d'eccezione, Milano, Baldini Castoldi e C., 1898.
  • L'arte decorativa all'Esposizione di Torino, 4 fascicoli, Bergamo, Istituto italiano d'arti grafiche, 1902-1903.
  • Attraverso gli albi e le cartelle, prima serie, Istituto italiano d'arti grafiche, Bergamo 1904. Disponibile per il download su Internet Archive
  • L'arte giapponese al museo Chiossone di Genova, Bergamo, Istituto italiano d'arti grafiche, 1907. Disponibile per il download su Internet Archive
  • Gli impressionisti francesi, Bergamo, Istituto italiano d'arti grafiche, 1908
  • La Galleria d'arte moderna di Venezia, Bergamo, Istituto italiano d'arti grafiche, 1909.
  • L'arte mondiale a Roma nel 1911. I pittori stranieri, Bergamo, Istituto italiano d'arti grafiche, 1911.
  • Giuseppe de Nittis, l'uomo e l'artista, Milano, Alfieri-Lacroix, 1914.
  • Arte ed artisti nella Svezia dei giorni nostri, Milano, Bestetti e Tumminelli, 1915.
  • Atlante dell'incisione moderna, composto assieme ad Aniceto del Massa, Firenze, Rinascimento del libro, 1928.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Edmond (1822-1896) e Jules de Goncourt (1830-1870), scrittori francesi, esponenti del naturalismo letterario.
  2. ^ a b c d Fonte: V. Mariani, Enciclopedia Italiana, riferimenti e link in Bibliografia.
  3. ^ P. Pironti, Luigi Pierro. Editore, Firenze, Sansoni, 1963, SBN IT\ICCU\SBL\0142351.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56659793 · ISNI (EN0000 0001 1648 4298 · SBN IT\ICCU\CFIV\056946 · LCCN (ENn88106370 · GND (DE118855840 · BNF (FRcb122153528 (data) · ULAN (EN500324016 · BAV ADV10126514