Carlo Repetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Carlo Repetti (Genova, 1947) è un drammaturgo e direttore teatrale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Autore teatrale e direttore del Teatro Stabile di Genova dal 2000 al 2015, teatro dove ha lavorato dal 1971 al 1990 e dal 1993 al 1997 come drammaturgo, responsabile culturale, direttore della Scuola di recitazione, e vicedirettore. È stato assessore allo spettacolo, turismo, sport e commercio del Comune di Genova dal 1990 al 1993 e dal 1997 al febbraio 2000. Come assessore ha fra l'altro affiancato Claudio Burlando nell'ideazione e nella realizzazione dell'Acquario di Genova, ha creato la Film Commission di Genova, ha riaperto e gestito nel '91 e nel '92 il Festival del Balletto di Nervi, ha ideato e promosso le guide Touring Club e Gallimard dedicate a Genova. È cittadino onorario di Cabella Ligure e Cavaliere della Légion d’honneur[1]. È sposato e ha tre figli Lorenzo, Camilla e Benedetta.

L'attività di drammaturgo[modifica | modifica wikitesto]

Tra le numerose opere messe in scena si ricordano: La stagione e il silenzio (1986), Genova 1746 (1981); La passione dello Segnor Ihesu Christe da testi religiosi liguri del Trecento (1983); Gli accidenti di Costantinopoli (1984), da Carlo Goldoni; Borges, autoritratto del mondo (1984) e Inverni (1988) da Silvio D'Arzo, diretti da Marco Sciaccaluga e interpretati da Ferruccio De Ceresa e Elsa Albani; Verso la fine dell'estate, andata in scena al Festival dei Due Mondi del 1992, con Anna Galiena e Massimo Ghini, regia di Piero Maccarinelli[2]. Per il Teatro stabile di Genova ha ideato e organizzato il grande ciclo di letture integrali della Divina Commedia (1983/1986), dell'opera poetica di Eugenio Montale (1988/1989), dei Grandi Discorsi (1995-96-97) e delle Mises en Espace (dal 1996).

Opere edite[modifica | modifica wikitesto]

  • La stagione e il silenzio (pubblicato su "Sipario" del 1979)
  • Inverni dai racconti Casa d'altri e Due vecchi di Silvio D'Arzo: con materiale critico su Silvio D'Arzo e la sua opera, Genova, Teatro di Genova, 1988
  • Verso la fine dell'estate, Genova, Marietti, 1993
  • Insolita storia di una vita normale, Genova, Einaudi, 2011. Primo romanzo dell'autore.
  • Il ponte di Picaflor, Einaudi, 2015. ISBN 978-88-06-22393-9

Traduzioni edite[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Scheda d'autorità su SBN

Controllo di autorità VIAF: (EN262935922 · LCCN: (ENn96078212 · SBN: IT\ICCU\CFIV\050141 · ISNI: (EN0000 0003 8197 3017 · BNF: (FRcb17022846j (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie