Carlo Tuzzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Carlo Tuzzi (Firenze, 1863Torino, 1912) è stato un paroliere e scrittore italiano, noto principalmente per aver scritto, probabilmente nel 1908, il testo della tradizionale canzone Bandiera rossa.[1] Scrisse il testo della canzone, su una musica di autore ignoto, forse una fusione di due melodie popolari lombarde.[2][3]

La canzone si diffuse negli anni seguenti, e nel 1923 era già attestata la sua diffusione negli Stati Uniti[4].

Tuzzi inoltre si dedicò alla riscoperta della canzone popolare italiana, pubblicando anche una raccolta curata insieme a Lamberto Mercuri, "Canti politici italiani (1793-1945)"[5].

Pubblicò inoltre alcuni libri sulle tradizioni popolari romane[6][7][8][9].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Canti politici italiani (a cura di Lamberto Mercuri, Carlo Tuzzi), Roma: Editori Riuniti, 1962
  • Il carnevale a Roma, Roma: Trevi, 1966.
  • Li Briganti a Roma, Roma: Trevi, 1966.
  • Il serraglio degli ebrei, Roma: Trevi, 1966.
  • Amore e vizio nella Roma del '500, Roma: Trevi, 1966.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianni Borgna, Storia della canzone italiana, Laterza, 1985
  • Ramón José Sender, José Domingo Dueñas Lorente, Proclamación de la sonrisa: ensayos, Universidad de Zaragoza, 2008

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]